Terni Donne, l’orrore della guerra a Kobane / La resistenza delle donne ai tagliagole dell’Isis da: UIKI

Terni Donne, l’orrore della guerra a Kobane / La resistenza delle donne ai tagliagole dell’Isis

Grozny e Sara Montinaro mettono a nudo le crudeltà della battaglia “Guerriglieri assumono viagra per poter stuprare più donne possibile”

Si è tenuto sabato scorso alle 17.00, alla Casa delle Donne di Terni, l’incontro con l’attivista della Campagna Rojava Calling, Sara Montinaro e il giornalista freelance Ivan “Grozny” Compasso. “Kobane la resistenza e le donne” questo il titolo dell’evento durante il quale i due ospiti, attingendo alle esperienze fatte in prima persona sul campo, hanno proposto al pubblico una contro-narrazione di quella che è la realtà di Kobane e della resistenza contro l’Isis, molto più complessa e particolarizzata rispetto a quella offerta dai media nazionali mainstream, ponendo sotto la lente alcuni aspetti per lo più sconosciuti al grande pubblico.

Sara Montinaro, è membro di “Ya Basta!” Bologna, organizzazione no profit che ha aderito al progetto della Campagna Rojava Calling a sostegno del Rojava, regione a nord­est della Siria che si è proclamata autonoma e di cui fa parte Kobane. “Alla base di Rojava c’è stata una vera e propria rivoluzione nella quale le donne hanno avuto un ruolo fondamentale, hanno scelto di partire dalla ridefinizione del concetto di donna e di onore per dare vita ad una nuova forma di governo alternativa al modello dello stato nazione” – ha detto Sara Montinaro.

Il Rojava si basa su quattro pilastri fondamentali: 1. il confederalismo democratico, in base al quale tutte le etnie convivono pacificamente in un sistema piramidale in cui la massima autorità è costituita da due governatori (un uomo e una donna) che esercitano il potere tenendo conto delle esigenze e delle problematiche delle Comuni (micro­entità di circa 50 abitazioni), 2. l’autodifesa (di qui la costituzione delle guerriglie Ypg, costituite da uomini e donne e Ypj, in cui combattono solo donne, per difendersi dall’avanzata degli uomini in nero), 3. un modello di economia distributiva antitetico a quello capitalistico e la 4. ridefinizione del ruolo della donna. “Le donne hanno avviato in queste zone una vera e propria rivoluzione a 360 gradi dal punto di vista sociale, culturale e politico, mediante la quale sono riuscite a sdoganarsi dal ruolo di succubi dell’uomo e ad inserirsi in tutti i contesti della vita quotidiana e non solo. C’è un detto curdo che recita ‘non importa se un leone è uomo o donna, un leone è sempre un leone’ e questo penso valga più di molte parole”, ha spiegato Sara Montinaro. Prima di concludere il suo intervento, l’attivista non ha risparmiato un affondo contro i media occidentali, colpevoli, a suo dire, di affrontare ben poco alcuni aspetti rilevanti dell’avanzata dell’Isis e della resistenza curda, uno fra tutti il ruolo della Turchia. “La verità è che purtroppo la Turchia sta aiutando in vari modi l’avanzata dell’Isis, attraverso il controllo militarizzato del confine, acquistando il petrolio dai tagliagole del califfato, senza contare che gli uomini di al­Baghdadi spesso, se feriti, vanno a farsi curare in Turchia. Già nel 2013 poi, il confine turco attraverso cui passavano i jihadisti occidentali per unirsi alle file dell’Isis era scarsamente controllato. Ora la Turchia fornisce a Francia e Germania i nominativi dei jihadisti occidentali, ma sembra farlo più che altro per ‘contentino’”.

“Non sono un eroe, ho fatto solo il mio lavoro come ritengo giusto che vada fatto” così ha iniziato il suo racconto Ivan “Grozny” Compasso, uno dei pochi giornalisti ad aver passato la frontiera raggiungendo così Kobane, dove è rimasto dal 6 al 12 dicembre. Per arrivare alla città simbolo della resistenza curda, il giornalista si è affidato ad un trafficante di uomini che l’ha condotto in auto insieme ad altri reporter ed è giunto nella parte ovest della città, dove si trovano ancora seimila civili adulti e mille bambini che sono rimasti per scelta o per necessità, “non tutti vogliono finire in un campo profughi curdo senza contare che per lasciare Kobane bisogna affidarsi ai contrabbandieri che chiedono circa 400 dollari a persona, molte famiglie non possono permetterselo”. Durante la settimana di permanenza nella città siriana, Ivan “Grozny” Compasso ha avuto l’opportunità di vivere a stretto contatto con le milizie curde dell’Ypg e dell’Ypj, impegnate in una estenuante ed eroica resistenza contro l’Isis. In questa battaglia un ruolo fondamentale è ricoperto dalle donne che hanno scelto di impugnare le armi per difendere in prima persone se stesse e la propria terra. A Kobane, come spiega il giornalista “c’è una cooperazione reale, ognuno fa la sua parte, uomini e donne vanno a combattere, mentre i più giovani (sotto i 21 anni) e gli anziani si occupano di tenere pulite le strade e di portare viveri e sigarette ai guerriglieri”.

Oltre ad essere numericamente inferiori, i combattenti curdi dispongono di armi piuttosto obsolete, fatta eccezione per quelle che riescono a sottrarre dai miliziani dell’Isis uccisi in battaglia. Dopo uno scontro, infatti, i guerriglieri curdi recuperano i corpi degli avversari. Questa pratica è giustificata da varie motivazioni, quella sanitaria prima di tutto, ma anche per una questione di rispetto, i cadaveri dei miliziani, infatti vengono disposti dai curdi in fosse comuni, uno accanto all’altro, in modo da poter essere restituiti ai familiari nel caso venissero a reclamarli. Recuperare i corpi dei nemici, inoltre, ha permesso ai guerriglieri di acquisire molte informazioni sui militanti dell’Isis. Si è scoperto ad esempio che questi fanno uso di droghe prima di commettere le atrocità per cui sono tristemente noti e che assumono Viagra in modo da poter violentare il maggior numero di donne possibile. E questo purtroppo non è tutto, come ha raccontato Ivan “Grozny” la guerra dell’Isis è una guerra che punta molto sulla componente mediatica, per questo durante la loro avanzata, i miliziani seguono una sorta di orrorifica procedura “standard”, raggiungono un villaggio e sterminano nei modi più atroci l’intera popolazione fatta eccezione per un anziano e un bambino ai quali viene poi consegnato il filmato contenente tutte le esecuzioni in modo che i superstiti possano mostrarlo agli abitanti dei villaggi vicini contribuendo così a seminare il terrore.

Circa 377 villaggi sono già stati massacrati. Nonostante la strategia dell’orrore messa in atto dall’Isis a colpi di atrocità, esecuzioni sommarie e violenze sessuali, i guerriglieri dell’Ypg e dell’

Ypj non si sono arresi e la scorsa settimana sono riusciti a liberare la loro Kobane dai Dais (“quelli là”, come i curdi chiamano gli uomini dell’Isis). Terminato, non senza un forte coinvolgimento emotivo, il suo racconto, il giornalista ha passato di nuovo la parola a Sara Montinaro che ha illustrato alcuni dei progetti che la Campagna Rojava Calling intende mettere in atto, come la costituzione di uno spazio educativo e ricreativo per i bambini e gli adolescenti sfollati presso il campo profughi di Suruc (Turchia).

di Giulia Argenti, Tuttooggi Info

Annunci

Il “ruolo” della Turchia nella liberazione di Kobanè non deve essere dimenticato! da: UIKI

Il “ruolo” della Turchia nella liberazione di Kobanè non deve essere dimenticato!

Mentre continuano gli effetti prodotti dalla liberazione di Kobanè che è stata portata a compimento grazie alla leadership delle forze YPG/YPJ dopo 134 giorni di storica resistenza, l’ attenzione è rivolta alle spiegazioni riguardanti la vittoria di Kobanè fornite dai membri dell’ AKP ed in particolare dal Presidente Recep Tayyip Erdoğan.

Il portavoce del governo Bülent Arınç ha reso una dichiarazione subito dopo la vittoria e ha parlato del “ruolo” dello Stato turco e del governo dell’AKP nella liberazione di Kobanè: “Spero che non dimenticheranno il ruolo positivo che la Turchia ha rivestito in questa questione”. Questo discorso rivela ancora una volta l’approccio incostistente dell’AKP rispetto alla resistenza di Kobanè. Ad ogni modo, il Presidente Recep Tayip Erdoğan non avverte l’esigenza di nascondere il suo approccio ostile nei confronti di Kobanè e ha dichiarato in un programma televisivo andato in onda ieri : “Non capisco perchè Kobanè sia costantemente all’ordine del giorno. Perchè parliamo soltanto di Kobanè?”, rivelando ancora una volta come la sua attidudine avversa a Kobanè non sia cambiata.

Lo Stato turco fornisce equipaggiamento militare
Secondo fonti locali a GirêSpî (Til-Ebyad), mentre venivano effettuati gli attacchi su Kobanè su tre fronti, il 17 Settembre 2014 un treno trasportò armamenti militari nel villaggio di Silîb Qeran, usato come base militare da Daesh e che è uno dei punti di confine tra il Rojava e il Kurdistan del Nord. Fonti locali hanno anche riportato che, nonostante non sia presente una stazione in questo villaggio, il treno si fermò e furono scaricati materiali in scatole pesanti che si ritiene fossero bombe, granate e altro equipaggiamento militare. Anche le persone presenti sul luogo e provenienti dal Rojava verificarono che il treno aveva consegnato materiale militare appartenente allo Stato turco a Daesh.

La TV in diretta riporta un video sul “sostegno” turco!
Anche IMC TV trasmise in diretta il 1 Ottobre 2014 un servizio riguardante un ulteriore sostegno a Daesh da parte dello Stato turco mentre gli attacchi a Kobanè si facevano intensi. Membri di Daesh passavano attraverso la linea della ferrovia di fronte ai soldati turchi che si trovavano sul confine del Rojava e si dirigevano poi verso la collina Zorava. Sei membri di Daesh che avevano usato la linea ferroviaria appartenente alla Turchia furono fermati dai combattenti YPG/YPJ.

Stato di emergenza in Kurdistan
Nel periodo in cui gli attacchi a Kobanè si intensificarono, miglialia di persone parteceparono a proteste di solidarietà per Kobanè e furono presi come bersaglio dalla polizia turca e lo Stato turco annunciò il coprifuoco in molte città tra cui Diyarbakir.

La polizia turca (Hizbulcontra) co-diresse operazioni che portarono alla morte di oltre 40 persone. Più di 2000 persone furono trattenute in stato di fermo in seguito a operazioni di genocidio politico e 500 furono messe agli arresti. Anche questo sarà ricordato come un “ruolo indimenticabile” giocato dalla Turchia nella resistenza di Kobanè.

L’attacco a Miştenur: uno degli indimenticabili “interventi di sostegno” della Turchia nella resistenza di Kobanè
Il 15 Settembre 2014, quando gli attacchi a Kobanè iniziarono ad intensificarsi, la polizia turca sgomberò diversi villaggi per cosidette “ragioni di sicurezza”. Questi villaggi furono in seguito occupati dai terroristi di Daesh e il 29 Ottobre 2014 i terroristi usarono il valico di confine di Mürşitpınar per bombardare e diedero inizio ad un feroce attacco a Kobanè tramite mezzi dell’Esercito turco. Mentre da un lato i soldati turchi si limitavano ad osservare gli attacchi su Kobanè da parte dei membri di Daesh, dall’altro gettavano gas lacrimogeni contro i propri concittadini che volevano attraversare il confine per Kobanè e aggiungersi alla resistenza. Anche questo incidente sarà ricordato tra gli “indimenticabili interventi di sostegno” dello Stato turco nella resistenza di Kobanè.

Membri di Daesh curati negli ospedali turchi
Una delle questioni che è stata messa in evidenza riguardo alla collaborazione tra la Turchia e Daesh è stata quella dell’assistenza medica fornita negli ospedali turchi ai membri di Daesh feriti. Recentemente, il 16 Gennaio 2015, l’agenzia DIHA ha raccolto le registrazioni di due membri di Daesh che non hanno sentito l’esigenza di nascondere la propria identità presso l’Ospedale Mehmet Akif İnan di Urfa. Nuovamente a dimostrazione del sostegno dello Stato turco, questo incidente sarà annoverato tra i molti indimenticabili “ruoli” della Turchia nella resistenza a Kobanè.

Soldati scortano la loro fuga!
La settimana scorsa la gente del villaggio di Swêdê che si trova sulla linea di confine a Suruç, ha riferito che membri di Daesh hanno incontrato soldati turchi e sono entrati in un veicolo militare lasciando la zona scortati da un elicottero.

Rojda Korkmaz-DIHA

Kobane libera. Intervista a Ozlem Tanrikulu da: ndnoidonne

Intervista a Ozlem Tanrikulu, presidente di UIKI-Onlus, l’Ufficio di informazione sul Kurdistan in Italia.

inserito da Marta Facchini

Il 26 gennaio, dopo 134 giorni di resistenza agli attacchi di ISIS, Kobane è stata liberata dalle forze di difesa del popolo YPG e YPJ. Dopo quattro mesi di combattimenti, le donne e gli uomini dell’Unità di protezione popolare sono riusciti a prendere il controllo di Kobane, ricacciando i miliziani jihadisti nei sobborghi est della città. Una vittoria importante e simbolica non solo per la sconfitta di IS ma anche, e forse soprattutto, per la riconquista di quella libertà da sempre rappresentata dal sistema del Rojava.

Contro l’avanzata dello Stato Islamico, Kobane ha combattuto potendo contare solo sulle sue forze. Perché la Turchia ha impedito non solo ai profughi di varcare la frontiera ma anche il passaggio di armi e aiuti per chi continuava a resistere. E perché i raid della coalizione, anche se interessavano le aree intorno alla città, non raggiungevano una precisione tale da poter fermare l’avanzata di ISIS. Oltre alla solidarietà di movimenti internazionali, solo il Pkk, il Partito dei lavoratori del Kurdistan, è intervenuto inviando armi e combattenti contro l’avanzata islamista.

Con la bandiera che sventola sulla collina di Mistenur, e prende così il posto di quella dello Stato Islamico, Kobane liberata è il segno della possibilità di sconfiggere l’ISIS. Non solo; è il simbolo della difesa dell’uguaglianza, della giustizia e dell’autodifesa del proprio territorio, il Rojava, e in questo costituisce un’alternativa politica radicale.

Ozlem Tanrikulu è la presidente di UIKIonlus, l’Ufficio di informazione sul Kurdistan in Italia, impegnato a denunciare la repressione e la violazione dei diritti cui è sottoposto il popolo kurdo, a promuovere la pace e la solidarietà tra i popoli attraverso attività di sensibilizzazione e informazione. A Roma per discutere della resistenza kurda nel Rojava, Ozlem ci parla del significato della liberazione di Kobane e del ruolo, centrale, che le guerrigliere kurde hanno ricoperto nella lotta contro l’ISIS.

Le guerrigliere kurde sono state in primo piano nella lotta contro l’IS. Puoi parlarci del ruolo che le donne ricoprono nella cultura kurda e nella lotta armata?

Nel movimento curdo, le donne stanno prendendo parte alla lotta per l’autodeterminazione in tutti i settori della società. Le forze di difesa sono solo uno dei vari ambiti. Il lavoro di controinformazione e di denuncia, il lavoro di cura e di sostegno insieme al lavoro per la pace – come quello svolto dalle organizzazioni sociali delle donne, dalle cooperative, dalle “madri per la pace” ad esempio -, seppure possa essere visto come l’esercizio di un ruolo più tradizionalmente femminile, mostra la strada verso nuovi rapporti di genere basati sulla libertà e liberi dall’oppressione. Ne fa parte anche la scelta della co-presidenza, ossia la doppia rappresentanza di genere per ciascun incarico di responsabilità, dal punto di vista militare così come per le cariche elettive. Nelle sue analisi, il nostro presidente Öcalan ha chiarito come la donna sia sottoposta a una doppia oppressione, come curda e come donna, un’oppressione trasversale, ma come nell’antichità non fosse così, poiché le donne godevano di molta libertà e autonomia. A livello pratico, nell’attività politica rivoluzionaria all’interno del movimento kurdo, le donne hanno trovato uno spazio di libertà che ha permesso loro di conquistare rispetto e dignità e di affrancarsi dai ruoli subordinati tradizionali. Le donne hanno saputo dimostrare di valere quanto e anche più dei loro compagni maschi. C’è ancora molto da fare ovviamente, perché la mentalità feudale saldata alla modernità capitalistica è molto pervasiva, nessuna e nessuno ne è totalmente immune.

A tuo parere, che conseguenze comporta la liberazione di Kobane?

La liberazione di Kobane è un bellissimo risultato al quale siamo arrivati grazie alla determinazione e all’eroica resistenza della popolazione, della città e dei tanti che sono accorsi in suo sostegno, nonostante le difficoltà poste al confine dalla Turchia. Ma non è finita qui. I villaggi intorno alla città sono ancora in mano a ISIS così come proseguono i combattimenti per liberare la regione di Şengal in Iraq, il monte sacro agli Ezidi, e le altre zone in mano ai terroristi. Dunque, sono ancora valide e urgenti le richieste di un corridoio umanitario per portare aiuti alla popolazione civile e per ricostruire oggi la città di Kobane. Riconoscere i cantoni del Rojava e ciò che a livello sociale stanno praticando, e isolare quei paesi che ancora sostengono e supportano le bande di ISIS, paesi che non hanno a cuore la pace e i diritti dei popoli, ma che perseguono i propri interessi. Serve, dopo la liberazione di Kobane, un cambiamento nella politica della regione senza il quale non si potrà arrivare alla pace e alla stabilità.

L’intervista integrale a Ozlem Tanrikulu sarà pubblicata sul numero cartaceo di marzo.

| 09 Febbraio 2015

http://platform.twitter.com/widgets/tweet_button.62da0a34306f5c17db7d290755ed1d7d.it.html#_=1423736758502&count=horizontal&dnt=true&id=twitter-widget-0&lang=it&original_referer=http%3A%2F%2Fwww.noidonne.org%2Fblog.php%3FID%3D06140&size=m&text=Kobane%20libera.%20Intervista%20a%20Ozlem%20Tanrikulu%20%7C%20Noi%20Donne&url=http%3A%2F%2Fwww.noidonne.org%2Fblog.php%3FID%3D06140

// Vuoi lasciare un commento? Se vuoi lasciare un commento e sei registrato Accedi
Se vuoi lasciare un commento e sei non sei registrato Registrati
// Primo Piano

Kate Chopin: “Una donna rispettabile” – 165 anni fa nasceva Kate Chopin. Romanziera americana trascurata dalle antologie, Kate viene considerata, negli States, una delle madri del femminismo del Novecento…. (Continua)

Kobane libera. Intervista a Ozlem Tanrikulu – Intervista a Ozlem Tanrikulu, presidente di UIKI-Onlus, l’Ufficio di informazione sul Kurdistan in Italia…. (Continua)

E’ nato il Gender Jihad – Presentato alla Casa internazionale delle donne (Roma): “Femminismi musulmani. Un incontro sul Gender Jihad” (Fernandel editore), libro curato da Ada Assirelli, Marisa Iannucci, Marina Mannucci, Maria Paola Patuelli… (Continua)

Vedi tutti »

// Ricerca nel Sito

<td “=””>

 

Un’ anziana madre di 114 anni: Kobane è la mia vita da: UIKI

Un’ anziana madre di 114 anni: Kobane è la mia vita

Una madre di 114 anni fuggita da Kobane afferma che la storia di Kobane è la storia della sua vita e l’unica cosa che desidera è vedere Kobane prima di morire.

La madre Selbî Turkî lascia Kobane insieme a sua figlia nel 2002. Proviene dal villaggio di Xanê a Est di Kobane. Sta in quel villaggio con suo marito Mihemed Hebeş e le figlie Fatme e Zeho dal 2002. Dopo che le figlie si sono sposate sono vissuti da soli dal momento che non c’era nessuno che si prendesse cura di loro.
Mihemed Hebeş perse la vita nel 2000 e Selbî Turkî ha vissuto da sola per due anni. Successivamente la figlia maggiore Fatme le chiede di andare a Serêkaniyê e vivere lì insieme.

Parlando col giornalista di ANHA Ronahî Xelîl la madre Selbî sottolinea che l’unica cosa che vuole è tornare a Kobane. “Voglio passare i miei ultimi giorni a Kobane e morire nella mia terra. Tutti i miei buoni ricordi sono a Kobane. Il popolo di Kobane resiste contro ISIS come degli eroi e se me lo chiedessero prenderei le armi anche io e andrei a combattere a Kobane. Kobane è la mia vita. Credo che i giovani vinceranno a Kobane. Ho speranza” dice la madre.

Una dottoressa argentina a Kobanê da: UIKI

Una dottoressa argentina a Kobanê

Maria Claudia Garcia, una dottoressa argentina che è venuta a Kobanê per fornire cure mediche, ha invitato i suoi colleghi argentini a sostenere la ‘ epica resistenza’ a Kobanê.

L’interesse internazionale per la resistenza Kobanê è in aumento nel settore dei servizi sanitari e sociali, oltre che in quello militare. La dottoressa argentina Maria Claudia Garcia sta fornendo cure mediche e cercando di conoscere la resistenza. Maria Claudia Garcia, nata a Buenos Aires, è membro del Comitato di Solidarietà con il Kurdistan in Sud America e del Partito socialista di Argentina. Ha parlato con ANF delle sue impressioni su Kobanê.

Come mai hai deciso di venire a Kobanê?

Dopo i primi attacchi contro Kobanê ho cominciato a seguire quello che stava accadendo. Ho cominciato a studiare la storia del Kurdistan e le teorie di Abdullah Öcalan. Stando qui sto vedendo come la teoria viene messa in pratica. Prima di venire a Kobanê sono andata nei campi profughi a Çınar e Sisre ad Amed. Sono venuta qui dieci giorni fa perché volevo vedere la resistenza e osservare lo stato dei servizi medici. Il lavoro dei medici qui è parte cruciale della resistenza. Lavorano in condizioni incredibilmente difficili. Volevo anche vedere il ruolo delle YPG/YPJ. Tengo un diario in modo che possa condividere tutto con gli amici in America Latina. Una parte è già stata pubblicata. Desidero che esperti in vari settori si interessino a quello che sta succedendo qui. Soprattutto per convincere la gente a dare un contributo in modo che il cibo e le medicine necessari siano forniti alla gente di qui.

Quali sono le tue impressioni su Kobanê?

Si tratta di una resistenza eroica ed epica, e quali altri aggettivi devo scegliere, basta questo. Il mondo ha bisogno di saperlo. Le persone stanno lottando contro ISIS che dispone di armi moderne, e che è stato creato dai governi internazionali e regionali. La lealtà e il rispetto delle YPG-YPJ è un riflesso della loro coscienza. Stanno lottando per una rivoluzione sociale e la libertà delle donne.

Qual è la situazione dei civili, le loro condizioni di salute?

Contrariamente a quello che dice il governo turco, il posto è pieno di civili. I servizi sanitari sono limitati. Un numero ridotto di medici sta cercando di fornire servizi in un ospedale da campo. Sempre più civili stanno tornando, il che significa che c’è bisogno di più medici. I bambini e gli anziani sono i più colpiti da queste condizioni. Ci sono malattie causate dal freddo, e infezioni e malanni causati da una alimentazione insufficiente.

C’è qualcos’altro che vorresti aggiungere?

L’Argentina è conosciuta per la lotta condotta dall’internazionalista Che Guevara, stiamo cercando di seguire le sue orme. Il nome della mia organizzazione è Convergencia Socialista (Unità Socialista). Io continuerò a rimanere a Kobanê e contribuire alla lotta. Invito i miei colleghi a unirsi a me qui. E’ anche necessario che gli internazionalisti siano a conoscenza della situazione dei prigionieri politici in Turchia, in particolare quella di Abdullah Öcalan.

di SEDAT SUR ANF

A Kobanê sono necessari medici volontari e medicine da: UIKI

A Kobanê sono necessari medici volontari e medicine

Nella città del Rojava di Kobanê ,nel Kurdistan occidentale,la quale è stata è stata continuamente presa di mira dagli attacchi delle bande di ISIS durante gli ultimi 114 giorni durante i quali i combattenti delle YPG/YPJ hanno realizzato una resistenza eroica,il servizio sanitario per migliaia di civili e per i combattenti feriti delle Unita di difesa è stato fornito non dalle strutture sanitarie ma da medici e dallo staff medico di Kobanê che non hanno lasciato la loro città natale.

Le cure per i civili che sono rimasti feriti negli attacchi di mortaio e per i combattenti delle YPG/YPJ feriti durante gli scontri, sono fornite da medici volontari in un improvvisato e unico ospedale che è stato costituito dalla solidarietà dei medici e della popolazione locale.

Le attrezzature mediche e le medicine raccolte in ospedale comprendono quelle salvate dagli ospedali della città in rovina e quelle raccolte attraverso la solidarietà.Di fronte ai numerosi infortuni provocati dagli attacchi di ISIS sul centro città e durante gli scontri con le bande permane l’urgente necessità di attrezzature mediche,medicine e specialisti.

Il radiologo Dr. Mehmet Arif Elî,uno dei medici che presta servizio a Kobanê, ha affermato che sin dall’intensificazione degli attacchi da parte di ISIS hanno fornito un servizio a migliaia di persone locali e ai combattenti delle YPG/YPJ

Elî ha affermato che hanno utilizzato tutte le possibilità per essere in grado di fornire cure alla popolazione di Kobanê dopo che l’ospedale ed il centro di cura improvvisato che avevano successivamente costituito,sono statti anch’essi presi di mira e distrutti dagli attacchi di ISIS.

Egli ha sottolineato che hanno lavorato in condizioni dure e hanno affrontato in primo luogo la mancanza di attrezzature mediche,di personale e di medicine.

Eli ha inoltre sottolineato che l’intera infrastruttura della città è stata danneggiata a seguito degli attacchi,e recentemente, le condizioni stanno diventando difficili con l’inizio dell’inverno.

Ha chiesto a tutti di fare la propria parte al fine di soddisfare questa urgente necessità di Kobanê.

Menaf Kitkanî,dirigente di Heyva Sor a Kurdistan Kobanê,ha chiesto a tutti i lavoratori curdi della sanità,in particolare a quelli di Kobanê,di venire e fornire servizio alla popolazione di Kobanê. Menaf Kitkanî ha detto che c’è una particolare esigenza di chirurghi,ortopedici, internisti e medici dei bambini.

M.Z.ÇİÇEK/Ç.KAPLAN -ANF

Cittadini di Kobanê tornano a casa da: UIKI

Cittadini di Kobanê tornano a casa

Cittadini di Kobanê costretti a lasciare la loro città natale di fronte alla minaccia di strage da parte delle bande barbariche di ISIS continuano a tornare a casa via via che le forze delle YPG/YPJ conquistano ulteriori posizioni durante l’operazione in corso per la vittoria nella città di Kobanê in Kurdistan occidentale, Rojava.

Altri 50 civili di Kobanê che hanno soggiornato a Suruç e villaggi sono tornati a casa ieri, dopo aver attraversato il varco del confine di Mürşitpınar (Kobanê Serxet). I civili, molti dei quali hanno baciato la terra mentre entravano nella loro città natale sono stati accolti dai dirigenti della Mala Gel (Casa del Popolo).

I cittadini di Kobanê hanno detto che da tempo volevano tornare, ma sono riusciti a farlo solo ieri, esprimendo inoltre la gioia di portare i loro figli nella loro terra.

I cittadini ritornati, i cui nomi sono stati annotati e registrati presso la Mala Gel, saranno sistemati in aree sicure della città.