Dichiarazione congiunta di solidarietà col KKE-Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Firmatari in calce | kke.gr

17/07/2015

Cari compagni,

Noi, Partiti Comunisti e Operai stiamo seguendo gli sviluppi in Grecia, l’offensiva dell’Unione europea, del capitale e dei suoi rappresentanti politici contro i diritti dei lavoratori.

Noi, Partiti Comunisti e Operai abbiamo sostenuto le lotte dei lavoratori greci e abbiamo espresso la nostra solidarietà internazionalista e il sostegno alla lotta del KKE.

Per molti anni i governi di ND e del PASOK in collaborazione con UE-BCE-FMI hanno implementato protocolli e dure leggi antipopolari con gravi conseguenze per la classe operaia e gli strati popolari.

Oggi il terzo memorandum anti-popolare che è stato firmato con la Troika dal governo SYRIZA-ANEL, sostenuto da ND e PASOK, mantiene le misure antipopolari dei governi precedenti e impone nuovi oneri sui lavoratori greci, tassazioni insopportabili, l’abolizione dei diritti di sicurezza sociale e del lavoro, le riduzioni dei salari e delle pensioni, privatizzazioni, ecc., peggiorando ulteriormente la situazione delle famiglie della strati popolari.

Questi sviluppi consentono di trarre alcune conclusioni utili al fine di rafforzare la lotta del popolo, come ad esempio:

– Il capitalismo non può essere umanizzato. Esso genera crisi, disoccupazione e povertà. In realtà, è stato dimostrato che ogni tipo di gestione del sistema acuisce i problemi del popolo e aumenta i profitti del grande capitale.

– L’UE è un un’organizzazione reazionaria e imperialista. “Democrazia”, ​​”Solidarietà” e giustizia sociale non possono esistere all’interno del suo quadro.

Noi, Partiti Comunisti e Operai che firmiamo questo messaggio, apprezziamo la posizione decisa, coerente del KKE al fianco della classe operaia, del popolo greco per l’abolizione del memorandum, contro l’accordo anti-popolare firmato dal governo SYRIZA-ANEL (e gli altri partiti politici borghesi) con la Troika (UE-BCE-FMI).

I nostri partiti salutano la lotta dei comunisti in Grecia per i diritti dei lavoratori, il rovesciamento della barbarie capitalista, per il socialismo.

Partiti firmatari:

1. CP of Albania
2. CP of Australia
3. Party of Labour of Austria
4. Algerian Party for Democracy and Socialism (PADS),
5. CP of Bangladesh
6. CP of the Workers of Belarus
7. Brazilian CP
8. CP of Britain
9. CP of Bulgaria
10. Party of the Bulgarian Communists
11. Union of Communists in Bulgaria
12. CP of Canada
13. CP in Denmark
14. UCP of Georgia
15. Workers’ Party of Hungary
16. Workers’ Party of Ireland
17. Socialist Movement of Kazakhstan
18. CP of Luxembourg
19. CP of Macedonia (FYROM)
20. CP of Malta
21. CP of Mexico
22. Popular Socialist Party of Mexico
23. NCP of the Netherlands
24. CP of Pakistan
25. Palestinian CP
26. Phillipinese CP [PKP-1930]
27. CP of Poland
28. Russian CWP
29. CP of Soviet Union
30. NCP of Yugoslavia
31. CP of Slovakia
32. South African CP
33. CP of the Peoples of Spain
34. Galizan Movement for Socialism
35. Syrian CP
36. CP (Turkey)
37. Union of Communists of Ukraine
38. Party of Communists USA
39. Freedom Road Socialist Organization (USA)
40. CP of Venezuela

La dichiarazione è aperta per ulteriori firme di altri partiti

Annunci

Prima Pagina Donne (6-12 luglio 2015) Merkel, Lagarde, protagoniste significative nelle scelte sulla Grecia e l’Europa, le donne nelle parole di Papa Francesco, in America Latina, la mamma del bimbo morto nell’ascensore della metro di Roma, Prospery dalla Libia a Palermo da: ndnoidonne

Prima Pagina Donne (6-12 luglio 2015)

Merkel, Lagarde, protagoniste significative nelle scelte sulla Grecia e l’Europa, le donne nelle parole di Papa Francesco, in America Latina, la mamma del bimbo morto nell’ascensore della metro di Roma, Prospery dalla Libia a Palermo

inserito da Paola Ortensi

Prima Pagina Donne 15 (6-12 luglio 2015)

Ogni settimana quando inizio a scrivere mi domando se sia importante fare il più ampio elenco possibile delle donne in evidenza o/e delle vicende che le hanno riguardate nella settimana presa in considerazione o se sarebbe più utile soffermarsi selezionando poche protagoniste più significative ed approfondendo il senso delle loro vicende. Il dubbio, su cui mi interesserebbe anche avere un opinione delle lettrici o magari lettori di questa rubrica, rimane, e nel frattempo, di volta in volta cerco di usare il buon senso sull’importanza, anche simbolica, delle notizie da riportare. In un filo diretto, allora, con la settimana passata e con “la stagione” che coinvolge il futuro politico della Grecia nell’Unione Europea ma più seriamente l’Unione Europea in prima persona s’impone sottolineare il ruolo ma ancor di più il comportamento della Cancelliera Angela Merkel. La donna che rappresenta oggi il paese più forte d’Europa e che nel silenzio degli ultimi giorni sembra mostrare, mai in modo così evidente, la difficoltà di esprimere la sua personale opinione che sembrerebbe protesa ad “aiutare” la Grecia e l’opinione che deve difendere rispetto al sentire e agli interessi del popolo tedesco la cui dura intransigenza è rappresentata in prima persona dal ministro tedesco delle finanze Schaeuble.

Un gioco delle parti che, non è difficile immaginare, come, in Germania, rimandi alla leadership politica nel paese rispetto alle elezioni che ci saranno. Sono ore decisive quelle che stanno scorrendo e non posso che augurarmi che la Cancelliera riesca a far prevalere la linea che vuole davvero tenere la Grecia nell’Unione e quindi l’Unione Europea come prospettiva riconfermata. L’indiscutibile segno politico dei comportamenti della Merkel trova un interessante confronto con l’altra donna significativa di questi giorni: Christine Lagarde direttore del Fondo Monetario Internazionale ovvero la finanza, le risorse economiche a servizio delle strategie politiche e degli interessi ed equilibri nello scacchiere internazionale dei paesi più forti con gli Stati Uniti in testa. Penso non sia azzardato dire che mai nella politica occidentale due donne sono state così determinanti e sono oggi alla prova, in quanto come è ovvio i ruoli sono determinati anche dalla personalità, capacità e professionalità di chi li interpreta. Mentre l’Unione Europea vive giorni difficili e decisivi per il futuro, catalizzando fortemente l’attenzione dei media e “ delle borse”; Papa Francesco visita ben tre paesi dell’America Latina: Equador, Bolivia e Paraguay. E in ogni discorso, di fronte a moltitudini di persone, pieno di verità e indicazioni pesanti che girano attorno ai problemi veri di quelle terre ma sempre generalizzabili a tutto il mondo, il Papa accenna, anzi, parla costantemente delle donne come grandi portatrici di valori di pace, equilibrio e speranza. Principi che il Papa sottolinea costantemente fino a riconoscere in Paraguay alle donne il merito del mantenimento della pace in quel paese dopo la fine della dittatura. Ed è ancora in Paraguay che riceve le figlie della donna alle cui dipendenze in Argentina lavorò appena diciassettenne da cui molto imparò, secondo quanto ha detto lui stesso, e che per la sua attività e credo politico divenne una delle desparecidos sotto la dittatura dei generali argentini.

Il costante richiamo del Papa alle donne, spesso affiancato e anche parametrato al ruolo di Maria nella chiesa, che di situazione in situazione, di argomento in argomento e di paese in paese viene da lui sempre più frequentemente ripreso, articolato e approfondito, sarebbe interessante e proficuo potesse essere considerato, raccolto e discusso da donne che in contesti laici della politica, sociali, culturali, del femminile hanno da tempo fatto motivo di impegno e promozione. Soffermarsi su protagoniste importanti o su di un femminile sottolineato a ben alto livello non ci allontana da episodi che qui in Italia sono avvenuti nel nostro paese e che hanno il diritto, mi viene da dire, di essere richiamati non solo per il fatto in sé ma per l’incredibile somma di emozioni e riflessioni che comportano.

A Roma, mamma Francesca perde il suo bimbo Marco di 4 anni nel vuoto dell’ascensore di una stazione della metropolitana. Una tragedia senza fine, che mette in mora la funzionalità dei servizi di una città, la capitale d’Italia, che ha indetto il lutto cittadino per il funerale del piccolo, e la generosità di chi ha tentato di risolvere il problema di un ascensore, che teneva prigionieri la mamma e Marco, divenuto arroventato e quasi senza aria; una persona che oggi si sente distrutta e colpevole, di una madre disperata che non accusa ma è insieme al papà di Marco ripiegata in un dolore senza speranza, di gente che vuole esprimere in ogni modo la propria vicinanza e di quell’ascensore in quella stazione della metro ha fatto con fiori e piccoli pupazzi il luogo, della pietà e della solidarietà.

Una solidarietà che dobbiamo raccontare anche rispetto ad una nuova vicenda legata allo sbarco dei disperati che in un esodo senza limiti arrivano in Sicilia. In un gommone da 10 posti 130 esseri umani hanno attraversato il mare dalla Libia all’Italia riuscendo a vederne morire dieci tra cui la mamma incinta di Prospery, una piccola di poco più di due anni che il suo papà è riuscito a salvare tenendola alta fra le sue braccia, perché non fosse travolta e schiacciata e passandola ai marinai della nave che li ha salvati, sentendosi disperato di non poter salvare anche sua moglie . Ancora una volta la vita salvata di una piccola creatura, diviene simbolo di vita e di speranza che in quello che appare un esodo biblico si faccia strada la luce di un futuro degno di essere vissuto. Una speranza che intanto speriamo possa divenire una realtà per Prospery e il suo papà.
Alla prossima settimana……….

| 11 Luglio 2015

Natta e quella profezia sulla rinascita del Quarto Reich. Intervento di Gianni Marchetto da: controlacrisi.org

Il recente referendum in Grecia, oltre a rimanere negli annali, è stato pure un punto di chiarimento all’interno del vasto mondo di chi fa politica, giornalismo, ecc. nel nostro paese.
Nel senso che ha costretto chiunque a prendere parte, chi per il SI chi per il NO. E va beh, anche nell’area del NO c’era una compagnia assortita: dai Brunetta, ai Salvini, ai Grillo, ecc. ma c’era pure un’area maggioritaria di sinceri militanti di sinistra che da mo’ guardano speranzosi alle fortune/sfortune dei movimenti greci e spagnoli.
Comunque ha chiarito una volta per tutte la “ferocia” con la quale una vasta area di simpatizzanti per il SI, si è così collocata.
Per tutti valgano i nomi di “illustri” economisti quali Lorenzo Bini Smaghi e Giacomo Vaciago, totalmente incazzati assieme ad un noto giornalista del Corriere della Sera, nel denunciare Alexis Tsipras per aver dato dei “criminali e terroristi” ai creditori della Grecia, nel suo discorso ai greci prima del referendum. Queste le argomentazioni: “ha vinto il no. Bene, vedremo come staranno i greci (questi sfaticati) senza l’Euro e senza i nostri aiuti. Riprendere le trattative? Neanche per sogno con chi insulta…”.
E Alexis Tsipras assieme a Yanis Varoufakis cosa dovrebbe dire (e fare)? Parlare e contrattare con coloro i quali sono i protagonisti da oltre 5 anni delle miserie del suo popolo, e dell’impennata dei suicidi? Eppure si sono seduti con costoro e continueranno a farlo.

Accanto a questi figuri sono emersi una serie di altri: dalla maggioranza dei socialdemocratici tedeschi, fino ad una folta schiera di ex comunisti del PD che impazzano su Facebook. Tutti votati contro la totale assenza di responsabilità del leader greco, il quale invece di decidere lui “per il bene del suo popolo” affida la decisione ad un referendum, quindi alla demagogia, alla pancia, al populismo e via delirando. Quasi invece che nelle élite al comando ci sia quale saggezza, quale competenza (vedi il nostro governo Monti, con il suo grande mentore G. Napolitano, il quale nel suo ultimo libro, così scrive a proposito del suo governo: “era un governo totalmente sganciato da ogni zavorra elettoralistica e per questo ha potuto fare quello per il quale era stato instaurato”). Ergo le élite hanno sempre ragione! (?)

Nel suo libro “Qualcuno era comunista”, Luca Telese riporta quanto accaduto nella stanza di Alessandro Natta all’indomani del crollo del muro di Berlino. Claudio Petruccioli imbarazzato pone a Natta l’esigenza del cambio del nome, al che il vecchio comunista sbotta dicendo: “ma che nome e nome, non capite che ha vinto il 4 Reich…!” a leggere gli avvenimenti odierni viene da dare ragione al “vecchio comunista”.
Per finire, scusandomi, vorrei farmi una piccola autocitazione, tratta sempre dal libro di Telese: “i comunisti, quando perdono l’idea della rivoluzione, perdono il senso dell’avventura. E i comunisti, quando perdono il senso dell’avventura, diventano gente noiosa e anche pericolosa”.

Renzi invece di parlare a vanvera di Grecia dovrebbe pagare le pensioni giuste agli italiani. Intervento di Argyrios Panagopoulos da: controlacrisi.org

Matteo Renzi non ha fatto niente per il suo paese e per l’Europa durante il semestre italiano. È stato latitante in qualsiasi sfida europea degli ultimi mesi, per esempio quando Merkel e Hollande trattavano con la Grecia di Tsipras la soluzione della crisi greca. Avete visto da qualche parte Renzi? Avete sentito se ha preso una sola iniziativa?

Improvvisamente il presidente del consiglio dei ministri italiano si è messo a fare campagna elettorale per il referendum in Grecia traducendo in italiano i compiti estivi che deve fare a casa sua, che probabilmente sono stati scritti direttamente in tedesco.
“Euro o dracma”, ha balbettato il signor Renzi che ha fatto aumentare i poveri nel suo paese, ha fatto fuori la Corte Costituzionale per non pagare i pensionati, mentre la Cassazione gli ha fatto mezzo regalo per evitare di restituire agli statali il maltolto. Altro che pagare le pensioni ai greci, come diceva giorni fa! Il capo del governo italiano e il suo ministro delle Finanze non possono pagare le pensioni agli italiani, perché altrimenti saranno licenziati dal… fiscal compact, da quella che l’ha imposto o da qualche lettera della BCE firmata dal fido italiano Draghi.

In Grecia probabilmente le parole non hanno perso ancora il loro valore. Per democrazia si intende la partecipazione del popolo alle decisioni e non solo alle elezioni o ai referendum, come si è visto dalla grande manifestazione in piazza Syntagma. Per sinistra si intende fare politiche per la gente, cercare di ridistribuire la ricchezza tassando chi ha i soldi e le grandi imprese, fare battaglie contro la povertà, l’evasione fiscale e la corruzione, rispettare ed estendere i diritti dei lavoratori, essere coerenti e leali con i compagni e il popolo. SYRIZA e Tsipras sono di sinistra perché lo dice la gente.

È bello e facile rilasciare interviste gratis per parlare a nome degli altri, scordando che durante il suo operoso governo il debito italiano continua ad aumentare, insieme con la disoccupazione e la povertà. Quante scuole e ospedali dovrà chiudere e quante persone dovranno essere licenziate per diminuire il debito italiano dai 2.200 miliardi di oggi al 60% del vostro Pil nei prossimi vent’anni? Renzi assomiglia ogni giorno di più a Samaras o peggio al suo compagno di partito, il socialista Venizelos.
Povero Matteo! Ha sbagliato anche questo compito! Il vero dilemma non è “euro o dracma”. Perfino Mariano Rajoy, che sparse veleni dapper tutto contro Tsipras, oggi ha espresso le sue preoccupazioni per l’uscita di un paese dall’eurozona. Perché se la Grecia tornasse alle sue dracme la cosa più probabile è che il nostro Matteo si troverebbe di fare i conti in sesterzi. Perché per quando insignificante nel contesto europeo meriterebbe almeno una moneta.. imperiale.

Così si salva la democrazia: appello di Barbara Spinelli e Étienne Balibar Fonte: http://barbara-spinelli.it/Autore: barbara spinelli

grecia2

Chiediamo ai tre creditori della Grecia (Commissione, Banca centrale europea, Fondo Monetario internazionale) se sanno quello che fanno, quando applicano alla Grecia un’ennesima terapia dell’austerità e giudicano irricevibile ogni controproposta proveniente da Atene. Se sanno che la Grecia già dal 2009 è sottoposta a un accanimento terapeutico che ha ridotto i suoi salari del 37%, le pensioni in molti casi del 48%, il numero degli impiegati statali del 30%, la spesa per i consumi del 33%, il reddito complessivo del 27%, mentre la disoccupazione è salita al 27% e il debito pubblico al 180% del Pil.

Al di là di queste cifre, chiediamo loro se conoscono l’Europa che pretendono di difendere, quando invece fanno di tutto per disgregarla definitivamente, deturparne la vocazione, e seminare ripugnanza nei suoi popoli.
Ricordiamo loro che l’unità europea non è nata per favorire in prima linea la governabilità economica, e ancor meno per diventare un incubo contabile e cader preda di economisti che hanno sbagliato tutti i calcoli. È nata per opporre la democrazia costituzionale alle dittature che nel passato avevano spezzato l’Europa, e per creare fra le sue società una convivenza solidale che non avrebbe più permesso alla povertà di dividere il continente e precipitarlo nella disperazione sociale e nelle guerre. La cosiddetta governance economica non può esser vista come sola priorità, a meno di non frantumare il disegno politico europeo alle radici. Non può calpestare la volontà democratica espressa dai cittadini sovrani in regolari elezioni, umiliando un paese membro in difficoltà e giocando con il suo futuro. La resistenza del governo Tsipras alle nuove misure di austerità — unitamente alla proposta di indire su di esse un referendum nazionale — è la risposta al colpo di Stato postmoderno che le istituzioni europee e il Fondo Monetario stanno sperimentando oggi nei confronti della Grecia, domani verso altri Paesi membri.

Chiediamo al Fondo Monetario di smettere l’atteggiamento di malevola indifferenza democratica che caratterizza le sue ultime mosse, e di non gettare nel dimenticatoio il senso di responsabilità mostrato nel dopoguerra con gli accordi di Bretton Woods. Ma è soprattutto alle due istituzioni europee che fanno parte della trojka — Commissione e Banca centrale europea — che vorremmo ricordare il loro compito, che non coincide con le mansioni del Fmi ed è quello di rappresentare non gli Stati più forti e nemmeno una maggioranza di Stati, ma l’Unione nella sua interezza.

Chiediamo infine che il negoziato sia tolto una volta per tutte dalle mani dei tecnocrati che l’hanno fin qui condotto, per essere restituito ai politici eletti e ai capi di Stato o di governo. Costoro hanno voluto il trasferimento di poteri a una ristretta cerchia di apprendisti contabili che nulla sanno della storia europea e degli abissi che essa ha conosciuto. È ora che si riprendano quei poteri, e che ne rispondano personalmente.

“Sostegno e solidarietà alla Grecia”, l’appello di intellettuali italiani e professori che sta girando sul web Autore: redazione da: controlacrisi.org

Sono centinaia gli studiosi e i ricercatori di Università italiane e internazionali che hanno aderito alla lettera di solidarietà al popolo greco e di sostegno per il ‘no’ al referendum. Tutti condividono “una seria preoccupazione per gli eventi che si stanno avvicendando in questi giorni, così come un profondo sdegno per il ricatto imposto al popolo greco dalla tecnocrazia dell’austerity, che ha ormai svelato il vero obiettivo della sua ferocia: quello di imporre un unico, fallimentare modello economico basato sull’annientamento della dignità umana”. “Per questi motivi – scrivono gli studiosi nella lettera aperta – non possiamo non supportare il popolo greco in questa pagina difficile della sua storia. Siamo consapevoli che l’esito del referendum del 5 luglio prossimo, se come ci auguriamo si affermerà la vittoria del ‘NO’, porterà a un clima di confusione che si cercherà di strumentalizzare per far chinare il capo alle cittadine e ai cittadini greci. Per questo motivo ci impegniamo da subito a offrirvi la nostra solidarietà: non solo morale, ma anche nella forma di atti concreti. Ciò che mettiamo nero su bianco con queste parole è l’impegno, a titolo individuale e collettivo, a sostenervi e cooperare con voi per la ricostruzione della Grecia e la costruzione di un nuovo modello sociale, economico e politico, che attraversi e coinvolga anche quello snodo cruciale che è il mondo della conoscenza, in cui tutte e tutti noi lavoriamo”.
“Sappiamo che il mondo si sta indignando e mobilitando perché‚ la Grecia possa dimostrare che un’Europa diversa, un mondo diverso, è davvero realizzabile, rifiutando l’aut-aut tra schiavitù al mercato o barbarie”.
“È stata la Grecia – conclude la lettera aperta – la vera culla del pensiero occidentale, il crocevia di esperienze che ha generato per prima lo spirito dell’amore per la conoscenza, in ogni ambito del sapere. Tutte e tutti sappiamo perfettamente quanto la cultura e il pensiero greco abbiano contribuito a quell’originaria, vera spinta verso l’unità e la fratellanza degli esseri umani in questa parte del mondo. Tutti sappiamo che essa è la nostra radice, ben prima – e ben più – di ogni mito o ideologia che di volta in volta si è voluta fondativa per l’Europa”.

Grecia, Krugman: “Votate No”. Forenza si scaglia contro Schultz: “Ingerenze intollerabili” Autore: fabrizio salvatori da: controlacrisi.org

Per Krugman, invece, dalla troika “alla Grecia è stata presentata un’offerta prendere o lasciare effettivamente non distinguibile dalle politiche degli ultimi cinque anni”. Per Krugman quella dei creditori internazionali era una mossa calcolata per “distruggere la ragione d’essere politica” di Tsipras e toglierlo dal governo “cosa che molti probabilmente succederà se i greci dovessero votare sì al referendum”. Ma – aggiunge l’economista liberal – vi sono tre ragioni che dovrebbero spingere i greci in direzione contraraia: “la prima, noi sappiamo che politiche di austerity ancora più dure sono un vicolo cieco: dopo cinque anni la Grecia sta peggio di prima. La seconda – argomenta ancora – il temuto caos del Grexit sta già succedendo”.
“Ed infine, accettare l’ultimatum della troika sarebbe l’abbondono finale di ogni pretesa di indipendenza greca”. Sarebbe la vittoria definitiva di “tecnocrati che sono in realtà degli illusionisti non tengono conto di niente di quello che sappiamo di macro economia e che finora hanno sbagliato tutti i passi”.
E finora hanno sempre esercitato il potere minacciando di “staccare la spina all’economia greca” minaccia che persiste fino a quando “l’uscita dall’euro viene considerata impensabile”. “Così è venuto il momento di mettere fine a questo impensabile – conclude – altrimenti la Grecia dovrà fronteggiare austerity senza fine e una depressione senza segnali di ripresa”.

A rispondere a Martin Schulz a proposito della mancanza di fiducia verso Varoufakis e quindi verso il governo greco è Eleonora Forenza, deputata europea dell’Altra Europa con Tsipras – gruppo GUE/NGL – ; che parla di parole “gravissime”. “Una figura istituzionale del suo calibro – aggiunge Forenza – non dovrebbe permettersi di scendere in campo contro un governo eletto dal popolo greco, che sta cercando in ogni modo una soluzione, nel rispetto del suo mandato. Tali ingerenze sono intollerabili”. “Chiedo che il Parlamento Europeo, di fronte a queste parole del presidente e vista l’importanza di queste giornate – aggiunge Forenza – si riunisca in una sessione plenaria prima del referendum che si terrà in Grecia domenica 5 luglio. Il voto del popolo greco è cruciale per il futuro dell’Unione Europea tutta: noi stiamo dalla parte dei popoli e vogliamo che quest’Europa sia democratica, non fondata sui ricatti e sulla speculazione”.

Reazioni positive al referendum di Atene arrivano anche da M5S. “La Grecia sfida la cecità degli euro-burocrati, si prepara a un passo storico in direzione della democrazia”, si legge in una nota congiunta dei gruppi M5S di Camera e Senato. “Con il referendum voluto dal M5S, anche in Italia daremo presto il primo pugno nello stomaco a questi sacerdoti dell’austerity. Faremo capire loro la differenza tra una Unione di banche e una Comunità di cittadini”, concludono i parlamentari M5S.