25 Aprile 2018

A.N.P.I. Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – Catania

25 Aprile 1945 – 25 Aprile 2018

73° Anniversario della Liberazione

L’ANPI provinciale di Catania, in occasione del 73°Anniversario della Liberazione e nel 70° Anniversario della entrata in vigore della Costituzione, ribadisce la necessità di affermare i valori della Resistenza e della Costituzione antifascista, in un momento in cui questi sono gravemente minacciati, come, in primo luogo, il diritto al lavoro. Esprime la netta e ferma condanna di ogni tentativo di stravolgere la Costituzione, nata dal sangue e dal sacrificio delle partigiane e dei partigiani, e di tutte le forze democratiche ed antifasciste, che anche recentemente si è tentato di fare con il progetto di controriforma costituzionale, che è stato rifiutato dalla maggioranza del corpo elettorale.

Si contesta la gestione del problema dei flussi migratori, in primo luogo dei richiedenti asilo politico, con l’istituzione dell’Agenzia europea Frontex (di cui l’amministrazione comunale catanese ha offerta la sede operativa), che si caratterizza per la militarizzazione dei soccorsi in mare e, di fatto, per l’abrogazione del principio di diritto internazionale che prevede che gli sbarchi di persone soccorse in mare debbano avvenire nel primo “porto sicuro” sia per vicinanza geografica sia dal punto di vista del rispetto dei diritti umani. Conseguenza di questa situazione è la criminalizzazione, anche da parte della magistratura della nostra città, di quelle organizzazioni umanitarie che hanno come finalità il soccorso umanitario di quanti fuggono da guerre e violazioni dei diritti umani.

Si richiamano tutti i cittadini democratici e gli antifascisti alla vigilanza contro ogni revisionismo e contro ogni tentativo di falsificare la storia della Resistenza, in particolare contro l’insorgere, sempre più preoccupante, di movimenti neofascisti e neonazisti, razzisti, xenofobi, omotransfobici e contro una cultura sessista.

Chiama, infine, all’unità democratica ed antifascista tutti coloro che si ispirano ai valori ed ai principi della Resistenza, senza alcuna limitazione di opinione politica, affinché non solo venga difesa la Costituzione, ma essa venga compiutamente attuata in tutte le sue parti.

Per questo motivo la manifestazione del 25 Aprile deve essere una occasione di unità e di lotta per difendere i valori per cui migliaia di donne ed uomini, anche catanesi, hanno combattuto e si sono sacrificati.

Invitiamo tutta la cittadinanza ad intervenire alla manifestazione provinciale che si terrà a Catania il 25 Aprile, con concentramento alle ore 9,30 in Piazza Stesicoro e conclusione in Piazza Dante.

Annunci

25 Aprile 2018

 l’ANPi intende celebrare il 73° anniversario della Liberazione, che coincide con il 70° Anniversario della promulgazione della Costituzione della Repubblica italiana.
Come ogni anno, per ricordare degnamente queste due ricorrenze importanti e fondamentali per il vivere civile e democratico della nostra Repubblica, l’ANPI vuole coinvolgere le associazioni, i partiti, le organizzazioni sindacali, i movimenti e tutte le realtà della società civile catanese, per organizzare la tradizionale manifestazione che si svolgerà la mattina del 25 Aprile.
Per dare un contributo fattivo nelle scelta delle modalità e dei contenuti della celebrazione, vi invito ad intervenire alla riunione organizzativa che si terrà Venerdi 6 Aprile 2018 alle ore 17 nel salone “Sebastiano Russo” della Camera del lavoro di Via Crociferi 40.
Confido nella presenza e nel contributo di tutti.
 
Il Presidente Provinciale
Claudio Longhitano

Ordine del Giorno del 9 feb 2017 del Comitato Provinciale di Catania

Il Comitato provinciale dell’ANPI di Catania, riunitosi il 9 febbraio 2018, in merito alla comunicazione dell’ANPI nazionale sulla non partecipazione alla manifestazione antifascista di Macerata, prevista per sabato 10 febbraio, a maggioranza con un solo voto contrario, ha votato il seguente Ordine del Giorno.

L’ANPI provinciale di Catania manifesta il proprio dissenso sulla decisione assunta dall’ANPI nazionale e comunicata dalla Presidente compagna Carla Nespolo, di non aderire alla manifestazione antifascista di Macerata del giorno 10 Febbraio, ritenendo tale decisione un grave errore di valutazione politica che può, involontariamente ma oggettivamente, assecondare il disegno di chi, per meri calcoli elettoralistici, vorrebbe mettere sullo stesso piano fascismo ed antifascismo, vietando o “sconsigliando” entrambe le manifestazioni che erano state programmate nella città, ossia quella antifascista e quella dei fascisti di Forza Nuova.

Condanna l’atteggiamento del Sindaco di Macerata e del Ministro dell’Interno, entrambi responsabili di avere gestita la vicenda con atteggiamenti ambigui e reticenti, il primo per la propria richiesta di non svolgere alcuna manifestazione, che denota una volontà di equiparare la valenza dello svolgimento della manifestazione antifascista con lo svolgimento della annunciata manifestazione fascista in città ed il secondo per avere negato in un primo momento l’autorizzazione alla manifestazione antifascista, salvo poi essere costretto a ritornare sui propri passi solo dopo le pressioni e le proteste da parte dell’opinione pubblica democratica.

Occorre, invece, una chiara ed inequivocabile scelta di campo che aiuti i Maceratesi e tutto il popolo italiano a capire che il nemico da combattere, oggi come ieri, è l’odio razzista e la logica aberrante e nazifascista della “rappresaglia” e non gli immigrati, contro i quali una ben orchestrata ed irresponsabile campagna di odio e disinformazione cerca di far ricadere le responsabilità di ben precise ed antipopolari politiche neoliberiste (disoccupazione, precarietà, povertà).

Comitato provinciale ANPI di Catania

Comunicato della Presidente nazionale sulla manifestazione di Macerata

8 febbraio 2018

Ai Presidenti dei Comitati Provinciali ANPI
Ai Coordinatori Regionali ANPI
Ai Presidenti Sezioni ANPI all’estero
Ai Responsabili Aree Territoriali

e p.c.
Ai componenti il Comitato Nazionale ANPI
Al Presidente emerito Carlo Smuraglia

Care compagne e cari compagni, la scelta di sospendere la manifestazione di Macerata prevista per sabato 10 ha creato, come era logico, dubbi, incertezze, malumori e – non nascondiamocelo – anche rabbia. In tutta franchezza vi dico che siamo i primi ad essere amareggiati da una scelta a cui, per molti aspetti, siamo stati costretti e molto irritati per tutto ciò che ci ha portato a questa decisione. Ci sembra perciò doveroso esporvi in modo dettagliato sia la sequenza degli eventi, sia le ragioni politiche e pratiche della nostra scelta. La sera del 6 febbraio si è svolta a Macerata una riunione di tutte le organizzazioni. In quella riunione si delineava una situazione conflittuale sull’indirizzo generale che avrebbe probabilmente portato a due manifestazioni in orari diversi. Fin qui, niente di drammatico. E’ una situazione già vista e sperimentata altre volte. A questo punto la mattina successiva (il 7 febbraio) il sindaco ha lanciato la sua nota stampa, cioè un appello in cui si invitava a non fare alcuna manifestazione (considerate che per oggi, 8 febbraio, è prevista una manifestazione di Forza nuova). C’è da rilevare che la massima istituzione cittadina non ha mai promosso, come sarebbe stato suo dovere, una iniziativa in reazione all’atto di terrorismo razzistico. Così come vi è stata per tutto questo tempo una totale assenza delle Istituzioni locali, regionali e nazionali. Davanti all’appello del sindaco il primo orientamento nostro è stato interlocutorio, ma essenzialmente consisteva nel provare a mantenere l’iniziativa programmata. Nel corso della mattina sono avvenute moltissime telefonate tra ANPI ARCI CGIL, oltreché con le Istituzioni, che hanno portato alla decisione di sospendere la manifestazione. Intanto avevamo saputo che il ministro Minniti avrebbe vietato qualsiasi manifestazione, come effettivamente ha dichiarato nella serata di ieri. A questo punto si è detto che le alternative erano due: o partecipare da soli alla manifestazione con i centri sociali, con la quasi certezza che essa sarebbe degenerata anche perché vietata o annullare l’iniziativa. Abbiamo scelto la seconda strada, perché la prima, oltre a comportare un problema politico gigantesco (noi in solitudine) ci avrebbe reso corresponsabili – agli occhi dell’opinione pubblica – degli eventuali e probabili incidenti, rendendo inoltre impervia la strada dell’iniziativa futura del comitato unitario. Sapevamo che avremmo avuto reazioni di dissenso fra i nostri compagni. Anche per questo abbiamo scelto di accelerare tutto e di andare, per così dire, all’offensiva: ieri sera, 7 febbraio, abbiamo convocato per domani, venerdì 9, alle 10, la riunione del comitato unitario in cui proporremo di dar vita immediatamente (si immagina il 24 febbraio, ma prestissimo avrete la notizia certa) a una grande manifestazione unitaria antirazzista e antifascista. L’idea cioè, dopo la scelta di ieri obbligata ed indubbiamente difensiva ma non per nostra volontà, è di rilanciare immediatamente, andando all’attacco, e rimettendo in primo piano il ruolo di “apripista” dell’ANPI e la linea dell’unità antifascista. Rimangono naturalmente molte incognite: Forza nuova farà o no la manifestazione prevista per oggi e se sì, come andrà a finire? La confermata manifestazione di sabato dei centri sociali come si svolgerà? Una certezza: l’iniziativa del sindaco è stata a nostro avviso del tutto inopportuna e per molti aspetti ambigua e sbagliata. Così, di fatto, ha precluso una grande manifestazione unitaria antirazzista. Non solo: l’appello a non svolgere alcuna manifestazione può apparire una scelta pilatesca, dove si equipara la manifestazione antifascista con la manifestazione fascista e la manifestazione pacifica, come sarebbe stata quella unitaria, con la manifestazione violenta, come presumibilmente può essere quella di Forza nuova. Ma è pur sempre un’iniziativa di un sindaco che in qualche modo rappresenta una piccola città in effetti provata non solo dalla morte della povera ragazza e dalla sparatoria del killer nazifascista, ma anche, nel recente passato, dal terremoto e dalle sue conseguenze. L’ANPI non poteva non prestare attenzione a questo stato di forte disagio della comunità maceratese. Ma specialmente, è nel suo DNA, non poteva non tener conto che le Istituzioni rappresentano l’ossatura stessa della democrazia e vanno quindi ascoltate e rispettate. In conclusione è evidente che siamo stati costretti a giocare in difesa, ma non arretriamo di una virgola né sulla nostra autonomia, né sulla linea unitaria, né sulla centralità del tema della lotta al razzismo e della necessaria e urgente mobilitazione. Come è chiaro dal comunicato, non ci arrendiamo affatto ma “pretendiamo che Macerata non diventi un luogo di attiva presenza neofascista”. Ora dobbiamo tornare all’attacco. Confidando nel vostro forte senso di appartenenza e sulla condivisione di un percorso difficile ma necessario, vi inviamo il nostro più fraterno saluto.

Carla Nespolo

Sabato 27 gennaio – Giorno della MEMORIA

ANPI

Vile attentato alla club house Giuseppe Cunsolo del San Teodoro Liberato a Librino

L’ANPI di Catania condanna il vile attentato, di natura dolosa, che ha completamente distrutto la Club House nel popoloso quartiere di Librino, ove si trova la sede del Club di rugby “Briganti ASD Omlus di Librino”, che da anni opera svolgendo non solo attività sportiva, ma anche favorendo la socializzazione, la divulgazione culturale e l’integrazione soprattutto in favore dei minori, sottraendoli a tentazioni devianti e soprattutto creando in loro una coscienza democratica e di ripudio di ogni forma di tentazione mafiosa.

Questo incendio, di natura dolosa, non può che avere una matrice mafiosa ed è stato provocato con l’obiettivo di zittire una voce che all’interno del quartiere si batte per dare un futuro soprattutto ai giovani.

L’ANPI esprime la propria solidarietà e vicinanza ai “Briganti di Librino” in questo momento particolarmente difficile e si impegna a fare quanto è possibile per ricostruire nel più breve tempo possibile la sede distrutta e, soprattutto, per ricostruire quel patrimonio di impegno civile, di solidarietà e di cultura democratica che è da sempre l’obiettivo che i “Briganti di Librino” portano avanti nella nostra città e nel quartiere in particolare.

Catania, 12 Gennaio 2018

ANPI Catania

Giorno 21 dicembre 2017

Locandina Cervi