In diecimila al corteo di solidarietà con il popolo palestinese a Roma | Autore: fabio sebastiani

Diecimila persone hanno partecipato a Roma al corteo di solidarietà con la Palestina e la fine dell’occupazione da parte di Israele. Un serpentone che è andato ben oltre le previsioni della vigilia, con tanti striscioni e bandiere fino ia piazza Santi Apostoli, dove si terrà il comizio finale. Un grande striscione in apertura delcorteo recita: “Per la fine dell’occupazione israeliana”; dietro, quasi tutti membri della comunità palestinese in Italia,tra cui l’ambasciatrice. Mai Al Kaila.
Lo slogan echeggiato con più forza è stato sicuramente qeullo che reclama la fine dell’occupazione israeliana della Palestina. “Il nostro popolo non si arrenderàmai”,dicono i Palestinesi, e quindi l’unica via d’uscita dopo 60 anni di conflitto è che Israele se ne vada. Una posizione sostenuta anche dagli “Ebrei contro l’occupazione” presenti all’iniziativa”. Convocata sulla base di un appello della comunità palestinese, la manifestazione ha registrato la presenza di decine e decine di organizzazioni politiche, comitati, gruppi di solidarietà. Molti  i rappresentanti dei partiti della sinistra antagonista, tra cui Giovanni Russo Spena, Paolo Ferrero, Marco Ferrando. Presenti anche le Donne in nero, il Comitato romano dellacqua pubblica. Un altro filone dell’iniziativa ha riguardato il boicottaggio di Israele, sia sotto il profilo commerciale che quello militare. Nel giro di affari che lega Italia a Israele ci sono le forniture della Selex ES, i satelliti realizzati dalla Thales Alenia Space, la cooperazione nel programma Opsat e la ben nota fornitura dei M346 dell’Aermacchi. L’Usb in un comunicato/volantino invita i lavoratori a non collaborare con i programmi militari e con qualsiasi progetto o fornitura “che possa favorire l’occupazione israeliana”. Il 19 ottobre ci sarà a Milano una assemblea pubblica per costruire il “No” all’ingresso di Israele all’Expo (#EXPOFAMALE).
Quasi impossibile dare conto delle decine e decine di striscioni e bandiere che si sono stretti intorno al popolo Palestinese in un momento in cui la loro dura condizione continua ad essere nascosta agli occhi dell’opinione pubblica. Tra gli altri,lebandiere di Rifondazione comunista, del Pcl, della Lista Tsipras, dell’Anpi, dei Cobas, Di Freedom Flotilla e della Rete dei Comunisti.

Qui di seguito il testo dell’appello:Terra, pace e diritti per il popolo palestinese. Fermiamo l’occupazione

Appello per una manifestazione nazionale in sostegno al popolo palestinese il 27 settembre a Roma

L’aggressione Israeliana contro il popolo palestinese continua, dalla pulizia etnica del 1948, ai vari massacri di questi decenni, dal muro dell’apartheid, all’embargo illegale imposto alla striscia di Gaza e i sistematici omicidi mirati, per finire con il fallito tentativo di sterminio perpetuato in questi ultimi giorni sempre a Gaza causando più di 2000 morti ed oltre 10.000 ferite.

Il Coordinamento delle comunità palestinesi in Italia indice una manifestazione nazionale di solidarietà:

– per il diritto all’autodeterminazione e alla resistenza del popolo palestinese;

– per mettere fine all’occupazione militare israeliana;

– per la libertà di tutti i prigionieri politici palestinesi detenuti nelle carceri israeliane;

– per la fine dell’embargo a Gaza e la riapertura dei valichi;

– per mettere fine alla costruzione degli insediamenti nei territori palestinesi;

– per il rispetto della legalità internazionale e l’applicazione delle risoluzione del consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite;

– per uno stato democratico laico in Palestina con Gerusalemme capitale (come sancito da molte risoluzioni dell’Onu);

– l’attuazione del dritto al ritorno dei profughi palestinesi secondo la risoluzione 194 dell’Onu e la IV Convenzione di Ginevra.

Chiediamo a tutte le forze democratiche e progressiste di far sentire la loro voce contro ogni forma di accordi militari con Israele.

Chiediamo al Governo italiano e in qualità di presidente del “semestre” dell’UE di adoperarsi per il riconoscimento europeo dei legittimi diritti del popolo palestinese e mettere fine alle politiche di aggressione di Israele, utilizzando anche la pressione economica e commerciale su Israele.

Il coordinamento delle Comunità palestinesi in Italia chiede a tutte le forze politiche e sindacali e a tutti le associazioni e comitati che lavorano per la pace e la giustizia nel mondo di aderire alla nostra manifestazione inviando l’adesione al nostro indirizzo mail :

comunitapalestineseitalia@hotmail.com

Coordinamento delle Comunità Palestinesi in Italia

Terra, pace e diritti per il popolo palestinese. Fermiamo l’occupazione. Appello per una manifestazione nazionale a settembre Autore: Coordinamento delle Comunità Palestinesi in Italia

Appello per una manifestazione nazionale in sostegno al popolo palestinese il 27 settembre a Roma

L’aggressione Israeliana contro il popolo palestinese continua, dalla pulizia etnica del 1948, ai vari massacri di questi decenni, dal muro dell’apartheid, all’embargo illegale imposto alla striscia di Gaza e i sistematici omicidi mirati, per finire con il fallito tentativo di sterminio perpetuato in questi ultimi giorni sempre a Gaza causando più di 2000 morti ed oltre 10.000 ferite.

Il Coordinamento delle comunità palestinesi in Italia indice una manifestazione nazionale di solidarietà:

– per il diritto all’autodeterminazione e alla resistenza del popolo palestinese:

– per mettere fine all’occupazione militare israeliana;

– per la libertà di tutti i prigionieri politici palestinesi detenuti nelle carceri israeliane;

– per la fine dell’embargo a Gaza e la riapertura dei valichi;

– per mettere fine alla costruzione degli insediamenti nei territori palestinesi.

– per il rispetto della legalità internazionale e l’applicazione delle risoluzione del consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

– per uno stato democratico laico in Palestina con Gerusalemme capitale (come sancito da molte risoluzioni dell’Onu).

– l’attuazione del dritto al ritorno dei profughi palestinesi secondo la risoluzione 194 dell’Onu e la IV Convenzione di Ginevra.

Chiediamo a tutte le forze democratiche e progressiste di far sentire la loro voce contro ogni forma di accordi militari con Israele.

Chiediamo al Governo italiano e in qualità di presidente del “semestre” dell’UE di adoperarsi per il riconoscimento europeo dei legittimi diritti del popolo palestinese e mettere fine alle politiche di aggressione di Israele, utilizzando anche la pressione economica e commerciale su Israele.

Il coordinamento delle Comunità palestinesi in Italia chiede a tutte le forze politiche e sindacali e a tutti le associazioni e comitati che lavorano per la pace e la giustizia nel mondo di aderire alla nostra manifestazione inviando l’adesione al nostro indirizzo mail comunitapalestineseitalia@gmail.com