Persecuzioni ai danni dei candidati sindacalisti del KKE da: www.resistenze.org – popoli resistenti – grecia – 14-01-15 – n. 526


Partito Comunista di Grecia (KKE) | kke.gr
Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

13/01/2015

Lo Stato borghese sta portando avanti una persecuzione ai danni dei sindacalisti militanti del KKE, in un momendo di aspro confronto elettorale del Partito contro la borghesia, l’UE e i suoi partiti.

Una richiesta per la revoca dell’immunità del eurodeputato e candidato parlamentare del KKE nella regione di Salonicco, Sotiris Zarianopoulos, è stata presentata al Parlamento Europeo dai persecutori greci.

L’eurodeputato comunista è perseguito perché, come segretario della Camera del Lavoro di Salonicco e quadro del PAME, il 3/4/2010, alla vigilia di uno sciopero generale, insieme ad altri rappresentanti e sindacalisti, ha promosso le posizioni del movimento di classe sulle onde del canale televisivo, al tempo di proprietà pubblica, ET-3. Questi fatti sono stati sistematicamente nascosti e distorti dai mass media pubblici e privati. A Sotiris Zarianopoulos sono addebitate accuse con risvolti penali per questo intervento nel telegiornale di mezzogiorno di ET-3. Le accuse sono “violenza e disturbo della quiete pubblica”.

Il 12/1 il Presidente della Camera del Lavoro di Larissa, quadro del PAME e candidato parlamentare del KKE, Tasos Tsiaples, si è trovato sul banco degli imputati a causa della sua partecipazione alla mobilitazione per l’abolizione dei pedaggi stradali. Il processo è stato rinviato al gennaio 2016.

Il sistema borghese sta dimostrando la sua spietatezza contro i comunisti: alcuni mass media borghesi internazionale presentano SYRIZA, forza ben nota in Grecia per il suo contributo a minare le lotte nel corso degli ultimi due anni, come una presunta forza “sovversiva” e “radicale”.

Nessun ulteriore commento è necessario…