La Costituzione e la grande bellezza – Lettera aperta alla Ministra Boschi sulla riforma costituzionale in corso da: libertàe giustizia

La Costituzione e la grande bellezza – Lettera aperta alla Ministra Boschi sulla riforma costituzionale in corso

Gentile signora Ministra,

non sono che una cittadina priva di competenze specifiche in materia costituzionale – oltre a quelle richieste a ogni cittadino, con il dovere di conoscere il patto fondamentale che ci lega gli uni agli altri attraverso l’assunzione dei nostri doveri e dei nostri diritti. Di conoscere e rispettare il patto fondamentale di cittadinanza, la Costituzione.

Ma è proprio in base a questo dovere che le scrivo, signora Ministro, per esprimere il dolore profondo e lo sconcerto, che numerosissimi cittadini come me provano nel vedere demolito un altro pezzo della nostra Carta (57 articoli su 85). Non per essere sostituito da regole migliori, che cioè migliorino la qualità della vita democratica, nel suo aspetto di processo di formazione e attuazione delle decisioni che riguardano tutti noi;  ma – al contrario – da disposizioni farraginose e incomprensibili, che mostrano – fin nella tessitura prolissa e sgrammaticata – l’assenza di un principio ispiratore intelligibile, a parte il mantra “abolizione del bicameralismo perfetto”.

Riporto qui solo alcuni degli argomenti che sono stati pubblicamente sollevati contro il metodo e il merito di questa riforma.

    1. I promotori non hanno titolo a questa riforma. La prima fonte di questa obiezione è Piero Calamandrei, secondo il quale “Nel campo del potere costituente il governo non può avere alcuna iniziativa, neanche preparatoria”.  “Quando l’Assemblea discuterà pubblicamente la nuova Costituzione, i banchi del governo dovranno essere vuoti”. Come ci ha ricordato Sandra Bonsanti (http://www.libertaegiustizia.it/cat/spec-senato/, 11/09/15). La seconda è la Corte costituzionale, che ha dichiarato incostituzionale la legge con cui l’attuale Parlamento è stato eletto, privandolo dunque della piena e chiara legittimità che una riforma costituzionale esige. “Le costituzioni sono al servizio della legittimità della politica e una costituzione illegittima non può che produrre politiche a loro volta illegittime” (G. Zagrebelsky La terza, siamo noi cittadini: l’ultima volta che ho votato per il suo partito, signora Ministro, il programma era completamente diverso, e l’idea di una riforma costituzionale – di questa portata poi! – mai è stata messa in un programma elettorale.
    2. Semplificazione delle procedure deliberative? Ma ora ci saranno dieci diversi procedimenti legislativi, complicati dall’assenza di chiarezza sulla linea di confine fra materie statali e materie regionali, generatrice di infiniti litigi. Perfino l’accordo raggiunto fra maggioranza e minoranza del suo partito (strana assemblea costituente, anche questa: e gli altri?) aumenta la confusione: la prima metà di un comma dice che i Senatori li “eleggono” i Consigli regionali, e la seconda metà che li “scelgono” gli elettori. Davvero sembra che ci si sia lottizzati anche i commi: il pensiero politico espresso da questo linguaggio qual è? “Non sembra difficile, inoltre, immaginare una nuova ondata di contenzioso costituzionale, questa volta tra Camera e Senato, in ordine al tipo di procedimento da seguire nei diversi casi (in proposito, il nuovo articolo 70 si limita a prevedere che i presidenti delle Camere decidono, di comune intesa, sui conflitti di competenza: ma, chi assicura che l’intesa sia effettivamente raggiunta?”(cfr. F. Pallante in questo sito, http://www.libertaegiustizia.it/2015/09/14/la-semplificazione-che-complica/)
    3. Se un disegno c’è, sembra veramente uscito dalla mente di uomini piccoli, dall’orizzonte angusto fino a farci soffocare: disinteressati come sono a tutto quello che non è la gestione del loro personale potere nei prossimi pochi anni (dopo di loro può venire il diluvio). Il Senato è quella che la Costituzione italiana pensava come la Camera Alta (il suo Presidente è attualmente colui che esercita le funzioni di Presidente della Repubblica “in ogni caso in cui egli non possa adempierle”, Art. 86). La riforma lo rimpicciolisce a un “camerino” di interessi locali, spesso interessi personali di pura sopravvivenza giudiziaria. Ma insieme alla legge elettorale, l’intera riforma “costituzionalizza” l’umiliazione del Parlamento e rimette nelle mani dei piccoli arbitri dei piccoli uomini  al potere di fatto la quasi totalità della decisione su ciò che “deve” essere. “La maggioranza deve essere prona, l’opposizione spuntata, le Camere sotto la sferza come vecchi ronzini ai quali si detta addirittura l’andatura (il “timing”) e il percorso (la “road map”). Il presidente del Consiglio usa un linguaggio sprezzante nei confronti di chi non ci sta (“ce ne faremo una ragione”; “asfalteremo”; “piaccia o non piaccia”, “porteremo a casa”, ecc.). La qualità del linguaggio è un segno spesso più eloquente di tanti discorsi programmatici” (G. Zagrebelsky, http://www.libertaegiustizia.it/2014/08/06/la-costituzione-e-il-governo-stile-executive/). Ma “Se questo è l’obiettivo, si tratta non di riforma ma di capovolgimento della Costituzione.” (Ibid.)
  • Nessun ascolto, neppure una risposta o una controcritica alle molte virtuose alternative a questo “bicameralismo confuso” – citiamone due fra molte: quella di Zagrebelsky, dopotutto Presidente emerito della Corte Costituzionale, che optava per un modello di Senato come custode dei valori, e quindi non certo del passato, ma della nostra residua speranza di futuro, a fronte della dissipazione e dell’appropriazione privatistica di beni comuni con cui le consorterie d’affari e politica si stanno mangiando l’Italia. E quella di un Senato delle competenze, sul quale ribatte da più di un anno, ad esempio, un grande giornale non proprio giacobino (vedi la propposta di A. Massarenti discussa qui: http://www.phenomenologylab.eu/index.php/2015/09/quale-democrazia-il-senato-delle-competenze/).Aggiungerei, in particolare, delle competenze morali e della “garanzie” – di una minima decenza pubblica: in un paese dove se un candidato incandidabile per legge viene eletto, nessuno si stupisce che la legge venga messa da parte, e l’eletto governi una regione, dove un parlamentare viene sottratto al giudizio (in cambio di inconfessabili accordi) anche se ha dato dell’orangutango a una persona di colore.

 

 

Ecco, signora Ministra, le scrivo nella speranza che trovi infine il modo di rispondere a queste obiezioni. Non a me, ovviamente – ma a tutti i cittadini che vorrebbero proporgliele e non hanno voce o non trovano ascolto. Perché non ricordo sia uscita dalle sue labbra un argomento in difesa della “sua” riforma diverso dal seguente: “Non ci faremo fermare da nessuno”. Ma se il solo argomento resterà questo, mi lasci concludere, gentile Ministra: è un vero peccato che lei sia così bella. Perché la sua riforma, e i suoi argomenti, rappresentano invece il volto di una democrazia sfigurata (Copyright Nadia Urbinati 2014, consiglio lettura). Cioè della bruttezza senza riscatto di ciò che resterà della nostra Costituzione – del solo bene pubblico affidato alla nostra già così fragile coscienza civile. La sua grande, italiana bellezza, gentile Ministra, sarebbe solo l’ultima, sottile menzogna.

(*) Roberta De Monticelli fa parte del Consiglio di Presidenza di LeG

Lampedusa, Chaouki contro Kyenge: essere solo un simbolo non serve più da: redattoresociale.it

Lampedusa, Chaouki contro Kyenge: essere solo un simbolo non serve più

Duro attacco dell’esponente Pd contro la ministra dell’Integrazione, sua collega di partito. “Avrebbe dovuto tutelare i diritti dei migranti e dare risposte concrete, non bastano il pianto e la condanna”

19 dicembre 2013

ROMA – Sul caso di Lampedusa ci sono delle precise responsabilità politiche che non si possono ascrivere solo al ministerno dell’Interno, ma che riguardano anche e soprattutto il ministero dell’Integrazione che più di tutti avrebbe dovuto tutelare i diritti dei migranti. Non usa mezzi termini il deputato del Pd Khalid Chaouki sul ruolo ormai solo “simbolico” della ministra Cécile Kyenge. “Questo è il momento di fare un bilancio – spiega a Redattore sociale – Dopo la tragedia dell’ottobre scorso siamo stati tutti a Lampedusa, abbiamo pianto coi morti e denunciato tutti insieme le gravi condizioni disumane e incivili del centro per un paese come l’Italia. Oggi un ministero come quello dell’Integrazione deve dare delle risposte concrete, non bastano più il pianto e la condanna. Abbiamo sollecitato la nostra ministra, e lo facciamo ancora, a fare una pressione in più sul governo per predisporre un piano di accoglienza degno di questo nome”.Un attacco quello di Chaouki, particolarmente forte e significativo, perché arriva da quella parte del Pd più vicina alla ministra. E il deputato non nasconde il timore di un effetto boomerang su tutto il Partito democratico. “Abbiamo applaudito alla scelta fortemente simbolica del premier Letta di eleggere come ministro Cecile Kyenge, ma oggi questa non può e non deve rimanere una scelta solamente simbolica – aggiunge – spetta alla ministra dare atto di una presa di coscienza e di responsabilità maggiore, non vogliamo che la sua presenza nel governo passi solo come un modo per ripulirsi le coscienze. È compito del governo darle uno spazio maggiore ma è compito anche suo dare risposte concrete non solo agli immigrati ma a tutti gli italiani, anche a quelli che l’hanno criticata in questi mesi, che devono avere delle risposte chiare su come quel ministero deve e può funzionare in una fase così difficile”.

Chaouki chiede inoltre alla ministra di “alzare la voce” anche su un altro tema a lui particolarmente caro, quello della riforma della cittadinanza con l’introduzione dello ius soli. “In Parlamento stiamo facendo pressione perché a metà gennaio finalmente si calendarizzi la discussione della riforma sulla cittadinanza – aggiunge – ma il governo ha molti strumenti in più dei nostri. Sulla cittadinanza, sul superamento dei Cie e sull’abrogazione della Bossi-Fini il governo deve pronunciarsi, e su questo la ministra Kyenge rappresenta la nostra storia e il nostro percorso dentro il governo. Come altri hanno sostenuto la battaglia dell’Imu, anche i diritti di cittadinanza e i diritti civili devono avere rappresentanti che al momento giusto devono pretendere da questo governo iniziative concrete – conclude -. La ministra deve alzare la voce, anche per preservare il suo ruolo e la sua esperienza che non può passare solo come un’esperienza di simpatia verso i nuovi italiani ma deve rappresentare un cambiamento reale nelle politiche dell’immigrazione di questo paese”. (ec)

© Copyright Redattore Sociale