martedì 19 febbraio Biancavilla Sala Congressi presentazione del libro di Consuelo Lanaia “Padre Nostro”

149908_10200654708916686_858279338_n

Appello per le elezioni del 24 e 25 febbraio per un’Italia rinnovata, nei valori dell’Antifascismo, della Resistenza e della Costituzione

VOLANTINO ANCONA (2)

documento della Giunta Regionale Siciliana di revoca dei provvedimenti autorizzativi del MUOS a firma del Presidente della Regione Crocetta.

377631_10151423705311310_480626498_n

 

NOMUOS – Terranova (ANPI SICILIA): I manifestanti non sono delinquenti

Il movimento che si è sviluppato in Sicilia anche con la presenza dell’ANPI, contesta da tempo in modo pacifico, la istallazione a Niscemi del Muos. Essendo il Muos strumento di guerra e di inquinamento per un vasto territorio così come dimostrato da validi studi e malgrado il nuovo Governo Regionale  presieduto dal Presidente Crocetta a seguto di un voto dell’Assemblea Regionale, avesse deciso la sospensione dei lavori, i lavori non sono stati mai sospesi.

 Contro chi continua questa civile e pacifica lotta, le forze dell’ordine hanno provveduto a notificare un foglio di via.

 L’ANPI Sicilia protesta sia contro questo incredibile provvedimento, che paragona liberi cittadini a comuni delinquenti, che contro l’atteggiamento del Governo Nazionale che continua a ignorare  quanto deciso dal Governo Regionale e le giuste motivazioni  di chi protesta contro l’istallazione di uno strumento di morte, che anche per la sua vicinanza e  interferenza,  impedisce  l’apertura dell’aeroporto civile di Comiso, simbolo di pace per cui lottò e morì Pio La Torre.

Ottavio Terranova

Coordinatore ANPI Sicilia

Palermo 28 gennaio 2013

———————-
ANPI
Associazione Nazionale Partigiani d’Italia
COORDINAMENTO REGIONALE SICILIA
———————-
sicilia.anpi.it
https://twitter.com/ANPISicilia

Dichiarazione di Smuraglia su frasi di Berlusconi pubblicata da A.N.P.I. Associazione Nazionale Partigiani d’Italia

 

“La dichiarazione di ieri di Berlusconi è così mostruosa che si potrebbe lasciarla perdere, anche per non assecondare la sua ricerca di pubblicità. 

Ma un minimo di riflessione ci vuole, perché la frase non è sfuggita a caso, ha tutta l’aria di essere premeditata, cogliendo l’occasione della presenza di molta stampa nel luogo dove si inaugurava il Museo della Shoah; ma dietro, c’è comunque un mondo, un modo di pensare. Si diceva una volta che Omero è sempre Omero anche quando sonnecchia. Questa frase si adatta perfettamente al caso di Berlusconi che, anche quando dormicchia (come ha fatto ieri) durante la cerimonia, tuttavia è sempre lui, cioè – alla fine – uno che pensa davvero che Mussolini abbia “fatto bene” a prescindere dalle leggi raziali. E i 3000 morti prima ancora di prendere il potere? E i tantissimi anni di carcere irrogati dai Tribunali speciali agli antifascisti e il confino agli oppositori? E la guerra disastrosa e perduta? Chiaramente Berlusconi pensa che tutto questo non rappresenti nulla. Il guaio è che, in questo campo, si va molto al di là della boutade, perché c’è chi ascolta con piacere e si sente appoggiato. Sarà stato un bel giorno, ieri, per Casa Pound, per i fascisti del terzo millennio, per tutti coloro che sognano impossibili ritorni. Ed è questo il guaio maggiore: l’incoraggiamento e il sostegno, diretto o indiretto, che si dà ai neofascisti, ai nostalgici, ai (quasi) indifferenti.

E questo è grave e pericoloso e va detto con forza,  anche se Berlusconi sarà contento, comunque, di essere finito – come voleva – sui giornali”.

Carlo Smuraglia

Presidente Nazionale ANPI

Roma, 28 gennaio 2013

Siracusa 27 gennaio Sinagoga Via Italia 88: Giornata della Memoria “SHOAH il significato dell’Olocausto”

viewer32

Catania 25 e 26 gennaio tre iniziative per non dimenticare: 25 gennaio giornata della memoria : proiezione del film “la zona grigia” e “Mai Più la memoria illumina il futuro” e il 26 inniziativa “Immagina che il lavoro”

Cattura2

Cattura

150773_10200448810011019_627103023_n

A natale rimPatria campagna abbonamenti a Patria Indipendente

banner2

Il sottotenente Salvatore La Marca partigiano in Jugoslavia, che curò dopo la liberazione il rientro dei partigiani italiani in patria

img120

Assalto del Battaglione “Danton” a un autoblindo tedesco nella zona di Monte bConsiglion (Vittorio Veneto) il 5° a sinistra è Giuseppe Saradisco “Giovanni”

img118