In edicola l’Almanacco di filosofia di MicroMega da: micromega.net


“Gli intellettuali e la religione”, “Socialismo, comunismo e l’eredità di Gramsci”: sono i due temi del nuovo numero di MicroMega (1/2017), un ricco Almanacco di filosofia con cui la rivista torna al vecchio prezzo di 15 euro e alla frequenza delle otto uscite per anno. Interventi di: Arendt, Graves, Maritain, Pievani, Touraine, Rovelli, Viano, Cacciari, Argentieri, Lagioia, Esposito, Sasso, Mancuso, Givone, Cordero, Savater, Honneth, Anderson, Engelmann, Badiou.
SOMMARIO – ACQUISTA: iPad | e-book Amazon, BookRepublic, Feltrinelli

PRIMO PIANO

Aborto, abrogare l’obiezione è l’unica soluzione di Paolo Flores d’Arcais
In un paese come l’Italia in cui i medici obiettori sono il 70% i correttivi delle assunzioni ad hoc sono insufficienti. L’unico modo per assicurare il diritto delle donne a interrompere la gravidanza è la coerenza di un’abrogazione dell’obiezione clericale che avrebbe dovuto essere stabilita già 39 anni fa.

Come fare funzionare la 194. Una proposta cristiana di Noi Siamo Chiesa
“Il personale sanitario obiettore sia obbligato a dedicarsi in modo gratuito e permanente a qualche attività in campo assistenziale o sociosanitario per dare testimonianza della genuinità della sua obiezione”. Di fronte alle crescenti difficoltà nel garantire il diritto all’interruzione volontaria di gravidanza il movimento di cattolici di base “Noi Siamo Chiesa” rilancia la proposta fatta dai cristiani che, pur contrari all’aborto, hanno appoggiato a suo tempo la 194.

194, ben vengano le assunzioni di medici non obiettori di Maria Mantello
La Regione Lazio sarà la prima ad avere ginecologi non obiettori assunti per far valere il diritto della donna all’aborto. Finalmente un’operazione concreta che riporta nel giusto alveo la 194, trasformata nella terra promessa dell’obiettore-ginecologo, fino a impedire l’interruzione volontaria di gravidanza.

FILOSOFIA – IL RASOIO DI OCCAM

Contro la sinistra globalista di Carlo Formenti
I teorici operaisti italiani di matrice “negriana”, che trovano spazio sulle colonne del giornale “Il Manifesto”, detestano la sinistra che scommette su quelle lotte popolari che mirano alla riconquista di spazi di autonomia e sovranità, praticando il “delinking”. Ma così facendo diventano l’ala sinistra del globalismo capitalistico.

 

ARTICOLI

 

Don Ciotti: “La politica si metta al servizio della società (civile)” intervista a don Luigi Ciottidi Giacomo Russo Spena
Dal ruolo del Papa alla battaglia per il “reddito di dignità”, dal contrasto alla povertà all’importanza della nostra Costituzione. Una conversazione con il fondatore di “Libera” che ha appena lanciato “Numeri Pari”, una rete di associazioni che si batte per la giustizia sociale: “Le disuguaglianze vanno combattute sia sotto il profilo etico, perché umiliano la pari dignità delle persone, sia pratico, perché disgregano la coesione sociale e il senso di comunità”.

 

Per il lavoro, con i tassisti contro Uber di Alessandro Somma
Un conflitto tra il vecchio che difende i suoi privilegi, e il nuovo che avanza verso un futuro radioso: così è stata rappresentata la lotta dei tassisti contro le norme a favore di Uber. Mai come in questo caso, però, le semplificazioni sono l’anticamera delle menzogna, qui amplificata da complessi tecnicismi.

 

“Gli ‘eredi’ di Pannella ci vogliono sfrattare” di Carlo Troilo
Guidati da Maurizio Turco, leader del “Partito Radicale Non violento Transnazionale e Transpartito” – PRNVTT, vogliono cacciare Radicali Italiani e Associazione Luca Coscioni dalla storica sede di via di Torre Argentina, portando alle estreme conseguenze lo scontro verificatosi all’ultimo congresso.

“The Great Wall” di Zhang Yimou di Giona A. Nazzaro
Con “The Great Wall”  – successo enorme in Cina, fallimento al botteghino Usa – Zhang Yimou, cineasta di regime, si piega senza colpo ferire a quella che lo sguardo ufficiale cinese ritiene essere l’estetica dello spettacolo digitale globale.

“Fermare l’occupazione per salvare Israele” di Fulvio Scaglione
“Temiamo la scomparsa del carattere democratico dello Stato”. Parla il professor Daniel Bar Tal, eminente psicologo israeliano che, dopo aver scritto libri sulla psicologia della guerra, ha lanciato una campagna a cui hanno aderito già 500 tra scrittori, scienziati, diplomatici e artisti israeliani per far capire che l’occupazione delle terre palestinesi fa male anche agli israeliani e cambia la natura del loro Paese.

Concorrenza fra partiti e sistema elettorale di Guido Ortona
Un buon funzionamento della democrazia implica che la concorrenza fra i partiti politici venga adeguatamente promossa (se insufficiente) e tutelata. Condizione necessaria per ciò è che il sistema sia proporzionale. Un’eventuale soglia di sbarramento deve essere molto bassa, e un premio di maggioranza è quasi sicuramente dannoso.

Advertisements
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: