L’inchiesta e lo tzunami al Comune Liotta: “Questo deve saltare” di Melania Tanteri da: livecatania.it

CATANIA – Un vaso di Pandora. L’inchiesta della Procura a carico dell’ex assessore Giuseppe Girlando, per cui è stato chiesto il rinvio a giudizio per tentata concussione aggravata, sembra svelare altro, oltre gli aspetti puramente giudiziari. Da importanti documenti firmati al buio dai dirigenti, al “potere” di alcuni amministratori, alla poca trasparenza nelle attività di Palazzo. Fino alla volontà di allontanare chi si pensa possa non allinearsi. Pare proprio il caso di Roberto Politano, dirigente del Personale, prestato alla Ragioneria dopo la scadenza dell’incarico dell’ex ragioniere generale, Ettore De Salvo e ragioniere generale ad interim fino a maggio, quando il 23 dello sesso mese ufficialmente entra in malattia.

Un malanno “fortuito”, almeno stando alle intercettazioni dei carabinieri che evidenziano, nelle note in calce dell’informativa, come, sia l’ex assessore Girlando che l’attuale segretario generale di Palazzo degli Elefanti, Antonella Liotta, non si fidassero del ragioniere ad Interim. “In particolare – scrivono gli inquirenti – l’operato del ragioniere generale, è stato più volte oggetto di discussione tra l’assessore Girlando, il segretario generale e il rag. Roberto Sebastiano Giordano, all’indomani della sua escussione presso questi uffici”.

E’ tutto scritto nell’intercettazione del giorno 19 maggio 2016 tra Girlando e la Liotta “la quale – si legge ancora nell’informativa – gli riferiva che il ragioniere generale si era chiuso nella sua stanza in riunione e non faceva entrare nessuno, neanche il rag. Giordano Roberto Sebastiano. La donna aggiungeva che era stata costretta ad inviare nell’ufficio del ragioniere generale, con una scusa, i vigili urbani ai quali aveva detto che il dott. Politano non le rispondeva”.

Antonella: Pronto?

Girlando: Antonella, mi hai cercato?

Antonella: sì sì no mi sono fatta un …(incomprensibile)..con l’avvocato Liuzzi.

Girlando: sì

Antonella: ..e poi ho saputo incidentalmente, non ti dico come l’ho saputo, che pare che nella stanza del Ragioniere ci fossero la Cicchello, la Mancuso eee…l’altra la, insomma le tre donne

Girlando: sì

Antonella: Pare che il ragioniere abbia detto che non vuole essere disturbato, a Giordano non lo hanno fatto entrare e poi anche dice che c’era Bruno.. io quando l’ho saputo, ho mandato i vigili dicendo non mi risponde Politano. Per favore andate voi perché ho bisogno urgente di parlargli…ma quando dei vigili sono arrivati

Girlando: sì c’era Bruno, l’ho visto io Bruno. L’ho visto io che c’era Bruno.

Antonella: cioè ma a te ti pare normale

Girlando: non non mi pare …non …non so che cosa…ora chiedo alla Cicchello che cosa caspita c’era questa riunione ora lo faccio subito…va bene no io ho visto io…no io non ho visto la riunione con loro due ho visto che c’era Bruno…(incomprensibile)

Antonella: ma Bruno…però io ho bisogno di sapere perché se questo esercitava come dire è un suo diritto cioè della serie se tu non mi hai pagato i 100.000 euro che lui ritiene un suo diritto, benissimo …(incomprensibile)…ma se tu gli fai vedere le carte del comune…

Girlando: ora te

Antonella: …e cambia tutto

Girlando: ora mi accerto sono qua ora che passo dalla Cicchello glielo chiedo alla Cicchello

Antonella: ok

Si salutano.

Cinque minuti dopo si verifica una nuova telefonata tra i due, anche questa intercettata. Secondo quanto scrivono i carabinieri, è questa l’occasione in cui la Liotta e Girlando decidono di fare rimuovere Politano dal suo incarico di ragioniere generale.

Antonella: pronto

Girlando: allora lui era qui per problemi…per problemi suoi …punto…e va be..l’unico problema suo e quello…quella vicenda che ci riguarda…e non si e poi le signore sono entrate perché il do…a quanto mi si viene riferito il dottore Politano gli ha detto che dato che gli avevano fatto delle domande sul bilancio sulle cose nei giorni scorsi lui ne ha approfittato per farsi dare lumi da cotanta scienza

Antonella: e se li doveva fare dare proprio da Bruno?

Girlando: si

Antonella: va bene questo deve saltare allora da lì…non si può aspettare neanche un giorno ancora

Girlando: esattamente

Antonella: qua e quello gli porta le carte a Caserta, ma è cretino?

Girlando: esattamente

Antonella: nooo…tu che sai …uno una persona la difende fino a quando è difendibile…ma questo sonooo…

Girlando: no ha …non ha…non ha

Antonella: quella porta le carte a Caserta!!! Cioè noi in una situazione come questa che stiamo sca…scalando le montagne lisce!! …Giuseppe incominciamo a puntare chi ci mettiamo provvisoriamente eh!…a questo punto..le nostre carte…

Girlando: meglio Gullotta guarda, meglio Gullotta

Antonella: a questo punto le nostre carte sono nella mani di nessuno

Girlando: assolutamente meglio Gullotta guarda…meglio il cliente tranne ee…

Antonella: cioè non…mi metto io

Girlando: …(incomprensibile)…non è comu

Antonella: ma se noi momentaneamente ci mettiamo a Belfiore, anche se c’è quel problema dell’anticorruzione?

Girlando: ma lui non ha una inchiesta in corso..com’è combinato?

Antonella:  abbiamo il problema che finiamo sulle pagine dei giornalisti

Girlando: no no no grazie che che c’è dopo a lui che ha …(incomprensibile)…

Antonella: e allora gli si da la direzione per un mese e lo si alleggerisce a Politano perché…

Girlando: sì

Antonella: sì ma dopo di che a Gullotta gli si deve dire che non si deve chiamare a Franco Bruno va

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: