Autore: fabrizio salvatori Pubblico impiego, “basta un sì”. Le prime reazioni da parte dei lavoratori alle linee guida da: controlacrisi.org

Veloci come un fulmine, nel pubblico impiego si è passati dalla totale assenza di testi sull’ipotesi di accordo all’accordo nel giro di un giorno. Una situazione davvero paradossale che viene criticata aspramente da molti sindacati di base, a partire da Usb, e anche dagli stessi lavoratori. “Siamo arrivati al 30 novembre 2016 senza che un testo, anche approssimativo, sia mai stato condiviso con le rsu, con i delegati, una trattativa all’insegna della segretezza tanto è vero che le poche informazioni in nostro possesso provengono da fonti padronali o da giornali vicini a qualche sigla sindacale “rappresentativa”. scrive il gruppo dei delegati indipendenti.

Così come nel caso dei metalmeccanici di pochi giorni fa, a cui si è più volte richiamato lo stesso ex ministro del Lavoro Maurizio Sacconi, la firma contrattuale sarà in ogni caso un accordo politico e non una tradizionale intesa sindacale. E questo per due ragioni, osservano i lavoratori. “La prima, perché non inciderà da subito sulle buste paga (ma ormai, come dimostra il contratto metalmeccanici dovremo farcene una ragione visto che il futuro trasformerà gli aumenti in bonus), non porterà nuovi e maggiori diritti\tutele, la seconda è legata alla tempistica (a pochi giorni dal Referendum) a dimostrare la natura elettorale dell’accordo in funzione del sì al referendum a cui si piega la stessa Cgil (sostenitrice del No)”.

“A Cgil Cisl Uil preme soprattutto conservare il bonus degli 80 euro – si legge in una nota del coordinamento dei delegati indipendenti – è su questo punto che dovranno trovare un accordo con il Governo che continua a parlare di «85 euro a regime», 85 euro al termine del triennio 2016-2018”.

A conti fatti, dopo 10 anni, un dipendente della Pa potrà avere un incremento salariale di 40 euro netti, una cifra irrisoria che non permetterà recupero, anche minimo, del potere di acquisto, “una autentica elemosina”. E poi, ancora, 85 euro non aranno l’aumento «minimo» ma «medio», quindi basta fare due conti per capire come questa intesa sia economicamente catastrofica.

Poi ci sono tutte le altre questioni di cui abbiamo notizia, la proposta di aumentare l’orario settimanale di due ore caldeggiata dai sindacati autonomi, la proposta della Madia di accordare aumenti solo ai livelli piu’ bassi (la cosiddetta piramide rovesciata), come se i 7 anni di blocco contrattuale non pesassero anche sui redditi medi della Pa. Il Governo ha fretta di chiudere questo accordo, magari promettendo soldi per il 2018 con la Legge di stabilità che verrà approvata nel dicembre 2017. “Intanto licenzieranno un testo con irrisori aumenti e meccanismi che divideranno i lavoratori condannandoli al silenzio”.

Ma come è possibile che dei sindacati se la cavino con 40 euro di aumenti dopo 7 anni di blocco e nel silenzio generale? “Intanto, in questi anni, sono stati approvati codici comportamentali repressivi che se applicati alla lettera determinerebbero il licenziamento di migliaia di lavoratori e lavoratrici – rispondono i lavoratori – la presenza di questi regolamenti è sufficiente per incutere paura e disseminare rassegnazione. Al resto ci ha pensato la performance, quel meccanismo di perenne divisione che viene stupidamente presentato come riconoscimento meritocratico dell’apporto individuale. Peccato che questi soldi siano di tutti\e, stiamo parlando dei fondi della produttività che avrebbero potuto rappresentare la quattordicesima per i\le dipendenti della Pa ma che il sindacato ha voluto trattare al secondo livello imbrigliando le Rsu in discussioni sterili e spesso inconcludenti”.

Non è facile costruire una geografia dei futuri aumenti , uscirà un documento della Funzione pubblica per indicare all’Aran alcune linee guida. Di sicuro, il Governo non si limiterà alla beffa della elemosina denominata aumento contrattuale, vorrà mettere mano alla stessa contrattazione di secondo livello. “E’ ormai risaputo l’obiettivo che accomuna Governo e sindacati: destinare pochi euro da assegnare attraverso la contrattazione decentrata, in questo modo le Rsu si trasformeranno in strumenti utili a dividere e mortificare lavoratori e lavoratrici piegandosi ai dettami del Governo e alla diseguale distribuzione delle elemosine”.

Advertisements
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: