L’ANPI Catania invita tutte e tutti i tesserati ANPI e cittadini a partecipare la presidente Santina Sconza

no-anpi-manifesto14344230_1523523957665152_7441663156906978165_n

Smuraglia-Renzi: il testa a testa di Bologna da: il fattoquotidiano.it

Gianfranco Pagliarulo

La sera del 15 settembre quasi due ore di confronto sul referendum. Il presidente dell’ANPI: “Noi riteniamo che sia stravolto il testo della Carta”. Il presidente del Consiglio: “Abbiamo applicato l’articolo 138 e non c’è nessun attacco alla democrazia”

Costituzione Democrazia LeggeElettorale Politica Società

Bologna, sera di giovedì 15 dicembre. Manca una mezz’ora all’inizio del dibattito. C’è ressa agli ingressi, ma l’area del dibattito – un’arena, dicono, con duemila posti a sedere e un vastissimo spazio ulteriore a disposizione – non è ancora piena. Cerco di entrare assieme ad un gruppo di compagni dell’ANPI di Marzabotto. Una gentile signora ci blocca invitandoci ad accedere da un’altra entrata. Ma dall’altra entrata non fanno passare. Ping pong, dopodiché alla spicciolata, a dibattito iniziato, una parte delle persone in attesa può finalmente assistere al confronto. Mi dice un compagno dell’ANPI che hanno impedito l’accesso alle bandiere dell’associazione. Nel recinto del dibattito garriscono solitarie diverse bandiere del Pd.

È il giorno dell’atteso incontro Smuraglia-Renzi. L’incontro nasce dal repentino cambiamento di rotta dell’impianto comunicativo del leader fiorentino in merito al referendum. “Se perdo me ne vado” era stato il refrain di qualche mese. Dopo l’estate la musica non è stata più la stessa e il premier ha proposto un faccia a faccia per discutere nel merito. A posteriori – il 20 settembre – nella sua newsletter scrive: “Sono molto contento del fatto che il clima sia cambiato, finalmente, anche dopo alcuni confronti civili di questi giorni. Nessuno parla più di attentati alla democrazia e finalmente la discussione sta entrando nel merito”. È interessante notare che l’ANPI, da tempo immemorabile, ha invitato il governo ad entrare nel merito, da mesi e mesi Patria Indipendente pubblica editoriali, articoli, interviste in cui si entra sempre nel merito, laddove, al contrario, sia alcuni ministri, sia la stampa vicina al Pd – a cominciare dall’Unità – sono stati protagonisti di ironie, attacchi, qualche volta insulti nei confronti dell’ANPI e del suo massimo rappresentante, il presidente. Una fiera delle sgradevolezze qualche volta stupefacente.

Molta gente senz’altro. Dicono 4.000. Altri 2.000. Presumibilmente veritas in medio stat. Un Gad Lerner in forma e in tiro, per nulla intimidito dall’autorevolezza delle personalità, incalza con garbo gli oratori. I quali ostentano due “passi” o, se si vuole, due stili diversi. Pacato e sempre sul merito della riforma il Presidente Smuraglia; aggressivo, colorito e spesso sulle questioni politiche il Presidente Renzi, che non risparmia battute, frecciate e polemiche a destra e a manca: da D’Alema ai sostenitori del No a questo o quel contestatore nel pubblico. Perché nella platea, effettivamente, c’è fermento. Ma c’è fermento quando parla Smuraglia e c’è fermento quando parla Renzi. L’impressione è che i partecipanti siano più o meno equamente divisi fra i sostenitori del Sì e del No, cosa alquanto singolare, perché ci troviamo in casa del partito (anzi, del Segretario) del Sì. Considerando che la stragrande parte dei presenti – salvo qualche centinaio di iscritti all’ANPI, alcuni dei quali senz’altro iscritti al Pd – è formata presumibilmente da iscritti Pd, appare evidente una profonda sofferenza interna.

locandina-festa-unita-renzi-smuragliaVia al dibattito che, nella sostanza, si svolge in modo assolutamente civile, senza colpi di scena, furbate o turbative varie. “Ho registrato solo – afferma a posteriori Smuraglia – con rammarico e con un po’ di intima indignazione, una caduta di stile e precisamente il riferimento del Segretario del Partito Democratico ai partigiani che votano Sì, indicati – alcuni – anche nominativamente e segnalati per l’applauso che, ovviamente, c’è stato. Avevo detto poco prima che certamente c’è qualcuno per il Sì anche nell’ANPI, ma che i dati del Congresso dimostrano che si tratta di una esigua minoranza, a cui è stato riconosciuto il pieno diritto di dissentire, con l’invito, peraltro, a non fare atti clamorosamente contrastanti con la linea approvata dal Congresso”.

Ed è proprio Smuraglia, su sollecitazione di Lerner, a intervenire per primo, entrando immediatamente nel merito: “Secondo noi sarebbe un danno per il Paese se passasse questa riforma, e dunque ci battiamo perché non passi. Non abbiamo altro obiettivo che difendere la Costituzione da quello che noi riteniamo uno stravolgimento. Non ci riguarda la questione del governo né quella del Presidente del consiglio. Noi riteniamo che vi sia non una modifica della Costituzione, che è sempre ammissibile, ma che sia stravolto il testo della Carta; per questo noi ci sentiamo obbligati – è un nostro dovere statutario – a schierarci a difesa della Costituzione”.

“La ragione fondamentale – continua Smuraglia – per cui pensiamo che questa riforma non vada bene è che non si creano più due Camere, anche se formalmente ci sono. Una di queste viene ridotta quasi allo zero, per varie ragioni, fra cui il taglio di 200 componenti. Si dice che così diminuiamo il numero dei parlamentari, ma io rispondo che, se si vuol fare questo, si fa un’operazione proporzionale, tanti della Camera e tanti del Senato. Per di più questi senatori sarebbero eletti non dal popolo ma dai Consigli regionali; non si tratta quindi di una Camera alta autorevole”.

Replica di Renzi: “Noi rispettiamo le decisioni assunte dall’ANPI. Ma vogliamo che sia anche rispettata la verità dei fatti. È vero, volevano cambiare l’articolo 138 che disciplina le leggi di revisione della Costituzione; ma non è stato un errore di questo governo. È stato un errore del governo precedente, a cui abbiamo posto rimedio utilizzando perfettamente le procedure e le modalità di cui all’art. 138 stesso. Questo articolo dice che, ad eccezione della forma repubblicana, tutto si può discutere. Di conseguenza la nostra proposta di riforma è assolutamente legittima e costituzionale”.

La videointervista del Fatto Quotidiano a Smuraglia pochi minuti dopo la fine del dibattito con Renzi (da https://www.youtube.com/watch?v=69RYC0Ll5pk)

Il confronto si dipana così, con intensità crescente, per un’ora e mezza, toccando più corde della riforma e della stessa campagna referendaria, a cominciare dal suo sapore: “Si può partire – afferma Smuraglia – da idee diverse, ma con toni non esasperati, come è avvenuto, con toni di civiltà, ognuno esponendo una propria idea. Il referendum è il momento più alto nella vita democratica del Paese, perché è quello in cui si dà finalmente la parola al popolo sovrano. Perciò occorre arrivare all’appuntamento referendario facendo sì che il popolo possa esprimersi con libertà, con cognizioni di causa e sapendo che dalle sue decisioni dipende in qualche modo un pezzo del futuro del Paese”.

Come mai il taglio tocca solo il Senato? “L’Italicum – risponde Renzi – si applica solo per la Camera e non c’entra niente con il Senato”. Smuraglia chiede: perché non avete diminuito anche il numero dei deputati? Renzi: ma si pensa davvero che sia stato semplice fare quello che per anni si era detto di fare e non si è mai realizzato, cioè il taglio dei parlamentari?

A proposito dei nuovi compiti del Senato e dell’illeggibile (nuovo) articolo 70 della Costituzione, afferma Smuraglia: “L’art. 70 disciplina in modo difficile e complesso le competenze delle Camere; vi sono leggi che dovranno essere approvate da entrambe le Camere, altre volte dal solo Senato, altre ancora dalla sola Camera, e c’è un insieme di procedure che complicano invece di snellire. Il tutto, a fronte di un Senato svirilizzato perché non eletto dal popolo, anzi, non si sa neppure come sarà eletto”. Renzi: “L’esistenza di una Camera alta e di una bassa, dove una sola Camera dà la fiducia, è un sistema che già esiste in altri Paesi europei. È evidente che, passando dal bicameralismo perfetto ad un altro regime, occorra cambiare l’articolo che disciplina le competenze delle Camere; ecco la ragione della complessità del nuovo articolo 70; Smuraglia sostiene che non si capisce come farà il sindaco o il presidente della Regione a fare bene la sua attività e assieme a svolgere le funzioni di senatore; io dico che, così come oggi sindaci e presidenti di Regione vengono a Roma una volta alla settimana per partecipare, per esempio, alla Conferenza delle Regioni o agli incontri dell’Anci, così domani faranno i senatori con compiti del tutto diversi, fra l’altro, da quelli del vecchio Senato”. E sulla illeggibilità dell’articolo 70? “Noi abbiamo fatto una grande campagna di ascolto sul testo della riforma – afferma Renzi – ma oggi qualche professore dice che il testo non è perfetto. Può darsi, ma dopo tanti anni di lavoro per portare a casa la riforma io credo che sia un buon risultato”.

generica-anpiMa Renzi ha cambiato prospettiva, incalza Lerner. Prima affermava che, in caso di vittoria del No, si sarebbe dimesso. Oggi non lo dice più. E Smuraglia affonda: “Ho l’impressione che a un certo punto ci si è resi conto nell’entourage del Presidente del Consiglio che la posizione iniziale era pericolosa; qualcuno deve aver detto a Renzi: vedi che se perdi e ti dicono che te ne devi andare, ti tocca andar via davvero. Allora si è cambiato rotta. La pressione propagandistica non è più venuta dal Presidente del Consiglio, ma da altre fonti, come per esempio Confindustria e l’ambasciatore americano. Tutti a paventare il rischio di una catastrofe. E non si capisce minimamente il perché”.

Legge elettorale. Domanda Lerner a Renzi: ma ci potrà essere un nuovo ddl governativo, data l’attuale vostra disponibilità a cambiare l’Italicum?

Risposta: “L’Italicum non è frutto di un disegno di legge del governo, ma nasce da un accordo istituzionale chiamato Patto del Nazareno. Tutti avevano detto che c’era qualcosa sotto. Quando nel gennaio 2015 il Pd con un’operazione perfetta scelse un galantuomo Mattarella come candidato a Presidente della Repubblica, tutti si sono accorti che non c’era alcun patto segreto. Di conseguenza, tornando all’Italicum, non c’è alcun disegno di legge governativo per cambiare la legge elettorale. Io penso che questa sia un’ottima legge elettorale, però il Pd è pronto a discutere, ma non prendiamoci in giro: chi si oppone all’Italicum, se lo vuole cambiare, avanzi delle conseguenti proposte di modifica. Ballottaggio: non si può aver paura del ballottaggio, perché fa votare gli elettori, e quindi chi ha paura degli elettori ha paura della democrazia”. Smuraglia: “La nuova legge elettorale è collegata profondamente alla riforma della Costituzione. Non sono interessato a parlare della modifica della legge elettorale che fa parte del futuro. Io vedo il presente che è questa legge, l’Italicum. E quando vedo che la riforma taglia solo le poltrone del Senato e non quelle della Camera, mi chiedo perché non si sono tagliate le cosiddette poltrone in modo equilibrato nei due rami del Parlamento. Perché se così non si fa, è ragionevole pensare che ci sia un disegno dietro. In sostanza la legge elettorale, abbinata alla riforma costituzionale, disegna una Camera senza i dovuti contrappesi del Senato; e questo mi spaventa”.

E così via, civilmente battagliando, fino alla fine, con tanto, a parere di Renzi, di rivendicazione dell’operato del Governo come conquista di diritti, con tanto di citazione della legge sulle coppie di fatto, e giù applausi, e tanto di citazione delle leggi sul lavoro, e giù fischi e contestazioni.

The day after. Smuraglia: “Devo dire, prima di tutto, che ho trovato alla Festa dell’Unità una accoglienza cordiale e calorosa da parte di tutta la dirigenza del Partito Democratico e particolarmente affettuosa da parte di moltissimi presenti alla Festa (anche da parte di alcuni che si dichiaravano apertamente per il Sì). Dopo di che, ritengo che sia stata una serata importante, con un confronto paritario tra il Segretario del PD e il Presidente dell’ANPI (quell’ANPI che alcuni pretenderebbero di considerare ormai estinta).

Ho insistito molto, nel dibattito, sul merito delle riforme (riforma del Senato e legge elettorale) e sul ruolo dell’ANPI. Renzi ha preferito parlare più volte di politica e dei meriti del Governo, anche per riscaldare i suoi fan, peraltro già di per sé agguerriti. Ma alla fine, tutto è stato civile, anche da parte della appassionata (e diversificata) platea; e spero davvero che alcuni dati sulle riforme siano apparsi con chiarezza ed evidenza a tutto l’uditorio come una corretta e composta informazione”.

Pubblicato venerdì 23 settembre 2016

Autore: redazione Sabato a Roma la maratona dei poeti per Pasolini da: controlacrisi.org

ROMA, SABATO 24/09/ 2016, ore 18,00 in VIA GINA MAZZA, zona REBIBBIA, ROMA. Maratona dei Poeti PER PASOLINI

“AH, GIORNI DI REBIBBIA/CHE IO CREDEVO PERDUTI/ IN UNA LUCE DI NECESSITA’/ E CHE ORA SO COSI’ LIBERI!”
Maratona dei Poeti PER PASOLINI

Partecipano i poeti
Domenico Alvino, Tomaso Binga, Silvana Baroni, Giuseppe Stefano Biuso, Paolo Carlucci, Alida Castagna, Daniela Cecchini, Manuel Cohen, Daniela Costanzi, Chiara D’Apote, Caterina Davinio, DELLUST, Stefania Di Lino, Francesca Farina, Renato Fiorito, Luca Frudà, Donatella Giancaspero, Annamaria Giannini, Giada Giordano, Sonia Giovannetti, Emanuela Guttoriello, Patrizia Lanzalaco, Letizia Leone, Ginevra Lilli, Francesca Lo Bue, Sarah Zuhra Lukanic, Bianca Madeccia, Tiziana Marini, Nina Maroccolo, Desiree Massaroni, Daniela Matronola, Alessandra Mattei, Enrico Meloni, Giuseppina Marilena Mondello, Anita Napolitano, Olga Olina, Paola Oliva, Terry Olivi, Massimo Pacetti, Marco Palladini, Sarah Panatta, Helene Paraskeva, Plinio Perilli, Cetta Petrollo, Laura Pezzola, Enrico Pietrangeli, Paola Pinna, Roberto Piperno, Mimma Pisani, Lorenzo Poggi, Rossella Pompeo, Luciana Raggi, Antonella Rizzo, Fabio Sebastiani, Pietro Scagliarini, Eugenia Serafini, Therezinha Siqueira Teixeira, Giuseppe Spinillo, Francesca Tuscano, Michela Zanarella
Evento ideato e coordinato da Francesca Farina
Servizio video-fotografico di Vincenza Salvatore
Con la collaborazione straordinaria di don Giuseppe Raciti e
Gianni Stefanucci
NELL’AMBITO DELLA FESTA DI SAN GELASIO 2016

Autore: redazione Brasile, Lula reagisce all’incriminazione: “E’ una grande farsa”. La solidarietà del sindacato internazionale e di Afl-Cio da: controlacrisi.org

“E’ una grande farsa, una grande menzogna, un grande show pirotecnico”: l’ex presidente del Brasile Luiz Inacio Lula da Silva ha reagito cosi’ alla notizia del rinvio a giudizio con l’accusa di aver intascato tangenti per oltre un miliardo di dollari.
A dar la notizia della decisione e’ stato il giudice Sergio Moro, coordinatore delle inchieste sui casi di corruzione che hanno al centro il colosso petrolifero Petrobras. “Ci sono prove sufficienti della sua responsabilita’” ha detto il magistrato in riferimento a Lula.
L’ex presidente resta figura centrale per il Partido dos trabalhadores (Pt) come Dilma Rousseff, suo successore alla guida del Brasile, destituita il mese scorso a seguito di un procedimento parlamentare di impeachment.

Gli avvocati di Lula hanno elencato un catalogo di violazioni dei diritti fondamentali di Lula nella campagna contro di lui, tra cui la privazione della libertà, intercettazioni telefoniche illegali e fuoriuscita di corrispondenza, l’intercettazione delle sue comunicazioni con i suoi avvocati, la presunzione di colpevolezza senza alcuna prova o processo, e l’assenza di un giudice imparziale e di un procedimento giudiziario equo.

Nel mentre a Lula stanno arrivando attestati di solidarietà a livello internazionale. Pochi giorni fa si è tenuta addirittura una iniziativa organizzata dal sindacato americano Afl-Cio, che insieme al sindacato internazionale Ituc sostiene Lula in questo frangente. E in una nota, entrambi mettono in evidenza che uno dei colleghi di Moro, Pozzobon, ha ammesso la settimana scorsa che non vi era alcuna prova evidente di tutta l’accusa centrale che Lula segretamente avrebbe posseduto un appartamento a Guarujá.

L’avvocato per i diritti umani Geoffrey Robertson ha detto: “Questa è una persecuzione di Lula non un procedimento penale. Questo è il motivo per il quale abbiamo preso questo caso al Comitato dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite a Ginevra. Sto incontrando numerosi avvocati e difensori dei diritti umani qui negli Stati Uniti durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite a delineare la situazione in Brasile”.

Sharan Burrow, segretario generale dell’Ituc, ha descritto le accuse contro Lula come un “attacco politico di parte, utilizzando elementi della magistratura per cercare di distruggere un uomo che ha sollevato decine di milioni di persone dalla povertà, come il presidente più popolare della storia del Brasile. Lula ha già effettivamente ricevuto la dichiarazione di colpevolezza da colui che presiederà il processo senza giuria, mentre interessi corporativi cercano di consolidare il loro controllo sul paese. Noi siamo con Lula nel contrastare questa parodia della giustizia “.

Gli avvocati di Lula hanno elencato un catalogo di violazioni dei diritti fondamentali di Lula nella campagna contro di lui, tra cui la privazione della libertà, intercettazioni telefoniche illegali e fuoriuscita di corrispondenza, l’intercettazione delle sue comunicazioni con i suoi avvocati, la presunzione di colpevolezza senza alcuna prova o processo, e l’assenza di un giudice imparziale e di un procedimento giudiziario equo.

La No-Tav Nicoletta Dosio posta agli arresti domiciliari. Prc: “Atto vendicativo. Adesso denunciateci tutti” Autore: redazione da: controlacrisi.org

La disobbediente No Tav Nicoletta Dosio è stata posta l’altra mattina agli arresti domiciliari per non avere ottemperato all’obbligo di dimora nel comune di Bussoleno per delle ipotesi di reato risibili riferite a proteste e contestazioni di un anno fa. Nicoletta , in questo periodo, ha partecipato a diverse iniziative di discussione – tra cui la Festa Nazionale di Rifondazione Comunista di Firenze – sulle ragioni della lotta No Tav in Valsusa e anche a sostegno della campagna per il No allo stravolgimento della Costituzione nata dalla lotta di Liberazione.

“L’aggravamento delle misure restrittive disposto dall’autorità giudiziaria di Torino – commenta in una nota Ezio Locatelli, segretario del Prc provinciale – ha il sapore di un atto vendicativo visto che viene motivato con “l’entità del numero e della frequenza delle violazioni, le quali evidenziano una personalità estremamente negativa, intollerante delle regole e totalmente priva del minimo spirito collaborativo”. A Nicoletta la solidarietà piena e incondizionata di Rifondazione Comunista. Disobbedire contro misure ingiuste e ingiustificate non è reato! Adesso denunciateci tutti per favoreggiamento”.