ANPI Catania voterà NO al referendum confermativo contro le modifiche costituzionali del Senato

Buon Lunedì13912525_868092990001130_7325448603183023041_n

È una riforma legittima?
NO, perché è stata prodotta da un parlamento eletto con una legge elettorale (Porcellum) dichiarata incostituzionale

Solidarietà all’ ANPI che si batte per la libertà di dire NO da: Comitato per il No nel referendum costituzionale

Nelle ultime settimane stiamo assistendo a un crescendo di attacchi, scomposti e al limite della decenza, nei confronti dell’ANPI, associazione che tiene vivi il ricordo e gli ideali della lotta di Liberazione, che restituì al nostro Paese sul piano internazionale la dignità che il ventennio fascista le aveva fatto perdere.
Dopo la inqualificabile distinzione fra partigiani ‘veri’ e gli altri da parte della ministra Boschi, sono arrivate le esclusioni dalle manifestazioni che celebrano la liberazione delle nostre città (come è accaduto a Firenze) e dalle ‘feste’ del partito di Renzi.
Oggi come allora la difesa della democrazia prescinde dalle appartenenze partitiche e l’ANPI difende gelosamente la sua autonomia e gli ideali che portarono i Padri Costituenti a varare a larghissima maggioranza la Costituzione su cui si fonda la nostra Repubblica.
Fino a prendere, nel rispetto delle proprie procedure democratiche interne, posizione contro le ‘riforme’ istituzionali varate da un parlamento che non ha ricevuto alcun mandato popolare in tal senso, e a invitare a votare NO nel referendum costituzionale.
Evidentemente questo fa ancora paura a personaggi che, appropriandosi del potere grazie a ingegnerie dichiarate incostituzionali e coscienti della insostenibilità delle proprie affermazioni, tentano ora di impedire perfino la semplice espressione del dissenso.
Siamo certi che quanti fanno riferimento a chi accettò di rischiare la vita per difendere un ideale di libertà non si faranno certo intimidire da battute sciocche e miseri boicottaggi, ma non possiamo non esprimere la nostra indignazione nei confronti di questi attacchi, che, caso unico nelle democrazie europee, sembrano rinnegare il grande processo culturale scaturito dalla fine della guerra.
Solidarietà all’ANPI e al suo presidente Smuraglia, che si batte ancora per la libertà di dire NO.

Francesco Baicchi
Alfiero Grandi
Comitato per il No nel referendum costituzionale

Anpi diserta le feste dell’Unità. Il presidente contro il Pd: “Non ha rispetto della nostra storia” da: huffngtonpost.it

Una polemica che sembra destinata a non finire qui. Anpi vs il Pd renziano. Oggetto del contendere? La partecipazione dell’associazione dei partigiani alle feste dell’Unità, ufficialmente non invitata o, se chiamata a partecipare, caldamente invitata a non parlare del No. Ad alimentare ulteriormente un clima già per nulla sereno è Carlo Smuraglia, presidente nazionale Anpi, che in un’intervista a Giovanna Casadio su Repubblica non va molto per il sottile.

Alla domanda se ci siano trattative in corso per cercare di trovare una mediazione Smuraglia risponde così

Non c’è stato nessun invito formale. In passato nelle Feste dell’Unità veniva dato uno spazio alle locali sezioni dell’Anpi, in cui ovviamente l’Anpi fa quello che vuole”.

Per Smuraglia non si tratta di tradimento ma di “errore materiale”

“Non è una questione di tradimento. Ma è un errore materiale. L’Anpi ha una sua dignità e autorevolezza. Non può andare in un luogo in cui si pongano limiti alla manifestazione delle proprie opinioni. Se invito qualcuno a cena, non gli dico di chi deve parlare bene e di chi male. Lo lascio libero di esprimersi”.

Quindi l’Anpi, chiede Giovanna Casadio, non andrà a nessuna Festa?

“Non c’è una direttiva nazionale. Deciderà ogni sezione localmente. Se però chiedono il mio parere, ebbene io non andrei per rispetto di se stessi. Non vado in un posto dove non posso esprimere liberamente le mie idee”

Alla ricerca di Matteo Messina Denaro, ”l’ultimo corleonese” da: antimafiaduemila.com

 

messina denaro matteo effdi Rino Giacalone
Nicolò Nicolosi e Attilio Fogazza, sono gli ultimi, in ordine di tempo, a “tradire” il padrino Matteo Messina Denaro. La loro collaborazione è storia di questi giorni. In carcere da un paio di mesi per avere ucciso un “picciotto” di Partanna, Salvatore Lombardo, che era andato a rubare a casa del capo della cosca locale, Mimmo Scimonelli, hanno deciso di percorrere la strada del pentimento. Hanno cominciato a riempire i verbali e tra le cose raccontate confermano come il lupo (Messina Denaro) non ha perduto il suo vizio (le donne). Ai pm hanno riversato quello che Scimonelli avrebbe raccontato loro, di Matteo, u zu Mattè, che pare nelle sue missioni trapanesi, una puntata in zona e via, ogni tanto si porti appresso qualche bella donna, uno sguardo ai templi di Selinunte, un paio di pizzini da consegnare, altri da prenderne, magari un bel pesce gustato in qualche ristorantino della zona, e poi la ripartenza. Soldi e donne, i vizi del boss, ma deve fare i conti con una organizzazione che non risponde più come una volta. La voce dell’anziano Vito Gondola – anche lui giunto alla fine del suo percorso terreno, sotto processo la sua posizione è stata stralciata per gravi ragioni di salute – aveva già tradito la mancanza di nuove leve, tanto che Matteo Messina Denaro per rimettere in piedi le cosche si era rivolto a vecchi boss come Gondola. Ma il potere del boss belicino, 54 anni, latitante dal giugno 1993, resta ugualmente granitico, perché dalla sua parte resta la cosiddetta Cosa nostra 2 – la Supercosa – quella mafia tutta targata Totò Riina e Matteo Messina Denaro, fatta dai cosiddetti colletti bianchi, uomini, e donne, che hanno scelto di stare dalla parte del capo mafia, che frequentano i salotti, ma anche certe logge, più o meno segrete, ma sono quelle stanze dove può essere utile diventare amici anche di magistrati, avvocati, per esempio. Perché nella lotta contro la mafia, lo Stato deve ancora e sempre fare i conti con un suo certo ventre molle che la mafia riesce facilmente a sfondare. Trapani, lo dicevano Falcone e Borsellino, quando ancora non erano celebrati, ma semmai erano parecchio avversati anche all’interno dei Palazzi di Giustizia dove lavoravano, era la cassaforte della mafia, rispetto a Palermo dove stavano gli eserciti. A Palermo coppole e lupare, a Trapani banche e banchieri. Allora erano gli anni in cui in auge erano la Banca Sicula della famiglia D’Alì e la Banca Industriale di Peppe Ruggirello. La prova che la mafia aveva a disposizione quelle banche per il loro riciclaggio non c’è mai stata, ci provò l’allora capo della Mobile Rino Germanà con il famoso rapporto sulla Banca Sicula, Germanà poi finì nell’elenco dei boss circa le spine da togliere di mezzo, e per un soffio sfuggì alla morte in un agguato perpetrato ai suoi danni a Mazara il 14 settembre del 1992. Nella sentenza di prescrizione e assoluzione per l’ex sottosegretario all’Interno Tonino D’Alì il giudice ha scritto che negli anni ‘90 il rapporto tra i D’Alì e i Messina Denaro era pesante però per il tempo trascorso quel rapporto, che avrebbe costituito reato (riciclaggio nella vendita di un appezzamento di terreno in contrada Zangara di Castelvetrano), è stato solo “punito” da una prescrizione; le indagini sulla Banca Industriale non sono mai esplose, il patron Peppe Ruggirello chiuse la vendita con la Monte dei Paschi e per decenni rimase lontano dalla sua terra, per tornare a metà degli anni ‘90 per scendere in politica, fermato però da un male incurabile, passò lo scettro ai figli, Paolo e Bice. I quali si sono ritrovati indirettamente coinvolti in un paio di processi, a proposito di imprese e mafia, mafia e politica, ma ne sono sempre usciti indenni, sono rimasti solo citati, come per la maxi truffa ai fondi europei ordita dai Marino di Paceco, la costruzione di un intero quartiere di palazzi in cooperativa in terreno agricolo alle porte di Trapani. Soldi e sempre soldi, si capisce bene, aprono tante porte. E in provincia di Trapani i soldi continuano a girare e anche tanto, servono a corrompere, che sono l’altra faccia del fenomeno mafioso.
Matteo Messina Denaro è un corleonese. L’ultimo, probabilmente… (continua)

Acquista il n° 73 di ANTIMAFIADuemila e leggi l’articolo completo!