Garibaldi: Santonocito conferisce, senza avviso pubblico, incarico da 40 mila euro all’assessore Scialfa da: sudpress.it

Proroga Santonocito Scialfa

Si tratta della proroga dell‘incarico di “Medico Competente” che già l’anno scorso aveva suscitato perplessità. Beneficiaria infatti un assessore in carica, Valentina Scialfa, nominata in un altro ente pubblico da un direttore generale, Giorgio Santonocito, che era stato consulente del sindaco Bianco. Allora venne effettuata una “selezione pubblica” con due partecipanti. Oggi neanche la selezione

“Su proposta del Dirigente Responsabile del Settore Affari Generali, Sviluppo Organizzativo e Risorse Umane che ne attesta la legittimità, nonché la correttezza formale e sostanziale; Sentito il parere favorevole del Direttore Amministrativo e del Direttore Sanitario.”

Con questa formula vengono individuate chiaramente le responsabilità in ordine al conferimento in proroga dell’incarico di “medico competente” presso l’ospedale Garibaldi di Catania all’assessore comunale Valentina Scialfa per un corrispettivo annuo di 40.000 euro.

A firmare la delibera 332 del 4 maggio 2016 è il direttore generale Giorgio Santonocito.

Responsabile unica del procedimento, “che fa la proposta e ne attesta la legittimità, nonché la correttezza formale e sostanziale”, è la dirigente Gaetana Bonanno.

Pareri favorevoli del Direttore Amministrativo Giovanni Annino e del Direttore Sanitario Anna Rita Mattaliano.

Sono stati rispettati i principi per l’accesso ad incarichi professionali nella pubblica amministrazione?

Tutto parte nel settembre 2014, quando il direttore generale Giorgio Santonocito decide di affiancare al “medico competente” interno, un professionista esterno all’amministrazione.

Viene quindi indetta una selezione pubblica con relativo bando che però viene subito revocato e poi ripresentato con alcune modifiche in ordine ai requisiti necessari.

I candidati sono due e la commissione giudicatrice ritiene maggiormente meritevole la dr.ssa Valentina Scialfa.

All’epoca dell’assunzione dell’incarico, che viene formalizzato con deliberazione n. 176 del 27/03/2015, la dr.ssa Scialfa è assessore della giunta Bianco, quindi nello stesso distretto in cui ha sede l’ospedale e l’incarico viene conferito dal dr. Santonocito che di Bianco è stato consulente e del Comune di Catania Ragioniere Generale.

Quindi si realizza un delicato intreccio in cui i ruoli si intersecano, con il sindaco Bianco che si è più volte definito “Prima Autorità Sanitaria” del territorio ed un suo ex consulente, Giorgio Santonocito, che conferisce incarico da 40 mila euro al suo attuale assessore Valentina Scialfa.

Di questo abbiamo dato notizia nel maggio 2015 con l’articolo “Nuovo incarico di Medico Competente al Garibaldi: è l’assessore Valentina Scialfa”.

Al di là dell’opportunità, nella prima occasione d’incarico è stata almeno svolta la selezione pubblica, mentre in questo caso neanche quello, si è proceduto infatti ad una “proroga” che parrebbe violare i principi di accesso nella pubblica amministrazione, facendo peraltro risalirne la presunta “urgenza” ad una “richiesta” del responsabile dell’unità operativa che l’ha firmata il 2 maggio con protocollo n.357.

Quindi, niente bando ed altri 40.000 euro all’assessore Scialfa.

Anche questo sarà normale.

A Catania.

Giorgio Santonocito nomina Valentina Scialfa Medico Competente delibera n.332 del 04-05-2016

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: