Cosa prevede il referendum sulle trivelle da: internazionale.it

Attivisti di Greenpeace protestano a Roma, in piazza Venezia, contro la strategia energetica del governo.  - Francesco Alesi, Greenpeace
Attivisti di Greenpeace protestano a Roma, in piazza Venezia, contro la strategia energetica del governo. (Francesco Alesi, Greenpeace)
  • 24 Feb 2016

Da qualche mese in Italia si parla del referendum contro le trivellazioni, promosso da nove consigli regionali, appoggiati da numerosi movimenti e associazioni ambientaliste tra cui il coordinamento No Triv. Il referendum si terrà il 17 aprile. Ecco cosa prevede e gli effetti che può avere.

Quando si svolge il referendum?

Il referendum si svolgerà il 17 aprile. In molti chiedevano di spostare il voto a giugno, quando in diverse città italiane si terranno le elezioni amministrative, per risparmiare sull’allestimento dei seggi. La concomitanza tra amministrative e referendum avvantaggerebbe i promotori del quesito referendario, perché aumenterebbe la possibilità di raggiungere il quorum necessario affinché il referendum sia valido. Per raggiungerlo, deve andare a votare la metà degli aventi diritto. Il governo e il presidente della repubblica hanno deciso di convocare il referendum abrogativo il 17 aprile. La legge (decreto 98 del 2011) non prevede che le elezioni possano svolgersi in concomitanza con un referendum.

Cosa chiede il quesito referendario?

Nel quesito referendario si chiede: “Volete che, quando scadranno le concessioni, vengano fermati i giacimenti in attività nelle acque territoriali italiane anche se c’è ancora gas o petrolio?”. Il quesito riguarda solo la durata delle trivellazioni già in atto entro le 12 miglia dalla costa, e non riguarda le attività petrolifere sulla terraferma, né quelle in mare che si trovano a una distanza superiore alle 12 miglia dalla costa (22,2 chilometri).

Quali effetti può avere il sì al referendum?

Se vincerà il sì, sarà abrogato l’articolo 6 comma 17 del codice dell’ambiente, dove si prevede che le trivellazioni continuino fino a quando il giacimento lo consente. La vittoria del sì bloccherà tutte le concessioni per estrarre il petrolio entro le 12 miglia dalla costa italiana, quando scadranno i contratti. Tra gli altri saranno interessati dalla misura: il giacimento Guendalina (Eni) nell’Adriatico, il giacimento Gospo (Edison) nell’Adriatico e il giacimento Vega (Edison) davanti a Ragusa, in Sicilia. Non saranno interessate dal referendum tutte le 106 piattaforme petrolifere presenti nel mare italiano per estrarre petrolio o metano.

Perché il raggiungimento del quorum è necessario?

Raggiungere il quorum è necessario perché solo così il risultato del referendum sarà valido, come previsto dall’articolo 75 della costituzione italiana. Per essere valido devono andare a votare il 50 per cento degli aventi diritto.

Perché è rimasto in piedi solo un quesito referendario su sei?

Nel settembre del 2015 Possibile, il movimento fondato da Giuseppe Civati, aveva promosso otto referendum, ma non era riuscito a raccogliere le 500mila firme necessarie (secondo l’articolo 75 della costituzione) per chiedere un referendum popolare. Poche settimane dopo dieci consigli regionali (Abruzzo, Basilicata, Marche, Puglia, Sardegna,Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise) hanno promosso sei quesiti referendari sulla ricerca e l’estrazione degli idrocarburi in Italia. L’Abruzzo si è poi ritirato dalla lista dei promotori.

A dicembre del 2o15 il governo ha proposto delle modifiche alla legge di stabilità sugli stessi temi affrontati dai quesiti referendari, per questo la cassazione ha riesaminato i quesiti e l’8 gennaio ne ha dichiarato ammissibile solo uno, perché glialtri sette sarebbero stati recepiti dalla legge di stabilità.

A questo punto sei regioni (Basilicata, Sardegna, Veneto, Liguria, Puglia e Campania) hanno deciso di presentare un conflitto di attribuzione alla corte costituzionale riguardo a due referendum, tra quelli dichiarati decaduti dalla cassazione. I consigli regionali contestano al governo di aver legiferato su una materia che è di competenza delle regioni in base all’articolo 117 della costituzione, modificato dalla riforma costituzionale del 2001. Il 9 marzo la consulta valuterà l’ammissibilità del conflitto di attribuzione. Se il conflitto sarà valutato ammissibile, allora la corte entrerà nel merito.

Se la corte costituzionale accogliesse i ricorsi delle regioni, i due quesiti referendari in precedenza non ammessi tornerebbero a essere validi e dovranno essere sottoposti agli elettori. I due quesiti riguardano il “piano delle aree” (ossia lo strumento di pianificazione delle trivellazioni che prevede il coinvolgimento delle regioni, abolito dal governo con un emendamento alla legge di stabilità) e la durata dei titoli per la ricerca e lo sfruttamento degli idrocarburi liquidi e gassosi sulla terraferma.

Ho vissuto cinque anni da infiltrata nel più pericoloso partito neonazista europeo da: news.vice.com

Ho vissuto cinque anni da infiltrata nel più pericoloso partito neonazista europeo

Estremismo

Ho vissuto cinque anni da infiltrata nel più pericoloso partito neonazista europeo

Di Julie Tomlin

febbraio 24, 2016 | 12:35 pm

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Dopo la crisi finanziaria del 2009, in Grecia il partito neo-nazista Alba Dorata continua a ottenere sempre maggiori consensi.

Nonostante 69 membri – inclusi alcuni deputati – siano sotto processo per aver “gestito un’organizzazione criminale che intimidisce e uccide i migranti e i propri oppositori politici,” il partito è comunque riuscito a conquistare 18 seggi nelle elezioni nazionali dello scorso anno.

Quando uno dei deputati di Alba Dorata è stato accusato di aggressione, per aver schiaffeggiato un’esponente politica donna durante un dibattito televisivo, gli oppositori speravano che il vento sarebbe cambiato — ma sono rimasti delusi. La crescita di popolarità non si è fermata nemmeno quando il leader del partito Nikolaos Michaloliako ha affermato che Alba Dorata è “politicamente responsabile” dell’omicidio del rapper antifascista Pavlos Fyssas.

Per cercare di capire perché così tanti greci sostengono il partito, Angélique Kourounis ha passato cinque anni a filmare i membri di Alba Dorata con il suo collega Thomas Jacobi. Abbiamo parlato con Angélique delle centinaia di ore che sono state necessarie per realizzare il documentario Golden Dawn: A Personal Affair, e della sua determinazione nel capire perché il partito ha così tanto successo.

Cosa hai ottenuto dedicando così tanto tempo al progetto?

Angélique Kourounis: Non potevo fare un film su Alba Dorata in poco tempo, perché non mi avrebbero accettata. Mi avrebbero mostrato solo quello che volevano che vedessi. Abbiamo filmato durante distribuzioni di cibo e raccolte di sangue, a conferenze stampa, riunioni politiche, incontri con i gruppi locali, dove le persone si riuniscono due volte a settimana – alcuni incontri erano in zone facoltose di Atene come Alimos o Glyfada – e mentre filmavano e lavoravano per la radio o online.

Chi sono i membri di Alba Dorata?

Ho incontrato disoccupati, ricchi, persone della classe media; non è un partito di classe, coinvolge qualsiasi tipo di persona. Ho incontrato tre donne, una di loro era di sinistra, una era socialista, e l’altra era conservatrice, e hanno tutte deciso di unirsi ad Alba Dorata perché non hanno alcuna fiducia negli altri partiti.

Onestamente, c’è stato un momento in cui sono stata dubbiosa. Partecipavo a una riunione e tutti coloro con cui avevo parlato sembravano ragionevoli. Mi sono detta: ‘Dov’è l’Alba Dorata che pensavo di conoscere, quella violenta, che ha ucciso delle persone?’ Pensavo di essermi sbagliata. Poi un tizio, che aveva dimenticato di avere ancora il microfono acceso ha iniziato a parlare, dando ordini ai membri del gruppo su come comportarsi, e cosa dirmi quando li intervistavo.

Lì mi sono accorta che non avevo torto: Alba Dorata è Alba Dorata, quella che conosco. Direi che sono nazisti, o comunque la direzione è sicuramente quella nazista — e sono assolutamente razzisti e sessisti. Ho intervistato un uomo che diceva di aver aiutato i neri quando era in Africa con una missione militare dell’ONU, ma solo per farli rimanere lì, per non farli arrivare nel suo paese.

Screenshot dal film ‘Golden Dawn: A Personal Affair’

Cosa puoi dirmi sul sessismo nel partito, invece?

Ho passato molto tempo con le donne di Alba Dorata. Alcune di loro sono coinvolte nella direzione del partito, ma è assolutamente corretto affermare che gli uomini hanno la priorità e che i ruoli più importanti sono affidati sempre a loro. Erano tutti contenti quando [il deputato e portavoce del partito] Ilias Kasidiaris ha schiaffeggiato Rena Dourou [membro del partito Syriza] in televisione, pensavano se lo fosse meritato. Dal loro punto di vista, le donne devono tornare in cucina e aprire le gambe per sfornare bambini. Incredibilmente, anche le donne sono completamente d’accordo su questo.

Se Alba Dorata dovesse governare, il nostro unico problema sarebbe capire su quale vagone ci metterebbero.

Avete mai avuto paura?

Avevamo sempre paura, soprattutto quando è stato pubblicato il secondo documentario a giugno 2014 — perché se lo avessero visto, saremmo stati nei guai. Comunque, ci hanno rotto le telecamere e un giorno sono stata aggredita — a quel punto la situazione stava per diventare ingestibile, ma è intervenuto il deputato di Alba Dorata Nikos Mihos, dicendogli che dovevano smettere di picchiarmi o di impedirmi di fare telefonate. Credo che ora potrebbe pentirsene.

In genere eravamo tranquilli: Thomas, che è tedesco, biondo, e di bell’aspetto, era quello buono, quello con cui i membri di Alba Dorata pensavano di avere qualcosa in comune. Io ero la ragazza stupida, sciocca, piccola e grassa a cui non prestavano molta attenzione. Durante uno dei loro comizi, Thomas e un cameraman sono stati respinti, e io sono stata fatta accomodare in prima fila con il mio cellulare, proprio come una ragazza sciocca che stava ancora scoprendo il mondo. Ecco come siamo riusciti a ottenere le immagini che abbiamo.

Trailer del film ‘Golden Dawn: A Personal Affair’

Qual è il loro atteggiamento nei confronti dei giornalisti?

All’inizio Alba Dorata era un partito presentabilissimo, e Kasidiaris veniva invitato in TV e gli veniva chiesto che film avesse visto al cinema, cose così. Sapevamo chi fosse, ma solo dopo l’omicidio di Pavlos Fyssas [il rapper antifascista] la stampa ha iniziato ad affermare che Alba Dorata era nei guai. Dopo anni e anni di silenzio, era troppo. Pensavo che sarebbe stata la fine del partito, ma il risultato è stato l’esatto opposto. Probabilmente perché i greci non credono più ai giornalisti, e i sostenitori di Alba Dorata non credono a nulla di quello che scrivono.

D’altro canto, la propaganda via radio e online è molto importante per loro. Qualsiasi cosa facciano, la pubblicano immediatamente sul web per mostrare quello che stanno facendo, proprio come Daesh. Alba Dorata blocca il confine con l’Albania per due ore: lo filmano e lo mettono online. Quando distruggono gli alloggi dei migranti, lo pubblicano online. Vogliono far vedere che agiscono. E funziona.

Quale pensi che sia la strategia di Alba Dorata per il futuro?

Stanno aspettando il loro momento. Credo sia la verità che cercavo quando ho iniziato a filmare. L’ultima scena del documentario mostra un intervistato importante affermare che quando Syriza sarà al potere, la prossima [a governare] sarà Alba Dorata. Tutto il film è la dimostrazione di questo [concetto].

Temi che Alba Dorata continuerà a ottenere consensi in Grecia?

Per me è abbastanza chiaro: il mio compagno è ebreo, uno dei miei figli è gay, un altro è anarchico, e io sono una femminista di sinistra e figlia di immigrati. Se Alba Dorata dovesse governare, il nostro unico problema sarebbe capire su quale vagone ci metterebbero.

Se le persone di Alba Dorata salgono al potere, l’unica risposta possibile è restare e combattere, o andarsene. Non c’è spazio per il pensiero libero, per le persone di sinistra, per i gay, per gli antifascisti, e questo si capisce perfettamente dal film. Sono cresciuta con i racconti di mia nonna sulla guerra e sulla resistenza contro gli italiani, poi ho avuto l’enorme privilegio di conoscere il padre del mio compagno Leon, che era ebreo e faceva parte della resistenza in Francia. Mi ha spiegato che non c’era altra scelta che la resistenza. Bisogna combattere per resistere, e se non lo si fa, si accetta quello che accade.


Esposto di Rete disarmo Bombe (italiane) a catinelle da: nigrizia.it

 

L’Italia sta violando la legge 185 che regolamenta l’export di armi, mentre rifornisce di bombe l’aeronautica militare dell’Arabia Saudita che sta bombardando lo Yemen? Lo chiede un esposto della Rete italiana per il disarmo, presentato oggi alle procure di Roma, Brescia, Cagliari, Verona e Pisa.

di Redazione

 

L’Italia ha di recente rifornito di bombe l’Arabia Saudita. Ma questo paese è da dieci mesi in guerra contro lo Yemen. E in Italia abbiamo una legge, la 185 del 1990, che vieta l’esportazione di armamenti verso paesi in stato di conflitto armato e che violano i diritti umani.

È partendo da questi fatti, e ricostruendo il percorso delle autorizzazioni all’esportazione, che la Rete italiana disarmo ha presentato oggi un esposto alle procure di Roma, Brescia, Cagliari, Verona e Pisa: si chiede alle autorità competenti di verificare se sia stata o meno violata la legge 185 che regolamenta l’export di sistemi militari.

«Ci siamo mossi – ha spiegato stamani in conferenza stampa Francesco Vignarca, coordinatore della Rete disarmo – a seguito delle continue spedizioni di tonnellate di bombe dalla Sardegna all’Arabia Saudita: bombe che servono a rifornire le Royal Saudi Air Force che dallo scorso marzo sta bombardando lo Yemen senza alcun mandato da parte delle Nazioni Unite, esacerbando un conflitto che portato a quasi seimila morti di cui circa la metà tra la popolazione civile (tra cui 830 tra donne e bambini) e a una crisi umanitaria. A fronte delle risposte, evasive e anche contraddittorie, degli esponenti del governo Renzi – che in questi mesi non ha mai ritenuto di incontrare le nostre associazioni – abbiamo ritenuto doveroso inoltrare alla magistratura l’esposto».

Nel documento presentato da Rete disarmo vengono ricostruite le sei spedizioni avvenute nell’arco di pochi mesi e le conseguenti reazioni di politica e società civile, elencando inoltre iniziative legali condotte in altri paesi da associazioni che hanno rilevato nelle forniture di armamenti alle forze saudite una violazione del Trattato internazionale sugli armamenti.

«Non ci risulta – conclude Vignarca – che le Camere siano state consultate in merito a queste spedizioni di bombe all’Arabia Saudita, anzi sono state presentate diverse interrogazioni parlamentari alle quali il governo non ha ancora dato risposta». Le risposte giunte dall’esecutivo Renzi sono state evasive e contraddittorie. Il ministro Pinotti ha affermato che «l’Italia non vende bombe ai sauditi» e che «è tutto regolare per quanto riguarda le autorizzazioni».

Dal settembre scorso la Rete italiana per il disarmo, network che raggruppa oltre venti organizzazioni della società civile, ha documentato queste spedizioni e, con vari comunicati stampa promossi anche con Amnesty International Italia, ha chiesto al governo italiano di sospendere l’invio di bombe e sistemi militari all’Arabia Saudita.

Da Cagliari a Taif

Un carico di migliaia di bombe è partito due settimane fa dall’aeroporto di Cagliari con destinazione la base dell’aeronautica militare saudita di Taif, non lontano dalla Mecca. A partire dall’ottobre scorso due spedizioni sono avvenute via aereo cargo, altre due sono state effettuate imbarcando le bombe ai porti di Olbia e Cagliari). Le bombe sono prodotte dalla RWM Italia, azienda tedesca del gruppo Rheinmetall con sede legale a Ghedi (Brescia) e stabilimento a Domunovas (Carbonia-Iglesias) in Sardegna.

«Considerate le ingenti forniture di bombe aeree della RWM Italia avvenute in questi mesi – ha rimarcato Giorgio Beretta, analista dell’Osservatorio Opal di Brescia che ha svolto uno studio su questa materia (qui in pdf) – riteniamo che si tratti di nuove autorizzazioni all’esportazione rilasciate dal governo Renzi. Saremmo interessati a sapere se l’Unità per le autorizzazioni di materiali d’armamento e ministero degli esteri ritengono che l’intervento militare della coalizione a guida saudita in Yemen sia conforme all’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite e ai principi della nostra Costituzione».

Yemen

Dopo dieci mesi di ostilità – a fianco della Arabia Saudita c’è anche il Kuwait, al quale Finmeccanica si appresta a fornire 28 caccia Eurofighter Typhoon – la situazione in Yemen è tragica: le agenzie dell’Onu, oltre ai morti e ai feriti, dicono di milioni di sfollati, di più metà della popolazione ridotta alla fame e definiscono la situazione come una catastrofe umanitaria. Lo stesso Segretario generale dell’Onu, Ban Ki moon, ha condannato i bombardamenti aerei sauditi su diversi ospedali e strutture sanitarie mentre l’Alto rappresentante per i diritti umani, Zeid Ra’ad Al Hussein, ha inviato al Consiglio di sicurezza dell’Onu un rapporto che documenta “fondate accuse di violazioni del diritto umanitario internazionale e dei diritti umani” di tutte le parti attive nel conflitto.

La Rete disarmo si augura che «la magistratura (o chi di dovere) prenda presto in esame l’esposto e che, finché la materia non sia accertata, possa sospendere immediatamente l’invio di bombe e materiali militari verso l’Arabia Saudita».