Sono state rese note, nei giorni scorsi, le sentenze di accoglimento del maxi ricorso Udu, patrocinato dagli avvocati Michele Bonetti e Santi Delia, relativo al test d’ingresso alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’aprile 2014: con tali sentenze il Tar sta sciogliendo le riserve di migliaia di studenti, i quali diventano a tutti gli effetti studenti iscritti regolarmente al corso di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia.

“Sono sentenze storiche – dichiara Jacopo Dionisio, coordinatore nazionale dell’Udu (Unione degli Universitari) – che segnano un passo avanti decisivo nella battaglia contro questo sistema di accesso, il quale preclude ogni anno a migliaia di studenti la possibilità di frequentare il corso di studi che avevano immaginato per il proprio futuro. Gli studenti iscritti in sovrannumero hanno dimostrato di aver diritto di studiare ciò che avevano scelto nel modo più semplice possibile: frequentando le lezioni e dando esami”.

Università La Sapienza i test di accesso a Medicina e Odontoiatria

Pubblicità