Coniglio e Barbagallo “liberano” il 25 aprile ad Acireale dopo le proteste

foto di Mario Danna.
Mario Danna a Fancity Acireale

Coniglio e Barbagallo “liberano” il 25 aprile
Si è parlato in queste ore dell’intenzione del presidente della fondazione del carnevale Antonio Coniglio di programmare la parata in fiore (novità nel panorama delle manifestazioni carnevalesche) per i giorni 23-24 e 25 aprile. Appena saputa la notizia il presidente dell’ANPI della sezione di Acireale Maurizio Musumeci espresso il suo disappunto che si è rapidamente sommato a quello di tanti acesi che, al contrario, considerano la data del 25 aprile come un momento di ricordo e di attenzione contro le dittature e un giorno di ricordo e di festeggiamenti per la liberazione del fascismo in Italia.
Ma dopo le polemiche sono arrivati i fatti e il presidente della Fondazione del Carnevale Antonio Coniglio di concerto con il sindaco di Acireale Roberto Barbagallo hanno deciso di non far scivolare la manifestazione dei carri in fiore anche il 25 aprile ma di anticipare la manifestazione nei giorni del 22, 23 e 24 aprile. L’amministrazione comunale ha quindi ritenuto validi gli argomenti dell’ANPI e degli antifascisti e sinceri democratici acesi che si erano particolarmente risentiti dalla scelta.
E’ sempre un segno di grande ascolto e di flessibilità percepire e accogliere (come in questo caso) le richieste di tante associazioni e della società civile acese (quella che è rimasta). Un motivo certamente concreto per plaudire all’amministrazione e al presidente Antonio Coniglio che con senso dello Stato e nel pieno rispetto delle istanze sollevate fanno un passo indietro liberando così il 25 aprile.
Altro aspetto della vicenda è quello che indica per la prima volta una sezione ANPI ad Acireale e sempre per la prima volta il 25 aprile ad Acireale vedrà una manifestazione tutta acese in ricordo delle vittime, in memoria della liberazione e contro tutte le dittature.
(mAd)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: