Un ponte di solidarietà tra Catania e Parigi

 di

Manifestazione di Cgil e Anpi ieri sera sotto la sede della Prefettura. Nessuna bandiera sindacale o di partito ma solo quella della pace. LE FOTO. Proclamato il lutto cittadino.

attacco, parigi, terrorismo, Catania, Cronaca

CATANIA – Davanti alla violenza Catania risponde con i colori della pace. Il vile attentato terroristico avvenuto venerdì sera a Parigi sta seminando paura, terrore, sgomento oltre i confini della Francia. Il sangue delle oltre 120 vittime del 13 novembre ha fatto vibrare il cuore dei cittadini di ogni parte del globo. “Solidarietà a tutti i parigini e soprattutto a chi è stato colpito” – mormora Santina Sconza, la presidente dell’Anpi Catania durante la manifestazione di solidarietà organizzata ieri sera sotto la sede della Prefettura. Un presidio in cui non ci sono bandiere sindacali o di partito ma solo quella della pace. “Catania abbraccia Paris” – si legge in un cartellone. Il presidio di via Etnea vuole creare un ponte che dall’Etna raggiunge la Torre Eiffel.

Non serve a nessuno la violenza” – aggiunge la Sconza e nelle sue parole si fa cenno all’amore e alla pace. Al sogno di un mondo unito e senza guerre. Ma quanto è accaduto nella Ville Lumière non si può cancellare: il rumore delle granate e il silenzio dei corpi senza vita bruciano anima e corpo. Ma la presidente dell’Anpi crede nella cultura dell’integrazione tra i popoli. “Facciamo in modo di isolare questi assassini dell’Isis, ma non portiamo avanti l’odio. E’ chiaro che dobbiamo stare attenti – dice la Sconza rivolgendo un appello al Ministro Alfano – ma questo non vuol dire che dobbiamo limitare la libertà”.

“Non dimentichiamoci da dove arrivano gli ideali di libertà, fratellanza e uguaglianza” – gli fa eco Pina Palella della Cigl. Parigi è stata colpita, la capitale di quella rivoluzione dei diritti è stata accoltellata al cuore. La sindacalista invita i vertici dei governi a riflettere e a non lasciarsi inghiottire dal ciclone del dolore e della drammaticità. Per la Palella la “risposta non è chiudere tutte le frontiere e non permettere scambi o aperture. Ricordiamo che c’è una parte del mondo musulmano che ha condannato questa violenza”.

Oggi è domenica Pace

ARABO =salàam
SPAGNOLO =paz
INDIANO =shànti
GIAPPONESE =heiwa
FILIPPINO =kapayapàan
RUSSO =mir
GRECO =irìni
INDONESIANO =damài
FRANCESE =paix
SVEDESE =fred
INGLESE =peace
TAILANDESE =santphap
OLANDESE =vrede
LATINO =pax
TIBETANO =shide
TEDESCO =friede
CINESE =hèpìng
SWAHILI =salama
EBRAICO =shalòm
PORTOGHESE =paz

Guerra o crociata? da: libertà e giustizia

Guerra o crociata?

Guerra o crociata?   

 

Questa guerra ci coinvolge tutti, noi che abbiamo ereditato dalla Francia i valori di fondo della libertà e della democrazia.

Dobbiamo abituarci dunque ad usarla di nuovo questa parola che ci è tanto estranea quanto odiosa? E’ questa una guerra mondiale?

La nostra vita può davvero cambiare, nel soffio di pochi terribili momenti, le nostre abitudini, l’elenco delle priorità e degli impegni quotidiani. L’11 dicembre non ci è servito da monito: andiamo a New York a visitare il luogo dell’attacco e la ricostruzione, ma come fosse un sito archeologico.

Se è guerra allora dobbiamo senza esitazioni sostenere la nascita di un comitato internazionale di difesa della democrazia contro l’integralismo islamico che distrugge i segni della cultura occidentale, le mura della  nostra civiltà insieme ai corpi dei cittadini innocenti. Che insegna ai bambini e alle bambine ad uccidere e ad uccidersi.

Ma se è guerra allora bisogna che la politica cambi: basta davvero con le divisioni pretestuose, il disprezzo, il ridicolizzare il dissenso. Bisogna unire e unirci.

Se è guerra il governo italiano deve dar prova di averlo capito: si rafforzi il ministro del’Interno, quello degli Esteri e quello della Difesa. Chiediamoci e chiediamo a Papa Francesco se è davvero il momento di fare il Giubileo: non perché abbiamo paura, ma perché sicuramente introduce un ulteriore elemento di  divisione e incomprensione fra i popoli della terra.

Se è una guerra, non possiamo trasformarla o partecipare alla trasformazione in una crociata.

Se è guerra, la destra italiana non deve poter pensare di approfittarne per guadagnare un pugno di voti: a che servono, quei voti (che tutti dicono sicuri…) se attorno c’è un cumulo di macerie e una civiltà da ricostruire?

I semi dell’odio da: il manifesto.it

Pompieri francesi fuori dal teatro Bataclan durante il raid delle teste di cuoio

Mentre scriviamo le vittime sono 128, purtroppo destinate a crescere visto l’alto numero, oltre 350, di feriti alcuni gravi. È una strage immane nel cuore culturale e politico d’Europa. Parigi, segnata dall’attesa di un sabato che doveva essere spensierato, vive giorni di terrore, insicurezza e paura. Che dilagano nelle capitali europee. Già scrivono del grave smacco, dopo l’eccidio di Charlie Hebdo, del governo francese. Il fatto davvero doloroso è che bersaglio della guerra asimmetrica del terrorismo jihadista è, ancora una volta, la vita dei civili.

Ma non abbiamo ancora finito di contare i morti che già si alzano, forti quanto irresponsabili, le grida di chi chiama ad una nuova, «necessaria» guerra di vendetta per rispondere a chi colpisce la capitale morale d’Europa. Il vero grido di allerta positivo l’ha però reclamato Barack Obama che, in solidarietà con la Francia ferita, ha dichiarato: «Liberté, egalité, fraternité». La sigla vera della civiltà europea. Ma non sempre il mondo ha conosciuto la Francia e l’Europa come espressione questi valori. È invece accaduto più spesso il contrario, con l’esportazione di guerra, interessi economici e di dominio.

A Parigi i jihadisti dell’Isis che ha rivendicato, hanno ucciso metodicamente, ricaricando le armi automatiche contro ostaggi inermi, oltre che con l’esplosione dei kamikaze. Sempre al grido di «Allah è grande».

Con questo dichiarando la matrice religiosa integralista, contro obiettivi «laici» del divertimento di massa, come un concerto e uno stadio; e insieme disprezzando milioni di persone che aderiscono all’islam come religione di pace.

Quel che faceva presagire un nuovo attacco eclatante non era solo la litania di attentati e minacce avvenuti in quasi tutta Europa, ma proprio la continuazione della guerra occidentale con un nuovo protagonismo neo-coloniale proprio della Francia, in Siria ma prima ancora in Mali, Niger e Ciad. Una guerra che ha distrutto Stati decisivi per la stabilità dell’area mediorientale, come Iraq, Libia e Siria. Per la quale l’ex premier britannico Tony Blair ha nei giorni scorsi chiesto «scusa», riconoscendo che se la devastazione occidentale dell’Iraq non ci fosse stata, l’Isis probabilmente nemmeno esisterebbe.

Esiste invece e si abbevera come sanguisuga alle macerie delle nostre guerre o dimenticanze. Come per la crisi palestinese abbandonata alla strategia d’Israele che detta l’agenda mediorientale a tutta l’Europa, a cominciare dall’Italia.

Che fare allora? Le decisioni di Hollande con la dichiarazione dello stato d’emergenza, la chiusura delle frontiere, la consegna di proclamare il coprifuoco in aree a rischio, la proibizione di manifestazioni introducono di fatto uno stato di polizia e dei Servizi segreti — il cui protagonismo non ha mai fermato il terrorimo — proprio quando bisognerebbe confermare lo stato di diritto, purtroppo compromesso ampiamente in Unione europea dai diktat sulla crisi economica. Invece solo la democrazia difende davvero la democrazia mobilitando le sue forme e la sua rappresentanza popolare. L’America di Bush rispose con il patriot act all’attacco alle Twin Towers, abolendo l’habeas corpus e avviando la costruzione del campo di concentramento di Guantanamo, con tante carceri segrete illegali della Cia (sparse in tutta Europa).

È a dir poco controproducente e favorisce l’obiettivo terrorista di aizzare la repressione indiscriminata e la limitazione delle libertà per tutti, controbattere ora al terrorismo islamico con un «Patriot act europeo»; il rischio è corrispondere alla ventata di xenofobia che, dopo il dramma dei rifugiati che attraversano in fuga il Vecchio continente, divamperà ancora più forte. Marine Le Pen ha sospeso i comizi del Front National «per rispetto» delle vittime: tanto la campagna elettorale per la destra estrema (in Francia, in Italia e in tutta Europa) la fa lo Stato islamico.

Se «siamo in guerra», come rispondere allora? Soprattutto dobbiamo fermare le guerre che sono seminagione d’odio.

Una nuova guerra contrassegnata dalla sola iniziativa occidentale, alimenterebbe quel che è accaduto dopo le guerre a seguito dell’11 settebre 2001. Da allora infatti l’Afghanistan resta in guerra dopo 14 anni di intervento Usa ed è nata una nuova generazione di jihadisti integralisti dalle ceneri di tre stati (Iraq, Libia e Siria) che l’intraprendenza americana e francese ha distrutto alimentando nuovi conflitti sanguinosi, tra sunniti e sciiti e con i kurdi. Brodo di coltura dell’Isis coccolato e finanziato dall’Arabia saudita, grande alleato strategico dell’Occidente in chiave anti-Iran. Quando appare evidente che l’iniziativa jihadista ha nel mirino anche l’Iran che tratta con gli Usa, vince la partita sul nucleare, combatte l’Isis in Siria e avvia un nuovo asse con Mosca.

E finalmente dobbiamo assumere la figura del rifugiato come interlocutore privilegiato, non solo umanitario ma politico, il primo passo di una nuova alleanza con il Medio Oriente. Sono i profughi i testimoni dei fallimenti delle nostre guerre e insieme della ferocia jihadista, fuggono disperati da entrambe. Sono i protagonisti politici della nostra epoca. Nel recupero delle loro vite c’è il futuro possibile dell’Europa «in guerra».