Cgil, la Fiom vota contro il documento conclusivo della conferenza di organizzazione Autore: fabrizio salvatori da: controlacrisi.org

“Non è vero che con queste nuove regole si allarghi la partecipazione e la democrazia nel sindacato”. H motivato così,Maurizio Landini il suo no al documento che formalizza le nuove regole organizzative, uscite dalla Conferenza di organizzazione. “Al prossimo congresso, così, non consegneremo una discussione ma solo un capitolo chiuso. È una forzatura”, spiega sottolineando come alla base del suo no ci sia anche la mancata difesa della Fiom che nella partita Fiat è stata discriminata non solo dall’azienda ma anche da Fim e Uilm. “E ancora si parla di unità sindacale senza aver speso una parola su quanto accaduto”, accusa. L’assemblea dei delegati della conferenza di organizzazione della Cgil ha approvato il documento conclusivo a maggioranza con 587 voti favorevoli e 151 contrari. “A Maurizio dico che invece di frenarci fra noi – aveva detto la leader della Cgil nelle conclusioni – sarebbe meglio provare a ingaggiarci insieme nella sfida di cambiare e risperimentarci, ma senza travolgere noi stessi e la nostra storia”. “Non dobbiamo avvitarci su discussioni al nostro interno- aveva proseguito – noi rimaniamo una grande organizzazione sindacale e la nostra stella polare si chiama lavoro e occupazione: le nostre azioni devono essere giudicate su questo”. Abbastanza poco, quindi, rispetto alle numerose critiche sostanziali mosse da Landini nel suo intervento di ieri. “La democrazia – aveva detto Landini – è lo strumento per cambiare il sindacato”. Landini ha in mente non solo l’elezione diretta del segretario nazionale ma anche la democrazia referendaria nel vaglio dei contratti. Landini aveva chiesto anche una decisa ripresa delle iniziative di lotta. E Camusso ha risposto che sarà il tema delle pensioni, in un quadro unitario, il centro dell’azione dei sindacati.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: