La comandante curda Rangin: «Coalizione internazionale contro l’Isis solo a parole» da: il manifesto

Intervista. Da Kobane parla la comandante kurda Rangin, mentre sono in corso i combattimenti

Una combattente Ypj a Kobane

«È il momento che fini­sca l’isolamento», ha denun­ciato la coman­dante delle Unità di pro­te­zione popo­lare delle donne (Ypj), Nasrin Abdalla in una con­fe­renza stampa alla Camera a Roma subito dopo il nuovo attacco dell’Is a Kobane.

Per discu­tere della nuova crisi che atta­na­glia la città abbiamo rag­giunto al tele­fono nel quar­tier gene­rale Ypj della città di Kobane la coman­dante Rangin.

Che suc­cede adesso a Kobane?

I com­bat­ti­menti con­ti­nuano. Ci sono un cen­ti­naio di mili­ziani di Daesh asser­ra­gliati in città e che pro­ce­dono con attac­chi som­mari con­tro la popolazione.

Come giu­dica l’operato della coa­li­zione internazionale?

Non fanno del loro meglio. Ci sono spesso civili kurdi uccisi nei bom­bar­da­menti. Suc­cede per errore, secondo loro, ma noi invece cre­diamo che vogliano man­te­nere una forma di equi­li­brio tra jiha­di­sti e com­bat­tenti kurdi. Se la coa­li­zione vuole bom­bar­dare una siga­retta lo fa. A volte chie­diamo attac­chi mirati e dicono di non poter pro­ce­dere. Troppi com­bat­tenti jiha­di­sti hanno armi degli Stati uniti o tur­che. Invece noi per mesi non abbiamo avuto arma­menti suf­fi­cienti. Dopo la libe­ra­zione delle aree con­trol­late dal regime siriano abbiamo raf­for­zato la lotta armata ma siamo sem­pre stati dipen­denti più dal soste­gno del popolo che dalle armi.

Lei si è unita ai Ypj nell’aprile del 2013 ed è subito entrata tra i ran­ghi pro­fes­sio­nali. Come è orga­niz­zato l’esercito Ypj?

Ci sono prima di tutto unità di auto­di­fesa locale (haremi), poi com­bat­tenti pro­fes­sio­ni­ste e infine unità di resi­stenza. Soprat­tutto gli uomini par­tono dall’autodifesa per entrare in Ypg; le donne, più sco­la­riz­zate, spesso entrano diret­ta­mente tra i com­bat­tenti pro­fes­sio­nali. Noi siamo come ogni altro eser­cito, dipen­diamo dall’ideologia di Oca­lan. Ma non siamo solo un eser­cito. Nei nostri mee­ting pas­siamo tempo a discu­tere e cri­ti­carci. Siamo un eser­cito di difesa. Le donne per com­bat­tere devono sapere per­ché e per cosa com­bat­tere. Per que­sto ini­ziamo con una pre­pa­ra­zione ideo­lo­gica e acca­de­mica per­ché ogni com­bat­tente Ypj deve cono­scere sé stessa.

Quindi Ypj è un eser­cito di femministe?

Non siamo per un fem­mi­ni­smo radi­cale. Dipen­diamo da noi stesse e bene­fi­ciamo dell’esperienza di tutti. Le donne in casa pro­teg­gono l’essenzialità della donna. La nostra bat­ta­glia è come donne (non importa se kurde, siriane o euro­pee) e per la nazio­na­lità che si iden­ti­fica con l’autonomia demo­cra­tica ed è con­tra­ria al con­cetto di Stato. Nei com­bat­ti­menti di Shen­gal le donne sono andate a sal­vare altre donne. A Til­te­mer le com­bat­tenti Ypj sono andate a sal­vare le donne arabe. Siamo andate a libe­rare decine di donne pri­gio­niere nei vil­laggi occu­pati da Isis.

Uno dei temi che trat­tate nei trai­ning delle Ypj è «amore e morte»?

L’amore è essen­ziale, parte dell’istinto di ognuno. La filo­so­fia della morte è un modo di vivere. Nel pas­sato tutti sape­vano che a breve sareb­bero morti ora non è così e que­sto ci discon­nette dalla natura e non ci fa accet­tare l’idea di morte. La reli­gione sfrutta la morte: se sei mar­tire vai in para­diso. Per noi amore e morte sono in con­trad­di­zione: quando ne discu­tiamo è per cer­care una nuova vita mili­tare, comu­ni­ta­ria, quo­ti­diana. La donna non è fatta solo per avere figli. Vogliamo rifor­mare, rin­no­vare la comu­nità. E poi par­liamo molto di sessualità.

Come ven­gono accolte dai com­pa­gni uomini le Ypj?

Alcuni uomini non accet­tano che il loro coman­dante sia donna. Se in que­sto con­te­sto le donne sono mili­tari, non è invano. Dob­biamo com­bat­tere con­tro il con­cetto che molti com­pa­gni hanno della donna. Quando ne par­liamo con un Ypg, spesso accade che cambi idea e capi­sca che le Unità maschili esi­stono per­ché esi­stono le Ypj e non vice­versa. Noi non siamo un eser­cito deco­ra­tivo. Tante nostre com­bat­tenti sono sal­tate in aria su mine, sono coman­danti (la mag­gio­ranza) di unità maschili. C’è molta auto­no­mia su que­sto. Abbiamo bri­gate miste, quasi in tutte le bri­gate ci sono co-comandanti. Per esem­pio, se i com­bat­tenti kurdi non fanno puli­zia etnica dopo la con­qui­sta di una città è prin­ci­pal­mente per la nostra per­sua­sione a smet­tere di com­met­tere errori.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: