Bolzano, identificati due dei sei aggressori contro tre giovani del Prc: sono di Casapound autore Fabrizio salvatori da: controlacrisi.org

 

Hanno un nome e un volto, due degli aggressori che nella notte di martedì scorso si sono scagliati contro tre giovani militanti di Rifondazione Comunista. Si tratta di due frequentatori della locale Sezione di Casapound, conferma con una nota la Questura di Bolzano. L’identificazione e la denuncia per aggressione arrivano a meno di 24 ore dalla denuncia del fatto da parte di Giacomo Gatti, uno dei tre ragazzi aggrediti e componente della segreteria locale del partito. I tre sono stati prima pedinati e poi accerchiati e aggrediti da sei-otto persone di circa 30 anni a volto almeno parzialmente coperto. Le tre vittime sono appunto Giacomo Gatti, 23 anni militante di Rifondazione Comunista; Giacomo Venturato, di soli 19 anni, e Michele Galletti, figlio del consigliere comunale Oreste, che invece ne ha 23. «Eravamo usciti da un locale – raccontano – dove avevamo festeggiato San Patrizio, e dopo pochi passi ci siamo resi conto di essere seguiti». La connotazione politica dell’altra parte non tarda a palesarsi: «Ci hanno chiamati “zecche di m….” e continuavano ad offenderci, mentre ci venivano dietro». I ragazzi iniziano ad accelerare il passo, e da via Cassa di Risparmio imboccano ponte Talvera e presto sono sulla pista ciclabile di corso Libertà. «Abbiamo sentito urlare “ora!” – il racconto – e poi siamo stati accerchiati da sei-otto persone, con sciarpe sul volto e i cappucci delle felpe alzati, uno aveva un tirapugni».
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: