Ezidi ad Amed: Sengal deve essere autonoma da: UIKI

Ezidi ad Amed: Sengal deve essere autonoma

Un gran numero di persone della comunità yazida fuggito nella provincia curda di Amed nel nord del Kurdistan dopo gli attentati dell’ISIS a Sinjar, il 3 agosto ha tenuto una marcia e poi una conferenza stampa nel complesso sociale di Yenişehir dove hanno trovato rifugio. Raccogliendosi insieme davanti all’edificio amministrativo del campo, il popolo yazida prima ha marciato verso il centro del campo tenendo bandiere del PKK e scandendo slogan “Biji Berxwedana Şengalê – Viva la resistenza a Sinjar” e ““Şengal a meye, Öcalan serokê me ye, Ocalan è il nostro presidente.”

Parlando qui in curdo in nome del popolo yazida, il portavoce del campo, Hidir Haci, ha detto che Sinjar deve essere riconosciuta come autonoma.

Ricordando il massacro perpetrato dalle bande dell’ISIS e la tragedia umanitaria che si è svolta a Sinjar, Haci ha dichiarato: “Vogliamo che Sinjar si autoprotegga, che nessuno la protegga. Se Sinjar deve essere protetta, allora che si costruisca una struttura autonoma. Lasciate che il popolo di Sinjar protegga le proprie terre e gli stessi paesi.”

Haci ha affermato di aver invitato tutti i curdi così come il popolo yazida all’unità del popolo kurdo, aggiungendo che tutti i curdi del mondo devono andare di pari passo e in unità, lasciando da parte le loro differenze politiche o altro. “Lottiamo insieme, e difendiamoci”, ha manifestato Haci.

Rispondendo ad una domanda sul perché Sinjar non è sotto la protezione della Regione Federale del Kurdistan, Haci ha spiegato: “Vogliamo che Sinjar si autogoverni e si autodifenda. Vogliamo l’autogestione. Torneremo solo se Sinjar è riconosciuta come autonoma.”

Per quanto riguarda una domanda sulla festa yazida Cejna Cemaya celebrata il mese scorso, Haci ha asserito che non c’è festa da celebrare fino a che Sinjar sarà completamente liberata dalle bande crudeli intese a minare l’onore del popolo yazida. Haci ha precisato che la parte settentrionale di Sinjar era già stata liberata e che ritiene che il resto di Sinjar sarà liberato presto.

In seguito ad alcune domande, Haci ha dichiarato che sono state raccolte tremilacinquecento firme per la campagna “Libertà per Ocalan”, aggiungendo che hanno raccolto le firme per la libertà di Ocalan in nome del popolo di Sinjar. Haci ha invitato le autorità, lo Stato turco e il pubblico mondiale per il rilascio e la libertà di Ocalan.

Dopo la conferenza stampa, i soldati turchi hanno fatto irruzione nel campo con veicoli blindati sostenendo che le bandiere e gli striscioni erano illegali e hanno chiesto ai manifestanti di mettere via le bandiere. Dopo la tensione di breve durata, i soldati hanno lasciato la zona del campo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: