Sostieni il festival “Fino al cuore della rivolta”

  Il festival della Resistenza “Fino al cuore della rivolta” è arrivato quest’anno alla decima edizione ma ha bisgono di tutto il vostro aiuto. Sosteneteci con le sottoscrizioni e aiutateci promuovere la campagna di autofinanziamento dal basso, girando questa newsletter ai vostri contatti. Potete seguirci anche su FB e su Twitter. La ricompensa più grande sarà una bellissima edizione del festival!

Il collettivo Archivi della Resistenza – Circolo Edoardo Bassignani ha deciso di lanciare una campagna di sottoscrizione (crowdfunding) sulla piattaforma Produzioni dal basso (clicca qui), in occasione della X edizione del Festival della Resistenza “Fino al cuore della rivolta”, che avrà luogo presso il Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo (MS) dal 31 luglio al 5 agosto 2014 . In pochi ci avrebbero scommesso all’inizio, ma il nostro festival, anno dopo anno, è cresciuto fino a diventare il più importante festival in Italia, dedicato alla Resistenza. Raggiungere  questi risultati e dieci anni di “onorata carriera” non è stato facile, ma è stato possibile soltanto attraverso l’entusiasmo dei/delle tanti/e compagni/e che in questi anni hanno lavorato volontariamente al festival, al pubblico che ci ha tanto sostenuto fino a div entare un’unica grande famiglia e, soprattutto, grazie all’esempio dei partigiani e delle partigiane che sono una presenza costante in tutte le nostre iniziative.

Le difficoltà non sono tuttavia mancate, e anzi sono aumentate sempre più negli ultimi anni, con una riduzione drastica dei contributi da parte degli enti (al punto che il festival è attualmente autofinanziato dall’associazione almeno fino al 70%). Le ragioni di tali difficoltà economiche sono molteplici e complesse. Quest’anno, poi, le previsioni sono ancora più nere, eppure non vogliamo rinunciare a regalarvi, a regalarci, una decima edizione davvero speciale. Per noi rimane fondamentale mantenere lo spirito di autonomia che ha caratterizzato la programmazione del festival e, soprattutto, che tutte le iniziative siano rigorosamente ad ingresso libero, così come è stato finora. “Fino al cuore della rivolta” è un “bene comune” per questo  chiediamo a tutti voi di aiutarci a farlo sopravvivere, con una donazione. Lo chiediamo, fiduciosi, a chi è salito almeno una volta nel bosco delle Prade e ha potuto toccare con mano l’eccezionalità di questo contesto, il valore delle nostre iniziative culturali, ma lo chiediamo anche a chi non ci conosce bene e in questi anni ci ha seguito, magari solo da lontano o attraverso i social network. E poi, perché no?, lo chiediamo anche a chi sente parlare per la prima volta di noi, ma ha a cuore i valori dell’antifascismo e la trasmissione degli ideali che hanno ispirato la Lotta di Liberazione.

                            

Descrizione Festival

“Fino al cuore della rivolta. Artisti per la Resistenza” è un festival della cultura che ha l’obiettivo di far incontrare le giovani generazioni con quel patrimonio di idee e di valori che ci deriva dall’esperienza della Resistenza e la cui conoscenza ancora oggi si dimostra fondamentale nel nostro vivere civile.

Lontani dalle stanche commemorazioni con “Fino al cuore della rivolta” si intende affrontare il tema della Resistenza attraverso forme di comunicazione artistica (musica, teatro, poesia) ma anche dibattiti, seminari e laboratori. Con questa manifestazione Archivi della Resistenza – Circolo Edoardo Bassignani vuole proporre uno spazio di riflessione e di incontro dove le nuove generazioni possano avvicinare i «vecchi partigiani» per riflette insieme sul nostro passato, per pens are un domani migliore.

«Fino al cuore della rivolta» si articola in due sezioni: la prima in Primavera, in occasione del 25 aprile nel borgo di Fosdinovo e la seconda occasione nella prima settimana di agosto il festival si sposta alle Prade, nel Museo audiovisivo della Resistenza, luogo -simbolo di questo rinnovato esercizio della memoria, con un programma di spettacoli teatrali,proiezionireadingconcerti e dibattiti che si svolge in più giorni, coinvolgendo artisti e intellettuali di fama nazionale. Gli spettacoli vengono collocati in uno scenario naturale di grande suggestione (con una interessante rifunzionalizzazione di uno dei luoghi della battaglia): il pubblico si trova infatti all’interno di un bosco di castagni secolari, che vorrebbero suggerire una simbolica salita ai monti, proprio «fino al cuore della rivolta».

Il festival nasce come un naturale sbocco dall’esperienza dell’associazione nella raccolta e nella valorizzazione del patrimonio storico, in collaborazione con quegli artisti che si sono mostrati particolarmente sensibili verso la tematica e si sono fatti coinvolgere dal progetto (alcuni spettacoli sono delle anteprime assolute, concepite appositamente per l’appuntamento).

Il percorso è arrivato al suo decimo compleanno, ma ogni volta che si conclude una edizione, subito nuove idee si fanno avanti, segno che il festival non si è ancora irrigidito in una formula preconfezionata, ma vive dei continui stimoli e della passione di tutti i soci volontari che ogni anno lavorano per la sua realizzazione. Dall’inizio del 2012 l’associazione è diventata il gestore del Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo (MS) e ha fondato il Circolo culturale enogastronomico “Archivi della Resistenza”, che è aperto tutto l’anno e affianca alle aperture del museo le attività culturali, artistiche e culinarie.

Il festival, che vuole essere idealmente dedicato a tutti i combattenti per la Libertà passati, presenti e futuri, deve il suo nome al verso di una bellissima poesia di Paolo Bertolani, in cui si rivolge al padre partigiano.

(staffetta )

quando mancavi all’aria della casa

e a me pargolo insonne dicevano

che era per futili impegni fuori piazza

dove il buttare stravolto degli ulivi

tocca le case, le vite tremanti al chiuso

io non sapevo che già molto lontano

guidavi messaggi, uomini

fino al cuore della rivolta,

e ti aspettavo credulo finché non mi prendeva

un sonno duro – e oltre i vetri pioveva,

si metteva spesso un vento che era

lungo fiele nei pensieri di chi ti sapeva

come dentro a un mare – ora che il cuore è stretto

per tanta memoria dissolta, che morta

è la pietà

(Tratta da Paolo Bertolani, Piccolo cabottaggio, Contatto Edizioni, 2004)

                                  

Hanno partecipato

Lunghissimo è l’elenco dei personaggi e degli artisti che hanno preso parte alle precedenti edizioni del festival: Ivan Della MeaMaurizio MaggianiDario VergassolaStormy SixYo Yo MundiAscanio CelestiniThe GangGiovanna Marini;Banda OsirisMoni OvadiaE’ ZeziDaniele SepeClaudio LolliCisco e le Mondine di NoviMarcello Fois e i Tenores di Orosei Simone Cristicchi e il coro di Santa FioraBobo Rondelli e Franco LoiGinevra di MarcoMargherita HackTiziano ScarpaDaniele SilvestriNadaTêtes de BoisPierpaolo CapovillaJolanda InsanaDavid Riondino;Tre allegri ragazzi mortiAlessio LegaMarco RovelliApuamaterBlanca TeatroAntica Rumeria Lagrima de Oro;‘Zuf de ZurPaolo PietrangeliBanda JoronaPaolo CiarchiSandra BoninelliClaudio CormioSuonatori Terra TerraFiati SprecatiTano AvanzatoEnrico StassiNuovo Canzoniere BrescianoGian Piero AlloisioI Giorni cantati di Calvatone e Piadenai poeti dell’Ottava rima e tanti altri…

Programma edizioni: 2005 2006< /a> 2007 2008< /a> 2009 2010  2011 2012 2013

                                

Rete di collaborazioni

In questi anni l’associazione Archivi della Resistenza – Circolo Edoardo Bassignani ha allargato sempre più la rete delle collaborazioni e dei patrocini coinvolgendo le sezioni ANPI di Sarzana, Carrara, Villafranca-Bagnone, LericiOrtonovo, Fosdinovo, Castelnuovo Magra, Massa – Sez. Patrioti Apuani, tutti facenti parte del Comitato Sentieri della Resistenza. Negli anni passati ha avuto il patrocinio di Regione Toscana e Consiglio regionale – Assemblea legislativa della Liguria, Province di Massa Carrara e della Spezia, dei Comuni di Fosdinovo, Carrara,  Sarzana,Castelnuovo Magra, Lerici, Ortonovo, Massa e La Spezia. Inoltre ha la collaborazione di importanti festival e centri di ricerca: in primis Festival Lunatica, la Fondazione Ignazio Buttitta di Palermo, l’Istituto Ernesto de Martino di Sesto Fiorentino (FI), il Circolo Gianni Bosio di Roma, la Lega di Cultura di Piadena (PC), il Museo Cervi di Gattatico (RE), l’Associazione Italiana di Storia Orale (AISO), l’Istituto Pedagogico della Resistenza di Milano, gli Istituti Storici della Resistenza Toscano e Apuano.  E dal 2013: Crisoperla – Associazione biologica per una economia solidaleScuola Abreu per AullaValSusa FilmFestRete del caffè sospeso. Infine Contatto Radio – Popolare Network è, come ogni anno, la radio ufficiale del festival.

Video

Promo 2012

Promo 2011

Canale Youtube di Archivi della Resistenza

Informazioni

www.archividellaresistenza.itinfo@archividellaresistenza.it 3290099418

VAI ALLA PIATTAFORMA “PRODUZIONI DAL BASSO” PER FARE LA DONAZIONE (CLICCA QUI)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: