Contratti, più della metà dei lavoratori ancora in attesa di rinnovo: i falsi aumenti delle buste paga | Autore: redazione da: controlacrisi.org

Sono 8 milioni gli italiani che lavorano secondo vecchie clausole, stabilite in contratti collettivi di lavoro ormai scaduti. Ed e’ dall’inizio dell’anno che la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo supera abbondantemente la meta’ del totale. A marzo risulta in fila, secondo il consueto monitoraggio dell’Istat, il 61,9% degli impiegati, circa sei su dieci. C’e’ chi aspetta gia’ da molto, come i 2,9 milioni di travet, al palo dal 2010.
Le nuove statistiche confermano quindi un sostanziale blocco dell’attivita’ contrattuale. Anche sul fronte degli aumenti retributivi non ci sono novita’: l’indice resta fermo su base mensile, con un rialzo dell’1,4% nel confronto annuo, appena sopra il minimo storico.
Tuttavia i salari, per i soli contratti rinnovati, e sempre al netto della cassa integrazione, che ha fatto perdere più di un miliardo alle buste paga, risultano crescere piu’ dei prezzi, scesi a marzo allo 0,4%. La forbice, a favore degli stipendi, sale cosi’ a un punto percentuale tondo. Un “effetto ottico” derivante dalla continua discesa dei prezzi. Tanto che per trovare uno ‘spread’ ancora piu’ ampio bisogna tornare indietro al giugno del 2010, ovvero quasi quattro anni fa. Ma allora i valori erano un po’ piu’ alti. Stavolta, invece, la corsa ‘al ribasso’ e’ evidente, con un appiattimento verso i minimi su entrambi i fronti. Quindi se il divario a vantaggio delle retribuzioni senz’altro indica un recupero del potere d’acquisto, e’ anche vero che tutto avviene in un contesto di debolezza economica. Una sorta di paradosso che si ingigantisce mese dopo mese.
Dietro i dati complessivi si nascondono pero’ delle differenze, con la pubblica amministrazione in stallo, mentre il privato sale dell’1,9%, con un picco per il comparto delle telecomunicazioni (+4,0%). La Pa ha d’altra parte un peso rilevante, con 2,9 milioni di lavoratori e un totale di 15 contratti scaduti su una platea di 46 ancora da rinnovare. Fanno compagnia agli statali, tra gli altri, 1,9 milioni di dipendenti del commercio e 640 mila dell’edilizia.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: