Nomine Renzi, Amato (AltraEuropa): “Dai 16 ai 20 milioni di buoneuscite” | Autore: redazione da: controlacrisi.org

“L’operazione nomine è costata dai 16 ai 20 milioni di euro di buoneuscite: è uno scandalo che ci siano liquidazioni di questo tipo”. Così Fabio Amato, candidato alle Europee con la lista Tsipras. Nel commentare le nomine effettuate ieri sera dal governo Renzi, Amato ha anche sottolineato che la lista L’Altra Europa rappresenta l’unica vera alternativa da una parte al populismo inconcludente e dall’altra alla continuita’ con l’Europa che esiste sostenuta da Pd e Forza Italia, “che in Italia governano insieme condividendo le politiche di austerita’. Il dato reale e’ che abbiamo raccolto 220mila firme e non era affatto facile e scontato con le nostre forze di militanti e passione civile e democratica”. Marco Revelli, garante della lista “L’Altra Europa” parla, invece, di “nomine col trucco”. “Con l’operazione di ieri sulle nomine alla guida delle partecipate Matteo Renzi – aggiunge Rvelli – si conferma l’illusionista che e'”. “Esattamente come il prestigiatore Renzi ha agitato con una mano – conclude lo storico, professore all’Università di Torino – la questione di genere nominando alle presidenze, contano assai poco, figure femminili di facciata, per distogliere lo sguardo dalla sostanza: i posti che contano, quelli da Amministratore delegato, sono infatti stati riservati sistematicamente a uomini ampiamente stagionati. Uomini che sono garanzia di fedelta’ al potere e all’uomo che lo detiene, alcuni dei nuovi membri dei cda l’ hanno anche finanziato alle primarie, e soprattutto sicuri esecutori del programma di privatizzazione (diciamo pure svendita) del patrimonio pubblico, come il dogma liberista impone. Una scelta pesante di conservazione, in un luccicante involucro di finta innovazione”.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: