ANPI news n. 113

Su questo numero di ANPInews (in allegato):

 

 

APPUNTAMENTI

 

Lunedì 31 marzo 2014, dalle 14.30 alle 19.00, presso la Sala Capranichetta dell’Hotel Nazionale in Piazza Montecitorio 131 a Roma, l’ANPI Nazionale e l’Istituto Alcide Cervi promuovono una seria e approfondita riflessione, col contributo di esperti e studiosi, sui fenomeni sempre più frequenti di rigurgito neofascista e neonazista: “Il contrasto ai neofascismi: gli strumenti giuridici e politici

 

     

“LegalMente – parole, immagini, suoni: legalità e giustizia dalla A alla Z”: promossa dall’Associazione Nazionale Legalità e Giustizia, si svolgerà a Firenze dal 4 al 6 aprile un’iniziativa pubblica che vedrà la partecipazione di numerosi rappresentanti del mondo politico, istituzionale, sindacale e associativo. L’ANPI nazionale ha concesso il suo patrocinio e il Presidente Carlo Smuraglia sarà presente e interverrà

 

ARGOMENTI

 

Notazioni del Presidente Nazionale ANPI, Carlo Smuraglia:

 

Sul progetto di “abolire” il Senato: un problema delicato e complesso, da affrontare con ponderazione e con rispetto per la Costituzione

Sono costretto a tornare ancora una volta sulla questione della cosiddetta “abolizione” del Senato.Riassumo le osservazioni che ho già fatto in precedenza, per maggiore chiarezza: (…)

Anniversario delle Fosse Ardeatine: sconfitte le strumentalizzazioni, resta il ricordo, doloroso, dei caduti e l’affetto di cui devono essere circondati i familiari delle vittime. Resta soprattutto la riflessione su un crimine così orrendo, contro l’umanità, perché essa serva come antidoto contro il possibile ripetersi di ogni forma di brutale violenza

Ieri ricorreva l’anniversario della strage delle fosse Ardeatine. Una tragedia terribile, che spero molti conoscano e ricordino: 335 uomini uccisi dai tedeschi per “rappresaglia” contro un attacco partigiano, a Roma,  in cui erano stati uccisi 32 militari tedeschi. Il commando tedesco decise che bisognava fucilare dieci italiani per ogni tedesco; poi, alla conta finale, gli uccisi risultarono 15 di più; ed anche questo è un dato terrificante, che dimostra quanto poco conto si facesse della vita delle persone. Un atto di crudeltà e di barbarie inaudito, non giustificato da nulla, neppure da convenzioni internazionali e tanto più grave quando eseguito su civili (…)

Apprendiamo con soddisfazione che in questi giorni, la Corte di Cassazione ha confermato le condanne irrogate dal Tribunale militare di Verona per le stragi commesse nel 1944, nell’Appennino tosco-emiliano e in particolare nella provincia di Firenze(…)

Mi perviene una lettera aperta di tre ragazzi che il 1 aprile dovranno comparire davanti al Tribunale di Tivoli per danneggiamento ad un bene pubblico. Si tratta dell’accusa di aver imbrattato “con vernice la scalinata in marmo, due porte e quattro facciate del sacrario denominato “Il soldato”, sito in Affile. I tre ragazzi fanno alcune considerazioni e chiedono sostegno per un processo “che non deve passare come un semplice danneggiamento”. Ovviamente, io non so come stiano i fatti e quali prove vi siano sugli autori; e, avendo fatto per molto tempo l’avvocato, so che non bisogna mai pronunciarsi su atti che non si conoscono. Ma alcune considerazioni di carattere politico possono e debbono essere svolte; anzitutto per augurare, sinceramente, ai tre ragazzi in questione di poter dimostrare, nel giudizio, la proprio innocenza (…)

ANPINEWS N.113

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: