Governo, i sindacati dei pensionati protestano e minacciano una mobilitazione Autore: fabrizio salvatori da: controlacrisi.org

“E’ inaccettabile che per pensionati e anziani non ci siano sgravi fiscali. Non siamo cittadini di serie B. L’esecutivo si ravveda perche’ noi non staremo fermi e zitti”. La nota unitaria dei sindacati dei pensionati di Cgil, Cisl e Uil è molto critica verso il pacchetto di interventi delineato ieri dal Consiglio dei ministri.

 

“Tra le misure annunciate ieri dal governo per loro non c’e’ niente ed e’ ormai del tutto evidente che sono considerati a tutti gli effetti dei cittadini di serie B, non meritevoli di alcuna attenzione. Non c’e’ nessuna svolta buona per i pensionati e gli anziani”, dicono Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil. “La condizione di milioni di persone a cui sono stati chiesti negli ultimi anni tanti sacrifici, non puo’ essere archiviata cosi’.Chiediamo al governo di ravvedersi”, proseguono annunciando al tempo stesso che “non staremo ne’ fermi e ne’ zitti a guardare e subire l’ennesima ingiustizia ai danni di chi ha lavorato una vita versando i contributi e pagando le tasse fino all’ultimo centesimo”. “E’ inaccettabile – concludono – che per pensionati ed anziani non ci siano sgravi fiscali come e’ inaccettabile che si pensi di agire solo sulle pensioni per fiscalizzare gli oneri a carico dei nuovi assunti”.

Anche per il presidente della commissione Lavoro della camera Cesare Damiano (Pd)”Non si puo’ pero’ non annotare l’esclusione dalla platea dei beneficiari dei pensionati tra i quali la stragrande maggioranza percepisce meno di 1000 euro”. La Cgil, infine, fa notare che per quanto riguarda l’inasprimento sulle pensioni d’oro, l’asticella non può stare a 3.000 euro: “E’ troppo bassa”, sentenzia Camusso

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: