Grecia, da oggi una intera settimana di scioperi contro i licenziamenti pubblici Autore: RedAzione da: controlacrisi.org

 

Si apre oggi una nuova settimana cruciale per la Grecia, dove e’ prevista la mobilitazione dell’intero settore pubblico contro le politiche occupazionali del governo conservatore del premier, Antonis Samaras. La “settimana degli scioperi”, come l’ha definita l’Adedy, uno dei due maggiori sindacati della Grecia che raggruppa i dipendenti del settore pubblico, si apre con l’astensione dal lavoro per cinque giorni degli insegnanti delle scuole medie e superiori e dei dipendenti degli istituti previdenziali insieme a quelli dell’Ufficio di collocamento (Oaed), mentre l’Adedy ha indetto un’astensione dal lavoro di tutti i dipendenti pubblici dell’Attica dalle 11:30 sino alla fine dell’orario del lavoro, con la consueta protesta alle 12:00 ai Propilei, nel centro di Atene.

Sempre per oggi e’ in programma uno sciopero di 48 ore degli insegnanti delle scuole private, mentre quelli delle scuole elementari statali hanno indetto un’astensione dal lavoro di tre ore e annunciato la loro partecipazione allo sciopero generale di 48 ore indetto dall’Adedy per mercoledi’ 18 e giovedi’ 19. Per mercoledi’ alle 11:30 e’ prevista una manifestazione di protesta nella centralissima piazza di Klathmonos e per le 10:30 dello stesso giorno la manifestazione del Pame, il sindacato vicino al Partito Comunista di Grecia, nell’altra centralissima piazza della capitale, quella di Omonia. La Gsee, l’altro maggiore sindacato che rappresenta i lavoratori del settore privato, ha annunciato che partecipera’ alle manifestazioni con un’astensione dal lavoro di quattro ore per mercoledi’ 18 settembre. Problemi in vista anche per chi avra’ bisogno di cure a causa dello sciopero generale di tre giorni indetto dai medici ospedalieri per il 17, 18 e 19 settembre e del personale paramedico che aderira’ allo sciopero di 48 ore dell’Adedy. Anche i dipendenti amministrativi delle Universita’ si asterranno dal lavoro per tutta la settimana in segno di protesta contro la decisione del governo di mettere in mobilita’ 1.500 loro colleghi. Infine anche l’Ordine nazionale degli avvocati ha deciso un astensione dal lavoro per il 17 e il 18 settembre contro alcune norme inserite nel nuovo codice degli avvocati preparato dal governo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: