Israele, Isawi interrompe lo sciopero della fame. Verrà liberato tra otto mesi Autore: fabrizio salvatori da: controlacrisi.org

 

Samer Issawi, palestinese detenuto in Israele e in sciopero della fame dall’agosto 2012, ha accettato di mettere fine alla sua protesta in cambio della promessa di essere liberato. A renderlo noto alla France presse il suo avvocato.
Ricoverato a Tel Aviv in condizioni critiche, Samer Issawi, 33 anni, ha cominciato ad assumere vitamine ieri sera, ha precisato il legale, dopo un accordo con le autorità israeliane che sarà formalizzato oggi. L’intesa prevede che Issawi, accusato di attività “terroristiche”, venga liberato e possa tornare nella sua casa a Gerusalemme dopo aver scontato otto mesi di carcere, per violazione dei termini del suo precedente rilascio, che verranno contati una volta sospeso lo sciopero della fame. Le autorità israeliane avevano accettato il rilascio “immediato” solo a condizione che il detenuto si trasferisse nella Striscia di Gaza, ma Issawi aveva rifiutato.
Arrestato nel 2002 e condannato a 26 anni di carcere per “attività militari”, Issawi era stato liberato nel 2011 nell’ambito dello scambio di prigionieri avvenuto per il rilascio del soldato israeliano Gilad Shalit. Venne arrestato di nuovo nel luglio 2012, con l’accusa di essersi recato a Gerusalemme Est e in Cisgiordania per creare “cellule terroristiche”. In otto mesi di sciopero della fame ha perso almeno 45 chilogrammi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: