Catania, corsa a sindaco: su Marisa Acagnino ci scrive Tuccio Pappalardo da: ienesicule

marisa

Riceviamo e pubblichiamo:

“EGREGIO SIGNOR DIRETTORE

La ringrazio, innanzi tutto, di vero cuore, per l’ospitalità che mi concede permettendomi di confrontare alcune mie modeste opinioni con la vasta area dei lettori del Suo giornale, miei concittadini.
Mi pare, poi, opportuno aggiungere, come doverosa presentazione dello scrivente, di avere prestato servizio, per poco meno di quaranta anni, nella Polizia di Stato, da cui ho preso congedo da qualche tempo e di avere trascorso gran parte di quegli anni, per scelta dell’Amministrazione più che per mie particolari attitudini, in uffici investigativi di differenti regioni del nostro paese, prevalentemente in Sicilia, preposti al contrasto della criminalità organizzata.
Questi anni, come sempre accade a chi abbia svolto il lavoro di poliziotto, sono stati costellati, variamente e a fasi alterne, da successi nella lotta al crimine e da forse altrettante sconfitte, ma di un costante stato d’animo sono stato testimone e partecipe, insieme agli uomini che lavoravano al mio fianco: un senso di solitudine e di inadeguatezza riferito, talvolta, alla scarsa incisività delle leggi e, più spesso, all’insufficienza degli strumenti a nostra disposizione.
L’unico conforto e il più valido sostegno all’azione di contrasto condotta da noi, uomini dello Stato, nei confronti delle associazioni dedite al delitto, ci veniva, nei momenti più difficili, dai cittadini, dall’impegno della gente comune che, rinunciando al comodo distacco, assicurato dall’indifferenza, riassunta nella formula che “la mafia è sempre una questione che riguarda gli altri”, insieme alla rivendicazione del riconoscimento del proprio diritto alla sicurezza, si faceva carico dell’impegno civile di assunzione delle proprie responsabilità di cittadino.
Ed è stato per questa via e nel ricordo di quella gente che, dismessa la divisa di soldato in armi contro il crimine mafioso tradizionale e le sue inscindibili connessioni del malaffare in politica, nelle istituzioni e negli affari, ho indossato, attraverso l’adesione a varie forme di volontariato, quella del cittadino comune, soldato anch’esso ma senza armi, impegnato, però, nella stessa battaglia per l’affermazione dei principi di legalità.
Ed è stato nel mondo del volontariato che ho incrociato la figura e la storia di Marisa Acagnino.
E qui non vorrei dir nulla delle qualità umane scoperte in lei, ma solo del fatto che mi appariva più evidente e, insieme, sorprendente e miracoloso: che la sua solida e sofferta esperienza di magistrato e giudice antimafia non avesse per nulla scalfito il candore, la trasparenza senza veli e la sua capacità di darsi senza riserve alla causa dei più deboli ed indifesi.
Ed è ancora per questa via che mi son trovato tra i sostenitori dell’appello per Marisa Acagnino Sindaco, un folto gruppo di cittadini catanesi delle più differenti estrazioni , non necessariamente legati a partiti politici e uniti dalla comune volontà di dare una risposta efficace alle esigenze della città.
Questo progetto, autorevolmente avviato, con dichiarazioni pubbliche, dal Presidente della Regione, appare oggi di difficile attuazione, attesi gli accordi che sembra siano intervenuti fra i partiti del centro sinistra, compreso il Megafono.
A due mesi dalle elezioni, stiamo assistendo alla riaggregazione delle forze politiche, che hanno governato Catania negli ultimi vent’anni, conducendola all’evidente stato di degrado che tutti soffriamo, attorno ad una figura che rappresenta, ancora una volta, il passato.
I partiti politici e alcuni sindacati, questi ultimi ormai ridotti a veri e propri patronati del voto, sembrano insensibili alle istanze di rinnovamento e di partecipazione, espresse con forza anche nelle ultime consultazioni elettorali.
Chiediamoci perché.
E’ lecito pensare che ci sia un legame tra questi accordi e le scelte che la nuova amministrazione comunale dovrà assumere, in ordine al Piano Regolatore Generale, al Piano Regolatore del Porto, al raddoppio del nodo ferroviario e all’attuazione dell’accordo con i privati sulle aree di Corso Martiri della Libertà.
Un sindaco libero dai condizionamenti dei partiti e lontano dai poteri forti è apparso forse scomodo?
Egregio Direttore, ringraziandola ancora per la sua ospitalità, esprimo la viva preoccupazione che questo scenario privi noi catanesi delle residue speranze di riscatto.
Con viva cordialità
Tuccio Pappalardo”.

Laura Boldrini è presidente della Camera: “Arrivo qui dopo anni trascorsi con gli ultimi” Fonte: Controlacrisi.org | Autore: A. F.

Laura Boldrini, a sorpresa, è stata eletta presidente della Camera. Candidata nelle liste di Sel ed ex portavoce dell’Agenzia Onu per i rifugiati politici, ha ottenuto, nel corso della quarta e decisiva elezione, 327 voti. Il grillini sono rimasti fermi sul loro candidato Fico, che ha ottenuto 108 voti. Centrodestra e montiani, sapendo di non avere i numeri, sono andati avanti con le schede bianche, che alla fine sono 155.

Laura Boldrini è senz’altro una scelta in piena discontinuità con il passato, con la ‘vecchia politica’. E’ il terzo presidente donna della storia repubblicana.

Boldrini nasce a Macerata il 28 aprile 1961. Laureata in Giurisprudenza alla Sapienza di Roma nel 1985, inizia a lavorare in Rai prima di approdare, nel 1989, all’Onu lavorando per quattro anni alla Fao, dove si occupava della produzione video e radio. Dal 1993 al 1998 è portavoce per l’Italia al Programma alimentare Mondiale. Dal 1998 al 2012 è portavoce dell’Alto commissariato per i rifugiati, per il quale coordina anche le attività di informazione in Sud-Europa.

“Sono sicura che in un momento così difficile per il Paese insieme riusciremo ad affrontare l’impegno straordinario di rappresentare nel migliore dei modi le istituzioni repubblicane”, ha affermato nel suo discorso di insediamento. “Arrivo a questo incarico dopo aver trascorso tanti anni a difendere e rappresentare i diritti degli ultimi, in Italia come in molte periferie del mondo. Un’esperienza che mi accompagnerà sempre e che da oggi metto al servizio di questa Camera”, ha aggiunto. “Farò in modo – ha promesso ancora – che questa istituzione sia anche un luogo di cittadinanza di chi ha più bisogno”. “Il mio pensiero va a chi ha perduto certezze e speranze”, ha proseguito, per “dare piena dignità a ogni diritto”, per “ingaggiare una battaglia vera contro la povertà e non contro i poveri”. Perché “in quest’Aula sono stati scritti i principi fondamentali della nostra Costituzione, la più bella del mondo” e allora “quest’Aula dovrà ascoltare la sofferenza sociale di una generazione che ha smarrito se stessa, prigioniera della precarietà, costretta spesso a portare i propri talenti lontani dall’Italia”.