Elezioni 2013 SOLO VOLTI E VOCI MASCHILI: ANCORA? da: udi catania

 

Assistiamo preoccupate e sconcertate a questa campagna elettorale che con i suoi toni e i suoi contenuti sembra non tenere conto della maturità e responsabilità civica di tante cittadine e cittadini che si aspettano risposte adeguate alle difficoltà del presente e chiedono soluzioni realistiche con parole di verità: la verità dei fatti che, come sappiamo, hanno a che fare col quotidiano. Quei fatti ci parlano sì di risanare i conti, ma anche di individuare le priorità evitando di aumentare le disuguaglianze tra chi ha troppo e chi troppo poco. Ci mostrano ogni giorno l’assenza di etica pubblica e lo spreco di risorse per arricchimenti personali sempre più spregiudicati.

Ma ci dicono innanzitutto della mancanza di lavoro, in primo luogo per donne e giovani, ragazze e ragazzi; evidenziano una concezione totalizzante e disumana del lavoro che si è affermata negli ultimi decenni  della globalizzazione che col suo precariato diffuso contamina il presente e taglia possibili progetti di vita, rendendo il generare sempre più impossibile: è il futuro di tante/i che in questo modo rischia di venire ucciso.

Ci parlano della necessità di servizi essenziali efficienti e sufficienti (asili nido, scuole, consultori, case di accoglienza e centri antiviolenza, ospedali …).

Pongono l’urgenza di un modello di sviluppo che va rivisto alla radice, nel rispetto di tutti  gli esseri umani e dell’ambiente.

Inoltre quei fatti mettono drammaticamente davanti ai nostri occhi  la difficoltà di costruire relazioni sane, rispettose, tra donne e uomini: continua infatti la violenza maschile sulle donne, una violenza diffusa, che arriva fino al femminicidio, con atteggiamenti di colpevole complicità da parte di molti, informazione inclusa, il silenzio della politica e lo stato assente.

 

Noi vogliamo uno stato “materno”

 

capace cioè di prendersi cura soprattutto di chi è più debole, più sfortunato, più discriminato, ma che sappia anche valorizzare questo paese con le sue storie, competenze, passioni civili senza escludere nessuna/o.

Dopo tanti anni di dibattito promosso nel nostro Paese dalle donne e dai loro movimenti sulla democrazia paritaria, sull’incompiutezza del nostro tessuto democratico a motivo della scarsa presenza delle donne là dove si decide e dell’insignificanza politica dei loro saperi, ascoltiamo molte promesse e poche proposte che ci riguardano.

 

Questa campagna elettorale parla ancora una volta con voce e volti maschili,

soprattutto in televisione soprattutto sui media.

 

Forse è per questo che i nostri bisogni e le nostre idee, i nostri contenuti sono completamente assenti nel dibattito elettorale.

Questa assenza è la testimonianza della distanza che ancora esiste tra le donne, la loro vita, i loro problemi e la politica istituzionale. Ancora?    Sì, purtroppo ancora!

 

Noi dell’ UDI denunciamo tutto questo con forza. Lo denunciamo come un impoverimento
della politica, un danno per la democrazia. Un rischio per tutte e tutti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: