Un ricordo di Nazareno Re, persona davvero indimenticabile di Carlo Smuraglia

 
Nazareno Re ci ha lasciati, in un dolore immenso, tanto più forte quanto più grandi erano le
speranze che avevamo riposto in una ripresa, dopo la lunga malattia. Ero stato veramente
felice quando mi avevano detto che la battaglia sembrava vinta; lo avevo chiamato al
telefono, trovandolo coraggioso e fermo come sempre.
Mi aveva detto che aveva voglia di riprendere; gli avevo proposto di venire a Marzabotto, per
moderare un dibattito, anche per riprendere i contatti e consolidare le speranze. Aveva subito
accettato con piacere, ed anche questo mi aveva confortato; oggi dovrei dire, mi aveva
“illuso”. Di fatto, Nazareno non è potuto venire a Marzabotto e poi, d’improvviso, ci ha
3
lasciato. Un dolore enorme, perché conoscevo Nazareno dalla Festa di Ancona e dal
Congresso, ed avevo imparato subito ad apprezzarlo, tanto da volerlo in Segreteria; alla
quale partecipò, per un certo periodo, con la saggezza, la serietà e l’equilibrio che erano i
suoi connotati più rilevanti.
Poi, la malattia, il lungo periodo di preoccupanti notizie e di rare comunicazioni telefoniche;
poi, la speranza quasi la certezza di un’imminente, totale ripresa. E alla fine, la terribile
notizia, la delusione, lo sconforto.
Nazareno era un uomo, mite, di estrema serietà e professionalità, di grande
consapevolezza del suo ruolo e delle nostre impegnative possibilità d’azione. Un
punto fermo e sicuro, in Segreteria; una persona di affidabilità assoluta, con la
quale ho avuto i rapporti tipici tra persone riservate e in qualche modo timide.
Una persona davvero indimenticabile.
Davvero, ci mancherà, non nel modo convenzionale e rituale con cui tante volte ci si esprime,
in occasioni dolorose; ma in termini assolutamente reali, perché il vuoto che sento dentro di
me quando penso a lui è un vuoto grande, incolmabile, al quale sarà ben difficile rassegnarsi;
lo stesso che è condiviso da tutta la Segreteria e da tutti quelli che lo hanno conosciuto.

 

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: