Anche l’ANPI dice sì alla proposta di Articolo 21. In piazza con la Costituzione

Anche l’ANPI dice sì alla proposta di Articolo 21. In piazza con la Costituzione

di Articolo 21    da: www.articolo21.org

 

Anche l'ANPI dice sì alla proposta di Articolo 21. In piazza con la Costituzione

La Presidenza e la segreteria nazionale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia ha inviato un messaggio ad Articolo 21 in cui aderisce alla manifestazione proposta da Articolo 21.

“L’ANPI aderisce con piena e appassionata convinzione all’appello lanciato da Articolo 21 per una grande, unitaria manifestazione nazionale di “orgoglio costituzionale”. Ci saremo, come siamo sempre stati in tutte le iniziative volte a fondare nel Paese una coscienza democratica, responsabile e condivisa. Siamo schierati contro i continui attacchi, divenuti intollerabili, alla Costituzione – nata dalla Resistenza – Continua a leggere

Schegge di Storia Siciliana di Elio Camilleri: n° 65 ” Mazzette, debiti e distruzioni”

SCHEGGE DI STORIA SICILIANA

n. 65  – MAZZETTE, DEBITI E DISTRUZIONI

 

Era cieco, ma riusciva a stabilire al tatto il valore di una “mazzetta”, dalla sua consistenza e dalla dimensione delle banconote; dopo averla accuratamente soppesata la riponeva in un cassetto della sua scrivania, sorridendo e ringraziando come ipocritamente accade in simili circostanze.

Ciò accadeva negli anni del “sacco di Palermo, in un ufficio all’urbanistica in cui operava un socialdemocratico cui giunge la nostra solidarietà per l’handicap, ma anche un comprensibile giudizio morale per nulla solidale.

All’assessore Ciancimino, sindaco Lima, giunse una valigetta in pelle di coccodrillo con dentro venti milioni per ottenere il permesso di demolizione di Villa Deliella. A quanto pare Ciancimino, messe vie le banconote, non restituì la valigetta ai mittenti della mazzetta e della villa da demolire, gli Scalea, aristocratici, già proprietari di feudi sterminati, ma anche di sterminati debiti Continua a leggere

Le donne dell’ Anpi: ridiamo dignità all’Italia

Dal sito dell’ANPI nazionale: www.anpi.it

Le donne dell’Anpi: ridiamo dignità all’Italia

Il coordinamento femminile nazionale dell’Associazione sottoscrive l’appello lanciato dall’Unità
 

 “Mobilitiamoci per ridare dignità all’Italia”. Un appello che spontaneamente e contemporaneamente è stato lanciato in diverse città d’Italia e sottoscritto rapidamente da migliaia di uomini e donne.
Un appello che è stato pure rilanciato dalle colonne dell’Unità, dal direttore Concita De Gregorio. Una mobilitazione che ha il completo appoggio dell’Anpi.
E in particolare delle donne iscritte all’Associazione. Che attraverso il coordinamento femminile nazionale hanno diffuso una secca presa di pozione. .
“Come partigiane e come antifasciste siamo con tutte coloro che hanno risposto all’appello doveroso e appassionato de l’Unità. Questo anche a nome delle donne che nella Resistenza, Continua a leggere

Il ricordo dell’orrore nazista non muoia. L’incontro di Nunzio Di Francesco con gli studenti dell’Istituto “Piazza” di Palermo del 27 gennaio 2011.

Il ricordo dell’orrore nazista non muoia

L’appello “dell’ultimo siciliano” sopravvissuto

di Antonella Lombardi    da: www.piolatorre.it

                   tratto da Asud’Europa   Anno 5 n. 2  – 31 gennaio 2011

‘Siamo arrivati a Mathausen dentro un carro bestiame. A

frustate ci hanno stipato in un treno che dal Brennero ha

impiegato tre giorni per arrivare al lager’.

Il siciliano Nunzio Di Francesco, presidente dell’Anpi di Catania,

l’associazione dei partigiani, racconta cosi’ ai ragazzi dell’istituto

Piazza di Palermo la sua esperienza da unico sopravvissuto siciliano

nei campi di concentramento, in occasione della Giornata

della memoria. L’incontro fa parte di un ‘Progetto sulla pace incentrato

sulle grandi ingiustizie sociali nel mondo, come la Shoa o la

mafia’ – spiega la referente, l’insegnante Anna Mattina Continua a leggere