In memoria dell’assassinio del partigiano catanese( di Acireale) Alfio Anastasi a Piacenza

A.N.P.I. – Associazione Nazionale Partigiani d’Italia –

Sezione di CATANIA

 anpicatania@yahoo.it

                                                                                                                Catania,  27 luglio 2009

COMUNICATO STAMPA

 

In memoria dell’assassinio del partigiano catanese (di Acireale) Alfio Anastasi a Piacenza

 

Il 27 Luglio a Piacenza è stata commemorata la fucilazione, avvenuta  il 18 Dicembre 1944 ad opera delle truppe nazifasciste, di tre partigiani, di cui uno di essi nato ad Acireale nel 1913, di nome Alfio Anastasi, militare “sbandato” che si era aggregato con i reparti partigiani che operavano nel piacentino contro la famigerata Divisione “Turkestan”.

E’ stata scoperta una lapide nel luogo in cui persero la vita i tre partigiani, a Cicogni di Pecoraia ( Pc), in via Fontanelle n. 5.

L’Anastasi si trovava ospitato assieme ad altri due partigiani presso la famiglia Pozzi sul Monte Mosso allorquando con i suoi compagni venne sorpreso nel corso della notte da un forte rastrellamento nemico. La cascina dove si trovava nascosto Alfio Anastasi con i suoi compagni di lotta venne circondata dalle truppe nazifasciste, che irruppero all’interno e lo ferirono gravemente a colpi di arma da fuoco. I suoi due compagni, Foglia Sunter e Gamba Tarcisio, vennero catturati ed immediatamente passati per le armi nonostante non avessero opposto resistenza. Le salme degli uccisi furono sepolte in una fossa comune profonda circa 40 centimetri. La mattina seguente la gente del vicino villaggio di Cicogni fece la spola per recitare una preghiera davanti ai tre giovani affiancati con gli occhi immobili rivolti al cielo. La figura dell’acese Alfio Anastasi è una delle tante figure di abitanti della provincia di Catania che hanno dato la vita durante la Resistenza nel Nord Italia ed all’estero, il cui contributo e la stessa memoria sovente sono state dimenticate.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: